Perché la gravità modificata non convince

Quando osserviamo l’Universo – dalla Luna, dai pianeti e dagli oggetti del nostro Sistema Solare alle stelle, alle galassie e persino alle strutture più grandiose – assumiamo che tutti questi sistemi obbediscano alle stesse leggi fondamentali.

Assumiamo anche che tutto ciò che osserviamo possa essere spiegato dagli stessi insiemi di particelle che governano la nostra stessa esistenza. Sfortunatamente, almeno uno di questi due presupposti deve essere sbagliato, poiché l’applicazione delle leggi note della fisica alle particelle di cui si conosce l’esistenza (Modello Standard) non può spiegare l’intera suite di strutture e comportamenti che osserviamo.

È noto da tempo che l’aggiunta di un solo ingrediente aggiuntivo all’Universo può spiegare il comportamento di tutte le strutture che vediamo. Quell’ingrediente, noto come materia oscura, dovrebbe avere le seguenti proprietà:

  • essere freddo, o lento rispetto alla velocità della luce,
  • essere cinque volte più abbondante della materia normale,
  • gravitare, ma senza sperimentare le interazioni elettromagnetiche o nucleari,
  • non entrare in collisione né con se stessa né con nessuna delle particelle del Modello Standard,
  • curvare lo spazio esattamente come fa qualsiasi entità dotata di massa o energia.

La materia oscura è la principale spiegazione di questo enigma per una serie di ragioni. Ma è anche possibile, proprio come nuovi fenomeni appaiono su scala subatomica, che ci siano nuovi fenomeni gravitazionali che appaiono in determinate condizioni cosmiche. Ciò non richiederebbe una modifica alla composizione dell’Universo, ma una modifica alla nostra comprensione della gravitazione. È un’idea avvincente degna di considerazione, ma che dobbiamo esaminare in dettaglio per vedere se i conti tornano.

0*8Ux1Mcc kDuizKWK
L’ammasso di galassie Chioma, visto con un composito di moderni telescopi spaziali e terrestri. I dati a infrarossi provengono dal telescopio spaziale Spitzer, mentre i dati da terra provengono dallo Sloan Digital Sky Survey. L’ammasso della chioma è dominato da due galassie ellittiche giganti, con oltre 1000 altre spirali ed ellittiche all’interno. Misurando l’abbondanza e l’orientamento di spirali ed ellittiche rispetto alla distanza dal centro dell’ammasso, possiamo scoprire come si forma il momento angolare all’interno delle galassie membri . ( Credito : NASA / JPL-Caltech / L. Jenkins (GSFC))

Dal punto di vista osservativo, da molto tempo sappiamo che qualcosa non va con l’assunto più semplice sull’Universo: supporre che la Relatività Generale più la fisica degli atomi governino tutte le strutture dell’Universo. Certo, questo funziona perfettamente negli esperimenti qui sulla Terra così come per le osservazioni in tutto il Sistema Solare, ma su scale galattiche e più grandi, va in pezzi.

Negli anni ’30, l’astronomo Fritz Zwicky stava osservando singole galassie all’interno dell’ammasso chioma: un denso ammasso di oltre 1000 galassie nell’Universo relativamente vicino. Quando ha calcolato la massa dell’ammasso dalla luce delle stelle che ha osservato, ha ottenuto un numero; quando ha calcolato quanta massa doveva esserci nell’ammasso dai movimenti osservati delle singole galassie al suo interno, ha ottenuto un numero diverso. L’unico problema? I numeri differivano di una quantità enorme: un fattore di ~160.

Questo problema è stato in gran parte ignorato fino agli anni ’70, poiché la maggior parte degli astronomi presumeva che ci fosse semplicemente una fonte di materia sconosciuta all’interno delle galassie e dell’ammasso stesso. Ma partendo dal lavoro pionieristico di Vera Rubin, abbiamo iniziato a vedere lo stesso fenomeno anche all’interno di singole galassie rotanti. Man mano che ci si allontana dal centro galattico, le velocità di rotazione non diminuiscono come ci si aspetterebbe gravitazionalmente, ma rimangono elevate fino al limite dell’osservabilità.

