Scansionato un misterioso dipinto raffigurante Ramses II

Più di 3.000 anni fa, gli artisti dell'antico Egitto hanno modificato un dipinto reale che è stato scoperto in una tomba all'interno di una vasta necropoli, come suggerisce un nuovo studio

0
1147
Scansionato un misterioso dipinto raffigurante Ramses II
Scansionato un misterioso dipinto raffigurante Ramses II

Più di 3.000 anni fa, gli artisti dell’antico Egitto hanno modificato un dipinto reale che è stato scoperto in una tomba all’interno di una vasta necropoli, come suggerisce un nuovo studio.

Il dipinto, raffigurante il faraone Ramses II (regno dal 1279 a.C. circa al 1213 a.C.), si trova nella tomba di un funzionario di nome Nakhtamun, che fu sepolto vicino a Tebe (l’odierna Luxor). Nel dipinto, il faraone ha delle stoppie sul viso e si trova di fronte a una figura i cui lineamenti non si vedono bene.

Ciò ha portato gli studiosi del passato a proporre che il dipinto mostri il faraone in lutto per la morte di suo padre, il faraone Seti I (regno dal 1294 a.C. circa al 1279 a.C.), ha scritto il team.

Ma una nuova scansione del ritratto suggerisce il contrario.

Utilizzando una versione portatile dell’imaging a fluorescenza a raggi X (XRF), una tecnica che utilizza i raggi X per determinare la composizione chimica di un oggetto, il team ha scansionato il dipinto di Ramses II e un’altra opera d’arte della necropoli, rivelando dettagli che non erano visibili ad occhio nudo.

Tuttavia, non tutti sono d’accordo con le nuove interpretazioni del team del dipinto di Ramses II né con i suggerimenti dello studio su quando è stata creata questa opera d’arte.



Reinterpretazione di Ramses II

Il team ha scoperto che Ramses II sta effettivamente affrontando Ptah, un antico dio egizio associato agli artigiani. La scansione del dipinto “mostra che Ramses II si trova sotto un baldacchino di culto, mentre la figura in trono di fronte a lui è chiaramente il dio Ptah, non il suo defunto padre Seti I”, ha scritto il team nello studio.

Il team ha anche scoperto che Ramses II era raffigurato con un “pomo d’Adamo sporgente”, ha aggiunto il team, osservando che si tratta di “un dettaglio interessante che non viene mai mostrato nell’antica arte egizia”.

Inoltre, il faraone era originariamente raffigurato con quello che gli antichi egizi chiamavano un “collare shebyu”, che consiste in “diverse voluminose catene d’oro formate da grosse e pesanti perle lenticolari”, hanno affermato i ricercatori nello studio. Questo collare era popolare nella XX dinastia (dal 1186 a.C. circa al 1070 a.C.) ma non fu usato durante il regno di Ramses II, sostiene il team. Secondo i ricercatori, il collare shebyu è stato ridipinto e sostituito con una collana “wesekh”, un gioiello piatto indossato durante il regno di Ramses II.

Sulla base della scoperta della collana, il team pensa che il dipinto sia stato originariamente disegnato durante la XX dinastia, decenni dopo la morte di Ramses II. È probabile che quando gli artisti si sono resi conto di aver dipinto il tipo sbagliato di collana sul faraone, l’abbiano corretto, hanno scritto gli autori dello studio.

Il pomo d’Adamo sporgente potrebbe essere stato aggiunto durante questa modifica, forse per errore, ha dichiarato il primo autore dello studio Philippe Martinez, archeologo molecolare dell’Università della Sorbona e del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS). Non è chiaro perché Ramses II sia stato raffigurato con la barba sul mento. Questo è raro in quanto un faraone di solito viene mostrato rasato.

Peter Brand, professore di storia all’Università di Memphis e autore del libro “Ramses II: Egypt’s Ultimate Pharaoh “ (Lockwood Press, 2023), che non è stato coinvolto nello studio, non è d’accordo con alcuni dei risultati. Brand sostiene che la sua ricerca indica che i collari shebyu erano indossati durante il regno di Ramses II, e pensa che il dipinto risalga alla fine del regno del faraone.

“Le alte proporzioni della corona blu del re e il suo naso a forma di ‘scalpello’ sono coerenti con gli ultimi anni del suo regno, come si vede nei rilievi di Karnak”, un complesso di templi a Tebe dedicato al dio Amon-Ra. Inoltre non era d’accordo con gli autori riguardo al pomo d’Adamo sporgente nel dipinto, dicendo che non è unico nei ritratti dell’antico Egitto.

Oltre al dipinto raffigurante Ramses II, il team ha analizzato un altro dipinto tombale della necropoli. Per questo dipinto, che raffigura un proprietario della tomba di nome Menna, la scansione ha rivelato maggiori dettagli su un braccio che è stato ridipinto ma è ancora facilmente visibile ad occhio nudo.

Fonte: PLOS one

2