Le tartarughe marine mangiano plastica oceanica perché profuma di cibo

In tutto il mondo, le tartarughe marine ingeriscono pezzi di plastica nell'oceano e spesso, di conseguenza, muoiono

0
1470
Indice

In tutto il mondo, le tartarughe marine ingeriscono pezzi di plastica nell’oceano e spesso, di conseguenza, muoiono.

Ci sono molte teorie sul perché le tartarughe marine e altri animali marini ingeriscono la plastica. Alcuni studiosi hanno a lungo ipotizzato che la scambino per cibo a causa del suo aspetto; ad esempio, le tartarughe potrebbero mangiare un sacchetto di plastica scambiandolo per una medusa.

Ma gli scienziati dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, hanno capito che queste teorie non spiegavano affatto se le tartarughe potessero essere attirate dagli odori della plastica. In uno studio pubblicato su Current Biology, hanno affermato di aver trovato, per la prima volta, una risposta plausibile a questa domanda: le tartarughe marine confondono l’odore della plastica con il cibo.

Questa scoperta è importante perché è la prima dimostrazione che l’odore delle materie plastiche oceaniche fa sì che gli animali le mangino“, ha dichiarato il biologo dell’UNC-Chapel Hill, Kenneth J. Lohmann. “È comune trovare tartarughe caretta con i loro sistemi digestivi completamente o parzialmente bloccati perché hanno mangiato della plastica“.

Nello studio condotto, sono state prese in esame 15 tartarughe caretta, le quali sono rimaste in cattività per cinque mesi; dunque, sono stati emessi una serie di odori attraverso una pipa. Si è notato come le tartarughe ignorassero i profumi della plastica e dell’acqua pulita, ma reagissero all’odore del cibo e delle materie plastiche imbevute di oceano spingendo i loro nasi fuori dall’acqua per annusare.



I ricercatori sono rimasti sorpresi dal fatto che le tartarughe abbiano risposto alla plastica biofilata, che si riferisce all’accumulo di microbi, alghe, piante e piccoli animali sulla sua superficie, esattamente come hanno risposto al loro vero cibo.

La ricerca rivela maggiori implicazioni su come quantità crescenti di inquinamento da plastica possano essere dannose per le tartarughe e altri mammiferi marini, tra cui balene, uccelli marini e pesci.

Gli scienziati stimano che oltre la metà delle tartarughe marine del mondo e quasi tutti gli uccelli marini abbiano ingerito la plastica. Ogni anno, vengono scaricate negli oceani più di 8 milioni di tonnellate di plastica, l’equivalente approssimativo di scaricare, ogni minuto nell’oceano, un camion della spazzatura di New York City.

La ricerca mostra che l’ingestione di poco più di una dozzina di pezzi di plastica, può uccidere le tartarughe. Le giovani tartarughe sono particolarmente vulnerabili perché tendono a nuotare nelle correnti dove si accumulano maggiormente i carichi di plastica.

Una volta che una tartaruga ingoia la plastica, non è in grado di rigettarla. Di conseguenza, la maggior parte della plastica ingerita rimane bloccata nell’intestino della tartaruga e limita la sua capacità di assorbire e digerire il cibo.

Il problema della plastica nell’oceano è più complesso dei sacchetti di plastica che sembrano meduse o paglia incastrata nel naso di una tartaruga“, ha affermato Joseph Pfaller, direttore della ricerca del Caretta Research Project e coautore dello studio. “Questi sono pezzi importanti e preoccupanti del puzzle e tutte le materie plastiche rappresentano pericoli per le tartarughe“.

2