0*YO5rmsoUqng s5gv
La curva di rotazione estesa di M33, la galassia del Triangolo. Queste curve di rotazione delle galassie a spirale hanno inaugurato il moderno concetto di astrofisica della materia oscura nel campo generale. La curva tratteggiata corrisponderebbe a una galassia senza materia oscura, che rappresenta meno dell’1% delle galassie. La materia oscura non è l’unica spiegazione possibile per questa osservazione; la gravità modificata può spiegarlo altrettanto bene. ( Credito : Mario de Leo/Wikimedia Commons)

Col passare del tempo, la migliore evidenza osservativa sembrava solo rafforzare questi problemi. Sono stati trovati molti problemi con il fattore di Zwicky di ~160:

  • ha sottovalutato i rapporti massa-luce di una tipica stella di circa un fattore 3,
  • ha sottovalutato la frazione di massa nei gas, al contrario delle sole stelle,
  • e ha sottovalutato la frazione di massa degli ammassi sotto forma di plasmi.

Quando si mettono insieme questi fattori, tuttavia, rimane ancora una discrepanza: una discrepanza di circa un fattore sei. Inoltre, Rubin (e poi altri) ha osservato molte singole galassie, trovando gli stessi problemi sia per le spirali ricche di gas che per le ellittiche povere di gas: le loro velocità di rotazione non diminuiscono a grandi distanze dai centri galattici, ma rimangono elevate. A volte aumentano o diminuiscono leggermente ma per lo più restano alte.

Prendendo insieme queste due serie di osservazioni, è chiaro che qualcosa non torna. Forse c’è qualche forma invisibile di massa presente: ed ecco l’ipotesi della materia oscura. Ma forse va considerata un’altra spiegazione: forse basta solo a modificare la legge di gravità.

Il primo serio tentativo arrivò all’inizio degli anni ’80, quando il fisico Moti Milgrom avanzò un’idea avvincente: l’ipotesi MOND, per la dinamica newtoniana modificata.

0*d
Una galassia a spirale come la Via Lattea ruota come mostrato a destra, non a sinistra, indicando la presenza di materia oscura. Non solo tutte le galassie, ma anche gli ammassi di galassie e persino la ragnatela cosmica su larga scala richiedono che la materia oscura sia fredda e graviti fin dai primi tempi dell’Universo. Le teorie della gravità modificata, sebbene non possano spiegare molto bene molti di questi fenomeni, svolgono un lavoro eccezionale nel dettagliare la dinamica delle galassie a spirale. ( Credito : Ingo Berg/Wikimedia Commons; Ringraziamento: E. Siegel)

Ciò che MOND ipotizzava era affascinante: che molto lontano dai centri delle galassie, su scale di migliaia di anni luce o più, le accelerazioni previste delle stelle attorno ai loro centri galattici sarebbero estremamente piccole, ma sono trainate da un sistema, nel complesso, di massa tremendamente sostanziale (materia normale). Se l’accelerazione causata da quella massa centrale scende al di sotto di un valore critico – una nuova ipotizzata costante della natura – allora l’accelerazione non è determinata dalla forza gravitazionale (o dalla curvatura dello spazio) causata dalla massa dominante, ma piuttosto ritorna a quella di valore minimo.

In altre parole, a differenza del nostro Sistema Solare, dove i pianeti e altri corpi rocciosi, ghiacciati e gassosi orbitano tutti attorno al Sole con velocità sempre decrescenti man mano che si allontanano dal Sole, le stelle all’interno di strutture cosmiche più grandi obbediscono a una regola diversa. Man mano che ti allontani dal centro di una galassia, la velocità con cui le stelle si muovono attorno ad essa asintotica verso un valore minimo: una costante proporzionale a:

  • la quantità totale di materia normale all’interno di quella galassia,
  • la costante gravitazionale,
  • e quella nuova costante ipotizzata di “accelerazione minima“.

