Un oggetto enorme, forse una cometa, si sta avvicinando al Sole

Un oggetto chiamato 2014 UN271, probabilmente una gigantesca cometa fatta di ghiaccio e roccia che normalmente trascorre il suo tempo nella nube di Ort, molto oltre Nettuno, si sta dirigendo verso il Sole e nei prossimi dieci anni sfiorerà l'orbita di Saturno

1566

Un oggetto chiamato 2014 UN271, probabilmente una gigantesca cometa fatta di ghiaccio e roccia che normalmente trascorre il suo tempo nella nube di Ort, molto oltre Nettuno, si sta dirigendo verso il Sole e nei prossimi dieci anni sfiorerà l’orbita di Saturno.

Non sarebbe un fenomeno così strano, in sé, conosciamo molte comete che ogni tanto escono dalla nube di Ort per dirigersi verso il Sole dopo avervi trascorso millenni, ma questa è particolare per diversi motivi.

Uno è quanto sia incredibilmente allungata la sua orbita: va da circa 1,6 miliardi di chilometri dal Sole (appena fuori dall’orbita di Saturno) a 2 trilioni di chilometri. Questo è un quinto di un anno luce! Da quella distanza la gravità del Sole è così debole che un sussurro potrebbe spingere questa cosa nello spazio interstellare.

Un altro è la sua dimensione. Una grande cometa potrebbe essere larga 50 chilometri (la dimensione della famosa cometa Hale-Bopp che ha visitato il sistema solare interno negli anni ’90). Questo sembra proprio che, invece, raggiunge l’incredibile larghezza di 200 chilometri.

Un pianeta nano, più che una cometa

NASA/JPL-Caltech
2014 UN271 è stato scoperto analizzando i dati del Dark Energy Survey, un enorme progetto per mappare circa 1/8 dell’intero cielo per diversi anni. La missione principale dell’indagine è mappare centinaia di milioni di galassie e migliaia di supernovae per comprendere meglio la forma, le dimensioni e l’espansione dell’Universo.
Tuttavia, può anche vedere alcune cose significativamente più vicine a noi, come i corpi del sistema solare. Questi si muovono molto lentamente da una notte all’altra e il software può verificare le immagini scattate in momenti diversi per cercare oggetti in movimento.
La prima immagine conosciuta di 2014 UN271 risale al 2014, da cui il nome.
La scoperta è stata annunciata il 19 giugno 2021 e da allora l’orbita è stata aggiornata alcune volte, come da database JPL Minor Planet. Ma in generale, l’orbita è molto lunga e l’oggetto molto grande.
Pedro Bernardinelli, uno degli astronomi del team, ha pubblicato questa immagine, una combinazione di diverse immagini scattate nel corso degli anni.

[Il suo commento nel tweet è che non si è ancora visto alcun degassamento; ne parleremo più sotto.]

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

2014 UN271 è ciò che chiamiamo un oggetto transnettuniano, o TNO. Questa è una classe di oggetti che orbitano attorno al Sole oltre Nettuno e sono disponibili in una varietà di forme, dimensioni, orbite e così via. Alcuni sono piuttosto grandi.

Plutone è tecnicamente il più grande che conosciamo, con una larghezza di circa 2.400 km (più di tre volte la distanza tra Roma e Reggio Calabria). Sono stati identifica molti altri oggetti nell’intervallo 100 – 1.000 km, ma questi oggetti sono così lontani che ne abbiamo individuati solo una manciata.

NASA/JPL-Caltech
2014 UN271 trascorre la maggior parte della sua orbita di circa 600.000 anni in orbita a centinaia di miliardi di chilometri dal Sole, e l’unico motivo per cui è stato trovato è perché è solo a circa 3 miliardi di km da noi in questo momento, all’incirca la distanza di Nettuno dal Sole.
Così è stata calcolata anche la sua dimensione. Per una data luminosità che vediamo sulla Terra, un oggetto lucido è più piccolo e uno scuro più grande. Se assumiamo che rifletta il 4% della luce solare che lo colpisce (ragionevole, dal momento che è una media decente per i TNO) è largo 200 chilometri. Ma potrebbe essere più scuro e più grande, o più riflettente e più piccolo. Lo sapremo meglio nei prossimi anni.
Non sappiamo di cosa sia fatto esattamente questo oggetto, ma dato quello che sappiamo sui TNO, è probabilmente un mix di ghiaccio d’acqua e roccia, oltre ad altre cose congelate come anidride carbonica, metano, azoto e simili. È troppo piccolo per essere rotondo; la sua gravità è troppo debole per schiacciarsi in una sfera (il più piccolo oggetto conosciuto come quello nel sistema solare è la luna di Saturno Mimas, larga 400 km), quindi è molto probabilmente di forma irregolare.
Quindi è più simile a una cometa di Brobdingnagia che a un minuscolo pianeta. Il che fa pensare: si comporterà come una cometa?
Vedremo attività da esso mentre si avvicina al Sole, con i ghiacci che si trasformano in gas in modo che sviluppi una testa sfocata e una lunga coda? Potrebbe, dal momento che l’abbiamo visto fare ad altri oggetti che si sono avvicinati quanto questo.
Date le sue dimensioni, se inizierà ad emetterà pennacchi di gas, potrebbe diventare molto più luminoso. Senza attività dovrebbe arrivare a circa magnitudine 18 in avvicinamento, che è ancora 1 / 100.000 esimo brillante come la stella più debole che è possibile vedere ad occhio. Ci vorranno grandi telescopi per vederlo. Ma se diventa attivo, beh, vedremo.

Il suo approccio più vicino avverrà all’inizio del 2031. È vicino, ma forse potremmo avere abbastanza tempo per progettare una sonda da inviare. L’Agenzia spaziale europea sta costruendo una missione chiamata Comet Interceptor che è specificamente progettata per cercare comete provenienti dallo spazio profondo che sono nel loro primo viaggio in entrata nel sistema solare interno (come la cometa Borisov del 2019).

Non abbiamo mai avuto la possibilità di vedere qualcosa di simile da vicino prima d’ora. Alcune lune dei pianeti esterni sembrano TNO catturate, ma sono state certamente alterate nel corso degli eoni dal pianeta ospite e dalla vicinanza al Sole. Vedere da vicino un nuovo TNO di queste dimensioni e per una visita prolungata sarebbe straordinario .

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Probabilmente presto ne riceveremo molte immagini (al momento, sfortunatamente, Hubble è offline, quindi si spera che i più grandi “telescopi terrestri” possano comunque compiere osservazioni).

Nelle immagini apparirà solo un minuscolo puntino, anche quando si avvicinerà all’inizio del prossimo decennio, ma c’è molto che possiamo imparare da un puntino.