Ofwegenum coronalucis: la nuova specie trovata nella barriera corallina dell’Oman

Una squadra di ricercatori ha individuato una nuova specie appartenente ai coralli molli, che è stata ribatezzata Ofwegenum coronalucis, in onore del dottor Leendert P. van Ofwegen, eminente tassonomista degli ottocoralli, in ricordo del suo prolifico contributo alla conoscenza

0
86
Ofwegenum coronalucis

Lungo una barriera corallina al largo della costa dell’Oman, uno sconosciuto elemento marino, ribatezzato Ofwegenum coronalucis, è stato intravisto da un team di ricercatori. La luce del sole che ha penetrato l’acqua riverberandosi sul quello che è sembrato un animale e gli ha donato una “corona” di luce” appunto. Qualcosa nell’essere marino ha attirato l’attenzione degli scienziati vicini, rivelandosi una nuova specie.

Ofwegenum coronalucis

Ofwegenum coronalucis: la nuova specie di corallo molle chiaro

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista ZooKeys, gli esploratori si sono avventurati nelle barriere coralline poco profonde al largo della costa meridionale della penisola arabica in diversi giorni di spedizione nel 2022, alla ricerca di coralli.

A circa 24 metri sotto la superficie, i ricercatori hanno trovato diversi coralli riflettenti che crescono lungo la barriera corallina. I ricercatori hanno raccolto alcuni campioni e, osservandoli più da vicino, si sono resi conto di aver scoperto una nuova specie: Ofwegenum coronalucis, o corona di Ofwegen di corallo molle chiaro.

La corona di coralli molli chiari ricorda piccoli giardini fioriti, come mostrano le foto. Si tratta di animali coloniali con una base simile a una “stuoia” da cui crescono innumerevoli polipi a forma di stelo. Ogni polipo ha otto tentacoli che si ramificano dalla parte superiore, conferendogli l’aspetto di un fiore.



Ofwegenum coronalucis

La nuova specie di Ofwegenum coronalucis cresce sulla barriera corallina come “tappeti sottili”, ha dichiarato la coautrice principale dello studio, Catherine McFadden: “Finché c’è spazio disponibile per continuare a diffondersi, possono continuare a crescere”.

Intorno alla parte superiore dei polipi, la corona di coralli molli chiari ha piccole strutture indurite che “riflettono la luce”. Una foto ravvicinata di alcuni polipi mostra questi scintillanti anelli bianchi sui tentacoli a forma di petalo.

I ricercatori hanno detto di aver chiamato la nuova specie con le parole latine: Ofwegenum coronalucis, che significa corona di luce, a causa dei suoi anelli riflettenti. Il nome generico Ofwegenum (genere: neutro) onora il defunto dottor Leendert P. van Ofwegen (1953–2021), un caro collega ed eminente tassonomista degli ottocoralli (Hoeksema 2021), in ricordo del suo prolifico contributo alla conoscenza.

Nel complesso, la corona di coralli molli chiari “appare marrone con tentacoli blu-verdi”, afferma lo studio. Questa “sorprendente colorazione blu-verde” è “unica” e “rara tra gli ottocoralli”.

Gli Ofwegenum coronalucis sono animali molto belli che sono quasi completamente sconosciuti“, ha detto McFadden: “ Nel complesso, la corona di coralli molli chiari Ofwegenum coronalucis “appare marrone con tentacoli blu-verdi”, come viene ampiamente descritto nello studio .

La nuova specie è considerata rara ed è stata trovata solo su tre barriere coralline vicino a Mirbat, una città costiera nel sud-ovest dell’Oman, che si trova all’estremità sud-orientale della penisola arabica. Il paese confina a nord con gli Emirati Arabi Uniti, a est e a sud con il Mar Arabico e a ovest con lo Yemen e l’Arabia Saudita.

La nuova specie è stata identificata dalla sua forma, colorazione e natura riflettente, ha dichiarato la squadra di ricercatori che ha rinvenuto l’Ofwegenum coronalucis . Un’analisi del DNA ha inoltre confermato che la nuova specie era distinta dagli altri coralli molli.

Il gruppo di ricerca è  stato costituito da Catherine McFadden, Yehuda Benayahu e Kaveh Samimi-Namin. Il team ha anche identificato un nuovo genere, Ofwegenum, e altre due nuove specie di coralli molli vicino all’Australia e alla Riunion, un’isola francese vicino al Madagascar.

Ad oggi, le uniche informazioni di cui disponiamo sulla scoperta dell’Ofwegenum coronalucis si limitano a quelle riferite dal gruppo di studiosi capitanato da Catherine McFadden.

Ofwegenum coronalucis

Per ulteriori dettagli confidiamo in studi più approfonditi, poiché la scoperta di nuove specie mette l’uomo a stretto contatto con la vastità che ci offre il patrimonio naturalistico del nostro pianeta e sicuramente l’Ofwegenum coronalucis appartiene a quelle scoperte che non destano solo meraviglia, ma che continuano a stimolare , sia negli addetti ai lavori che negli appassionati, lo spirito di ricerca.

2