Sorprendentemente, questa modifica alla gravità spiega con successo i movimenti delle singole stelle all’interno di tutti i tipi conosciuti di galassie, ad eccezione delle estremamente rare popolazioni di galassie scoperte di recente che sembrano prive del tutto di materia oscura (o degli effetti tipicamente visti dalla gravità modificata).

Dalle minuscole galassie a spirale a quelle massicce e giganti, dalle galassie sferoidali nane alle enormi galassie ellittiche, questa semplice regola – che c’è un valore minimo per le accelerazioni dei corpi astrofisici su scala galattica e più grandi – funziona notevolmente bene per le singole galassie.

Anche osservando i movimenti di piccole galassie satelliti attorno a quelle grandi e massicce, questa stessa regola MONDIana di un’accelerazione minima sembra descrivere i loro movimenti in modo estremamente preciso. Inoltre, in questo particolare regime, MOND può persino superare la materia oscura nei dettagli, portando a previsioni molto più coerenti e accurate per i movimenti delle componenti galattiche rispetto alle simulazioni basate sulla materia oscura.

Inoltre, ci sono alcuni parallelismi teorici interessanti che supportano ulteriormente l’idea della gravità modificata come, forse, un passo verso una teoria più pienamente fondamentale. Nell’elettromagnetismo, il comportamento dei campi elettrici e magnetici cambia se ci si trova in un mezzo dielettrico, piuttosto che nello spazio vuoto; la modifica alla gravità newtoniana che ti dà MOND si comporta in modo molto analogo: come un dielettrico gravitazionale. Se vuoi unire MOND con la Relatività Generale di Einstein, è anche possibile, semplicemente aggiungendo termini scalari (e possibilmente vettoriali) oltre ai termini standard del tensore metrico.

Attualmente ci sono cinque veicoli spaziali che stanno uscendo dal Sistema Solare o che lo hanno già lasciato. Dal 1973 al 1998, Pioneer 10 è stata la navicella spaziale più distante dal Sole, ma nel 1998 la Voyager 1 l’ha catturata e superata. In futuro, anche Voyager 2 lo supererà e alla fine New Horizons supererà anche Pioneer 11 e successivamente Pioneer 10. Le modifiche alla gravità non possono prevedere deviazioni dalle traiettorie osservate, che corrispondono alle previsioni della fisica nota con una teoria generale della relatività non modificata . ( Credito : NASA/Johns Hopkins APL/Istituto di ricerca sudoccidentale)

Finché soddisfi alcuni criteri di coerenza di base:

  • che puoi recuperare la Relatività Generale standard sulla scala del Sistema Solare,
  • che la tua velocità di gravità sia uguale alla velocità della luce e che le onde gravitazionali si comportino come previsto dalla Relatività Generale standard,
  • e che, su scale fino a un paio di milioni di anni luce, il termine di accelerazione aggiuntivo prende il posto di accelerazioni su scala galattica altrimenti più piccole,

queste modifiche alla gravità sembrano una strada estremamente promettente. In effetti, un gran numero di ricercatori è spesso attratto da questo fascino e dalla plausibilità di spiegare l’Universo osservato senza aggiungere ingredienti la cui evidenza esiste solo indirettamente: attraverso i suoi effetti gravitazionali.

Ma l’Universo è molto più di ciò che accade sul Sistema Solare e su scala galattica; c’è letteralmente un intero cosmo là fuori. In effetti, le prime prove della materia oscura non sono apparse su queste scale, ma su quelle più grandi: sulle scale degli ammassi di galassie. Con la suddetta prescrizione per modificare la gravità, dovremmo essere in grado di elaborare previsioni su come le singole galassie si muovono all’interno degli ammassi di galassie. In effetti, ne abbiamo una, ma è qui che finisce la buona notizia: le previsioni non corrispondono alle osservazioni, fornendo velocità troppo basse — su scale che vanno dal centro dell’ammasso fino a diversi milioni di anni luce da essa — per fattori di 50– 80%.

