Perché alcuni “sentono” le voci dei morti

Le esperienze di chiaroveggenza e chiaroudienza, cioè l'esperienza di vedere o sentire qualcosa in assenza di stimoli esterni e attribuite agli spiriti - è di grande interesse scientifico

1553

La scienza ha scoperto tratti in alcune persone che aumenterebbero la possibilità di credere di udire le voci dei defunti.

Secondo uno studio, alcune predisposizioni, unite a esperienze uditive insolite avvenute durante l’infanzia e un’elevata suscettibilità alle allucinazioni uditive, si verificano tutte con maggiore intensità in soggetti chiaroudienti rispetto alla popolazione generale.

Secondo i ricercatori la scoperta potrebbe aiutarci a capire le allucinazioni uditive sconvolgenti che accompagnano malattie mentali come la schizofrenia.

Le esperienze di chiaroveggenza e chiaroudienza, cioè l’esperienza di vedere o sentire qualcosa in assenza di stimoli esterni e attribuite agli spiriti – è di grande interesse scientifico, sia per gli antropologi che studiano esperienze religiose e spirituali, sia per gli scienziati che studiano esperienze allucinatorie patologiche.

L’intento dei ricercatori è quella di capire perché alcune persone che affermano di vivere esperienze uditive raccontano un’esperienza spiritistica, mentre ad altre queste angoscianti esperienze portano a una diagnosi di salute mentale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Gli spiritualisti tendono a segnalare esperienze uditive insolite che sono positive, iniziano presto nella vita e che spesso sono poi in grado di controllare”, ha spiegato lo psicologo Peter Moseley della Northumbria University nel Regno Unito.

“Capire come si sviluppano è importante perché potrebbe aiutarci a capire di più sulle esperienze angoscianti o non controllabili dell’udire delle voci”.

Moseley e il suo collega psicologo Adam Powell della Durham University nel Regno Unito hanno reclutato e intervistato 65 medium chiaroudienti della Spiritualists ‘National Union del Regno Unito e 143 membri della popolazione generale reclutati attraverso i social media, per capire cosa differenziasse gli spiritisti dal pubblico in generale, che solitamente non raccontano di udire le voci dei morti.

Nel complesso, il 44,6% degli spiritisti ha raccontato di aver sentito voci ogni giorno e il 79% ha affermato che le esperienze erano parte integrante della loro vita quotidiana. E mentre la maggior parte ha riferito di aver sentito le voci nella propria testa, il 31,7% ha riferito che anche le voci erano esterne.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I risultati del sondaggio sono stati sorprendenti.

Rispetto alla popolazione generale, gli Spiritualisti hanno riportato una credenza molto più elevata nel paranormale tendendo in misura maggiore a non preoccuparsi di ciò che la gente pensava di loro.

Gli Spiritualisti nel complesso hanno avuto la loro prima esperienza uditiva in media a un’età di 21,7 anni, e hanno riportato un alto livello di assorbimento. Questo è un termine che descrive l’immersione totale in compiti e attività mentali o stati alterati, e quanto sia efficace l’individuo nell’accordare il mondo che li circonda.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, hanno raccontato di essere portati verso esperienze simili ad allucinazioni. I ricercatori hanno notato che di solito i soggetti non avevano sentito parlare di spiritualismo prima delle loro esperienze; piuttosto, l’avevano scoperto cercando risposte che spiegassero le loro esperienze.

Nella popolazione generale, alti livelli di assorbimento erano fortemente correlati con la credenza nel paranormale, ma poca o nessuna suscettibilità alle allucinazioni uditive. E in entrambi i gruppi, non c’erano differenze nei livelli di fede nel paranormale e nella suscettibilità alle allucinazioni visive.

Questi risultati suggeriscono che è quindi improbabile che sperimentare le “voci dei morti” sia il risultato della pressione dei pari, di un contesto sociale positivo o della suggestionabilità dovuta alla fede nel paranormale. Invece, questi individui adottano lo spiritismo perché è in linea con la loro esperienza ed è personalmente importante per loro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Le nostre scoperte dicono molto su ‘apprendimento e desiderio’. Per i nostri partecipanti, i principi dello spiritualismo sembrano dare un senso sia alle esperienze straordinarie dell’infanzia sia ai frequenti fenomeni uditivi che sperimentano come medium praticanti”, ha detto Powell .

“Ma tutte queste esperienze possono derivare più dall’avere certe tendenze o abilità precoci che dal credere semplicemente nella possibilità di contattare i morti se ci si sforza abbastanza”.

La ricerca futura, hanno concluso, dovrebbe studiare una varietà di contesti culturali per comprendere meglio la relazione tra assorbimento, credenza e la strana esperienza spirituale delle allucinazioni uditive.