Avvistata una balenottera azzurra pigmea: potrebbe essere la più giovane mai vista in Australia

Gli scienziati hanno avvistato quella che potrebbe essere la più giovane balenottera azzurra pigmea (Balaenoptera musculus brevicauda) mai individuata nelle acque australiane.

balenottera azzurra pigmea
Da quando è iniziato il monitoraggio nel 1999, sono state avvistate balenottere e giovani cuccioli all’estremità più a sud del percorso, ma non si era mai visto nessuno così piccolo come la balenottera azzurra pigmea di 6-7 metri che Klein ha avvistato al largo di Ningaloo.

La balenottera azzurra pigmea è stata avvistata con il suo cucciolo

Il cucciolo è stato fotografato dal pilota osservatore Tiffany Klein, che stava sorvolando le acque tropicali al largo di Ningaloo, nell’Australia nord-occidentale, per marcare via satellite le balenottere azzurre pigmee nell’ambito di un progetto di ricerca congiunto tra l’Australian Institute of Marine Science (AIMS) e il Centre for Whale Research.

I ricercatori sperano di scoprire di più sulle rotte migratorie, le aree di alimentazione e la riproduzione di questa sottospecie di balenottera azzurra pigmea potenzialmente a rischio di estinzione, di cui si sa ancora poco.

Queste balene attraversano le calde acque di Ningaloo nella loro migrazione verso nord dal canyon di Perth, nel sud-ovest dell’Australia Occidentale, attraverso i tropici all’estremità nord-occidentale dell’Australia, per poi raggiungere il Mare di Banda, vicino all’Indonesia orientale, attraverso le acque di Timor Est.

Perché si studia la banelottera azzurra pigmea

Da quando è iniziato il monitoraggio nel 1999, sono state avvistate balenottere e giovani cuccioli all’estremità più a sud del percorso, ma non si era mai visto nessuno così piccolo come la balenottera azzurra pigmea di 6-7 metri che Klein ha avvistato al largo di Ningaloo.

In precedenza, li avevo visti più avanti nel corso dell’anno, verso settembre o ottobre, mentre viaggiavano verso sud“, ha racct Klein: “Questi cuccioli erano circa la metà delle dimensioni della madre, mentre questo era solo circa un terzo”.

L’attuale progetto di ricerca congiunto, iniziato nel 2019, prevede l’applicazione di tag alle balene, leggibili tramite satellite, e di registratori di immersioni che forniscono dati sui movimenti delle balene sott’acqua.

Si ritiene che queste balenottere azzurre pigmee si siano separate dalle loro simili balenottere azzurre antartiche circa 20.000 anni fa, quando sono state spinte verso nord dall’espansione del ghiaccio marino durante l’ultima glaciazione massima.

Anche quando i ghiacci si sono ritirati, questo piccolo gruppo è rimasto nella sua nuova casa agli antipodi, e questa è la ragione principale della loro discendenza distinta e della loro bassa diversità genetica.

Nessuno sa esattamente dove partoriscono le balenottere azzurre pigmee, ma si pensa che qui nell’Oceano Indiano si riproducano e partoriscano alla fine della loro migrazione verso nord al largo delle coste dell’Australia Occidentale e nelle acque indonesiane”, ha spiegato l’ecologista Michele Thums dell’AIMS, che ha guidato il progetto.

Eppure, le dimensioni della balenottera azzurra pigmea avvistata nelle acque australiane e la sua vicinanza a Ningaloo hanno indicato che sia nata più vicino alle principali aree di alimentazione del Perth Canyon, che rappresenta l’estremità meridionale della loro rotta migratoria.

Alcuni esperti pensano che possano partorire o partorire subito dopo aver lasciato le loro zone di foraggiamento, che per questa popolazione sono il canyon di Perth“, ha affermato Thums, aggiungendo: “Dopo aver consultato altri esperti nella regione della migrazione settentrionale, una balenottera azzurra pigmea di quelle dimensioni non è qualcosa che è stato osservato prima da nessuno di loro“.

Nella zona settentrionale della rotta migratoria di queste sfuggenti balene, a Timor Est, hanno fatto luce sulla vita segreta di questi esemplari di balenottera azzurra pigmea.

Conclusioni

Le riprese effettuate nell’ambito di un progetto decennale guidato dall’ecologa marina Karen Edyvane dell’Australian National University mostrano una madre che allatta i suoi piccoli e una coppia di esemplari adulti che si accoppiano.

Il nostro progetto decennale ha documentato alcuni dei comportamenti riproduttivi intimi meno noti delle balenottere azzurre, alcuni per la prima volta in assoluto. È molto interessante“, ha aggiunto Edyvane .

Secondo i ricercatori, queste prove suggeriscono che la parte alta della migrazione delle balene è anche un sito critico per la riproduzione.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Articoli correlati

Popular Categories