Come puoi conciliare questo se vuoi comunque salvare la gravità modificata senza dover gettare materia oscura? (O, in alternativa, un nuovo tipo di campo o interazione che si comporta in modo indistinguibile dalla materia oscura?) Ci sono solo due modi.

  1. Puoi postulare un’ulteriore modifica separata della gravità che entra in gioco su scale a grappolo.
  2. Si può ipotizzare che ci sia materia aggiuntiva, finora invisibile, al di là di ciò che è noto, previsto, osservato e calcolato per essere presente negli ammassi di galassie.

Abbiamo un detto in cosmologia che si applica fortemente alla prima linea di pensiero: “Puoi invocare la fatina dei denti solo una volta“. In altre parole, dovresti modificare la gravità in due modi separati per tenere conto dei due problemi separati che trovi su scale di distanza multiple. Se ora sei preoccupato di estrapolare scale cosmiche ancora più grandi e se avessi bisogno di una terza modifica se seguissi questa strada, dico questo: non solo hai ragione a preoccuparti, ma avresti bisogno di un quarta modifica del genere se si desidera tenere conto anche dell’energia oscura.

Ma la seconda strada – l’ipotesi di ulteriore materia normale negli ammassi di galassie – arriva con altri problemi che sono forse ancora più allarmanti.

Una vista del telescopio spaziale Hubble dell’ammasso di galassie MACS 0416 è annotata in ciano e magenta per mostrare come agisce come una “lente gravitazionale”, ingrandendo le sorgenti di luce di fondo più lontane. Il ciano evidenzia la distribuzione della massa nell’ammasso, principalmente sotto forma di materia oscura. Il magenta evidenzia il grado di ingrandimento delle galassie sullo sfondo, che è correlato al modo in cui la massa è specificamente distribuita all’interno dell’ammasso. ( Credito : STScI/NASA/CATS Team/R. Livermore (UT Austin))

Alcuni ammassi di galassie esibiscono segnali di lente gravitazionale, ingrandendo e distorcendo la luce degli oggetti sullo sfondo dietro di loro. Anche questo richiede ulteriore materia, in particolare verso i centri degli ammassi: dove la gravità modificata prevede grandi accelerazioni.

Alcuni ammassi di galassie dove i gas all’interno emettono raggi X sono caldi. Ciò pone severi vincoli su quanta “materia normale aggiuntiva” può esserci, in conflitto con le osservazioni di cui sopra.

Alcuni ammassi di galassie si trovano in alcune fasi di una collisione di ammassi: con ammassi che si avvicinano l’uno all’altro, si colpiscono a vicenda, rallentano per fondersi dopo la loro interazione iniziale o si stabilizzano all’indomani di tale interazione. Come ci si potrebbe aspettare, la maggior parte della materia normale all’interno del cluster “si schizza” insieme tra i due cluster, rivelando i raggi X. Tuttavia, gli effetti gravitazionali appaiono nelle regioni come se i due ammassi passassero semplicemente l’uno attraverso l’altro: non nel luogo in cui si trova la maggior parte della materia normale.

O la gravità è improvvisamente una forza non locale – con effetti basati su dove la materia non è – oppure la presenza di materia oscura è rivelata inequivocabilmente proprio da questa classe di sistemi.

Le mappe dei raggi X (rosa) e della materia generale (blu) di vari ammassi di galassie in collisione mostrano una netta separazione tra materia normale ed effetti gravitazionali, alcune delle prove più evidenti della materia oscura. I raggi X sono disponibili in due varietà, morbidi (a bassa energia) e duri (a più alta energia), dove le collisioni di galassie possono creare temperature che superano diverse centinaia di migliaia di gradi. ( Credit : NASA, ESA, D. Harvey (École Polytechnique Fédérale de Lausanne, Svizzera; Università di Edimburgo, Regno Unito), R. Massey (Università di Durham, Regno Unito), T. Kitching (University College London, Regno Unito) e A. Taylor e E. Tittley (Università di Edimburgo, Regno Unito))

È importante notare che ci sono anche ammassi di galassie diretti l’uno verso l’altro in uno stato pre-collisionale e, in quei casi, non c’è separazione della materia normale dagli effetti gravitazionali. Con la materia oscura, quel fenomeno è facile da spiegare: la materia normale e la materia oscura sono separate dalla collisione, poiché la materia normale interagisce, si riscalda, rallenta ed emette raggi X, mentre la materia oscura semplicemente “costeggia” influenzata solo dalla gravità.

