Perché gli animali selvatici non ci attaccano di più?

Gli esseri umani sono praticamente indifesi: perché i predatori selvatici non ci attaccano più?

Indice

Gli esseri umani sono fondamentalmente indifesi contro gli animali selvatici. Ma perché gli animali selvatici non li attaccano spesso?

Quando si va in montagna o in un bosco, gli escursionisti sono generalmente rassicurati dal fatto che gli animali selvatici abbiano più paura degli umani di quanto gli umani ne abbiano di loro. 

Ci sono poche ragioni per spiegarlo, ma in base alla fisiologia umana, gli umani si sono evoluti per imparare a camminare su due piedi.

Il bipedismo segnala una minaccia ai predatori

John Hawks, un paleoantropologo dell’Università del Wisconsin-Madison, sostiene che essere bipedi dimostra ai predatori un nuovo livello di minaccia, ad esempio, altri primati come gorilla e scimpanzé esprimono minacce e comunicano ai predatori che sono nei guai alzandosi sulle gambe posteriori.

Il bipedismo fa sembrare gli umani minacciosi agli altri animali ma questo li rende anche più lenti delle loro controparti a quattro zampe, il che significa essere meno agili e veloci rispetto ai quadrupedi.

È un po’ come un bluff” spiega Hawks.

“È come se dicessimo: Sto camminando, sono grosso, sono cattivo, non ho paura di mostrarmi apertamente”.

Dal punto di vista degli animali selvatici e dei predatori in generale, la posizione eretta fa sembrare gli umani più grandi e pericolosi di quanto non siano in realtà. Ma il bipedismo è solo un bluff“.

Altri motivi per cui gli animali selvatici lasciano in pace gli umani

A parte il bipedismo, ci sono altri motivi per cui gli animali selvatici di solito lasciano in pace gli umani.

Come molti primati, gli umani vivono in gruppi e hanno sviluppato una strategia per difendersi dalle minacce che potrebbe funzionare contro i predatori.

La tecnologia umana è migliorata molto e gli umani continuano a sviluppare un arsenale di armi, come le pistole, che possono usare a distanza. Con questi mezzi gli umani diventano letali.

È interessante notare che durante le visite nelle riserve, i leoni o altri predatori non attaccano immediatamente i turisti umani in veicoli aperti. Secondo Smithsonian Magazine, i leoni potrebbero facilmente attaccare un essere umano, ma un veicolo a motore molto più grande di loro li rende ai loro occhi prede tutt’altro che facili.

Le dimensioni del veicolo vengono percepite come una minaccia non gestibile e questo è spiegabile con la dinamica predatore-preda in cui gli animali cercano di sembrare più grandi per evitare di essere percepiti come prede.

Un altro motivo per cui gli esseri umani vengono raramente attaccati da grandi animali selvatici è che il loro numero è diminuito negli ultimi anni.

Justin Suraci, un ricercatore nel campo dell’ecologia delle comunità e nella biologia della conservazione, ha affermato che i grandi animali selvatici hanno subito una grande perdita di habitat negli ultimi secoli.

Gli umani hanno cacciato, intrappolato e avvelenato i lupi che si sono quasi estinti, mentre l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) fa sapere che anche i puma sono stati spazzati via dall’intera metà orientale del Nord America, ad eccezione di una piccola popolazione trovata in Florida.

Nonostante ciò, Suraci pensa che ci sia un lato positivo nella “sana paura” che i predatori hanno nei confronti degli umani: la diffidenza reciproca probabilmente ha aiutato entrambe le specie a coesistere e ha salvaguardato quanto resta di selvatico nel mondo.

Articoli più letti

Related articles