Perché i ghepardi sono gli animali più veloci sulla Terra?

I ghepardi sono i più grandi corridori del pianeta. L’anatomia di questo meraviglioso animale, snello ed elegante, massimizza l’agilità e la velocità.

Ghepardi

La struttura anatomica dei ghepardi

Una delle caratteristiche più importanti di questi felini è il loro peso corporeo leggero, che li aiuta ad acquisire velocità più velocemente. Inoltre, hanno la testa piccola e le gambe lunghe per sfruttare al meglio le leggi dell’aerodinamica.

Non solo, la loro colonna vertebrale flessibile consente un’estensione estrema durante la corsa. Essere in grado di flettersi tanto aiuta i ghepardi a ruotare i fianchi e le scapole in un modo che favorisce la velocità.

Perché la velocità di corsa rompe con gli schemi regolari che governano la maggior parte degli altri aspetti dell’anatomia e delle prestazioni degli animali?“, Si è chiesto il dottor David Labonte dell’Imperial College di Londra. Lo studioso ha spiegato che esistono due fattori limitanti la velocità di corsa, anziché uno solo, come si è sempre ipotizzato.

Ghepardi

Labonte e coautori hanno esplorato il modo in cui i muscoli si contraggono, utilizzandolo per costruire un modello fisico che prevede la velocità di corsa di un animale. Hanno confermato la sua accuratezza confrontando le previsioni con misurazioni raccolte da altri su più di 400 specie, dagli insetti ai mammiferi più grandi.

La chiave del nostro modello è capire che la velocità massima di corsa è limitata sia dalla velocità con cui i muscoli si contraggono, sia da quanto possono accorciarsi durante una contrazione“, ha spiegato il coautore professor Christofer Clemente dell’Università della Sunshine Coast.

Animali delle dimensioni dei ghepardi esistono in un punto fisico ottimale a circa 50 chilogrammi, dove questi due limiti coincidono. Questi animali sono quindi i più veloci, raggiungendo velocità fino a 105 chilometri all’ora”.

I ghepardi sfruttano al massimo i muscoli a contrazione rapida

Gli animali più piccoli sono frenati dal primo limite a cui fa riferimento Clemente: i loro muscoli non possono contrarsi abbastanza velocemente da disturbare le loro controparti di taglia media. Le forze generate dalla contrazione muscolare sono elevate rispetto al peso degli animali, il che è utile per superare le forze contrastanti, come quando si corre in salita, ma limita le velocità massime.

Gli animali di grossa taglia invece raggiungono il “limite della capacità di lavoro”: semplicemente non riescono a produrre forze abbastanza grandi da accelerare le loro grandi masse a velocità elevate.

Per animali di grandi dimensioni come i rinoceronti o gli elefanti, correre potrebbe sembrare come sollevare un peso enorme, perché i loro muscoli sono relativamente più deboli e la gravità richiede un costo maggiore. Come risultato di entrambi, gli animali alla fine devono rallentare man mano che diventano più grandi“, ha spiegato il dottor Peter Bishop dell’Università di Harvard.

Ghepardi

Gli autori hanno paragonato la situazione al numero di Reynolds nella dinamica dei fluidi, dove la viscosità domina su piccola scala e le forze inerziali su quella più grande.I

I ghepardi possono avere le dimensioni giuste per la massima velocità, ma ci sono altri motivi per cui hanno raggiunto certi traguardi. Un fattore, come può dire chiunque abbia visto un documentario girato nella savana africana, è che i ghepardi si sono evoluti per diventare velocisti piuttosto che corridori di lunga distanza, sfruttando al massimo i muscoli a contrazione rapida.

Lo studio sulla velocità del ghepardi rimane ancora una questione aperta

Ai ghepardi viene risparmiata anche la concorrenza di alcune creature di dimensioni simili. I grandi rettili come i coccodrilli non possono eguagliare la velocità delle loro controparti mammiferi.

Questo fatto potrebbe essere un altro elemento scientifico che i creatori della serie Jurassic Park /World ignoreranno, ma gli autori di questo studio sono ansiosi di scoprire il perché, anche se finora non hanno avuto tutte le risposte.

Una possibile spiegazione di ciò potrebbe essere che i muscoli degli arti rappresentano una percentuale minore del corpo dei rettili, in termini di peso, il che significa che raggiungono il limite di lavoro con un peso corporeo inferiore e quindi devono rimanere piccoli per muoversi rapidamente“, ha affermato il dottor Taylor Dick dell‘Università del Queensland.

Ghepardi

Questo, tuttavia, sposta semplicemente la domanda indietro di un passo: dati gli immensi vantaggi della velocità, perché i grandi rettili non hanno sviluppato i muscoli degli arti per eguagliarli a quelli dei mammiferi?

Sebbene si stato svolto un ottimo lavoro nel corrispondere alle capacità di velocità delle specie viventi, lo studio sui ghepardi ha incontrato alcune problematiche all’estremità più ampia della scala, prevedendo che dovrebbe essere impossibile per un animale terrestre che pesa più di 40 tonnellate muoversi.

Sappiamo che non è vero, perché i titanosauri sono riusciti in qualche modo a spostarsi e il più grande pesava circa 70 tonnellate. Gli autori della ricerca sui ghepardi hanno supposto che ci dovesse essere qualcosa di diverso nella struttura muscolare dei dinosauri più grandi rispetto a qualsiasi cosa vivente, ma non sanno cosa fosse.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Articoli correlati

Popular Categories