Ma se c’è una modifica alla gravità, è molto difficile spiegare perché gli ammassi post-collisionali mostrano effetti gravitazionali non locali, ma non gli ammassi pre-collisionali. Inoltre, non c’è spazio per “materia normale aggiuntiva” nell’Universo, poiché la quantità totale di materia normale cosmica è definitivamente conosciuto e strettamente vincolato dalla nucleosintesi del Big Bang: un insieme teorico e osservativo di informazioni completamente avulse dalla questione della materia oscura/gravità modificata.

Ma alla fine, arriviamo alle scale cosmiche nei modi più importanti: la struttura su larga scala dell’Universo e il bagliore residuo del Big Bang, il Fondo cosmico a microonde (CMB). Questi sono killer assoluti per la gravità modificata, poiché ogni loro sonda richiede un ingrediente aggiuntivo (o una modifica della gravità equivalente all’aggiunta di un tale ingrediente) che è equivalente agli effetti della materia oscura. La rete cosmica lo richiede; le correlazioni galassia-galassia lo richiedono; lo richiede lo spettro di potenza dell’Universo; ed in particolare i sette picchi acustici osservati nel CMB lo richiedono assolutamente. Senza materia oscura o un mimic equivalente, il terzo, quinto e settimo picco acustico non esisterebbero!

0*28 tRtVqdbjPP Hf
In alto, la mappa delle fluttuazioni di temperatura nel CMB da Planck, insieme allo spettro di potenza di fluttuazione della temperatura (al centro) misurato. I due pannelli inferiori mostrano le fluttuazioni di temperatura simulate su varie scale angolari che appariranno nella CMB in un Universo con la quantità misurata di radiazione, e quindi il 70% di energia oscura, il 25% di materia oscura e il 5% di materia normale (L) , o un Universo con il 100% di materia normale e senza materia oscura (R). Le differenze nel numero di picchi, così come le altezze e le posizioni dei picchi, sono facilmente visibili . ( Credito : ESA/Planck Collaboration (in alto/al centro); E. Siegel/CMBfast (in basso))

Questa è la principale serie di problemi nel considerare la gravità modificata come una seria alternativa alla materia oscura. Le modificazioni della gravità che funzionano su scale galattiche – e sì, lo ammetto, che funzionano molto bene su scale galattiche – non funzionano adeguatamente su scale cosmiche più grandi. Se vuoi che la tua teoria della gravità modificata funzioni su quelle scale, devi adottare un’imitazione della materia oscura per spiegarle, oppure devi invocare ulteriori modifiche oltre a quella inizialmente ben motivata. In entrambi i casi, perdi la semplicità dell’approccio “una nuova aggiunta, molti problemi risolti” che rende la materia oscura così attraente.

Parte del modo in cui avanziamo nella nostra comprensione dell’Universo è sfidare le nostre teorie più amate e accettate nel modo più coraggioso possibile: tentando di abbatterle da tutte le angolazioni e cercando alternative che possano svolgere il lavoro altrettanto bene o addirittura meglio di loro.

Su scala galattica, la gravità modificata può assolutamente farlo e i modelli di materia oscura devono affrontare le sfide che li attendono: lavorare attraverso la formazione della struttura non lineare, il feedback dalla formazione stellare, il riscaldamento dinamico della materia oscura nei nuclei galattici e degli ammassi, ecc., per abbinare meglio le osservazioni. Ma su scale a grappolo, scale cosmiche e dai tempi antichi a quelli tardivi, la materia oscura ha un successo squisito nei regni in cui la gravità modificata richiede un mix di suppliche speciali e una quantità malsana di auto-illusione.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Articoli correlati

Popular Categories