NASA: la Cina non batterà gli astronauti statunitensi

Gli Stati Uniti vinceranno la corsa alla Luna con la Cina, lo afferma Bill Nelson della NASA

0
108
La Cina non batterà gli astronauti statunitensi
La Cina non batterà gli astronauti statunitensi

L’amministratore della Nasa, Bill Nelson, non ha paura che la Cina possa battere gli USA sbarcando i suoi taikonauti sulla Luna prima che gli astronauti americani ci ritornino.

Sia gli USA che la Cina hanno come obiettivo lo sbarco di uomini sulla Luna prima della fine del decennio, facendo rivivere una nuova corsa allo spazio. Nelson, in un’intervista risalente allo scorso 2023, ha dichiarato: “È un dato di fatto: siamo in una corsa allo spazio. Ed è vero che faremo meglio a stare attenti che non raggiungano un posto sulla Luna con il pretesto della ricerca scientifica. E non è al di là del regno delle possibilità che dicano: ‘State lontani, siamo qui’. Questo è il nostro territorio”.

La Cina non batterà gli USA, Nelson ne è sicuro

Ma Nelson non sembra credere che la “gara” possa essere vinta dalla Cina. Durante una teleconferenza con i media tenutasi martedì 9 gennaio in cui si è discusso del programma Artemis dell’agenzia, il capo della Nasa ha annunciato che l’agenzia punta ora a settembre 2026 per la sua missione Artemis 3, che farà atterrare un equipaggio sulla superficie lunare. In risposta a una domanda sulla cronologia della Cina durante la teleconferenza, Nelson ha respinto le preoccupazioni secondo cui gli Stati Uniti potrebbero perdere la corsa per riportare gli stivali umani sulla Luna. 

Nelson: “Penso che la Cina abbia un piano molto aggressivo”

“Non ho alcuna preoccupazione che la Cina possa sbarcare prima di noi”, ha detto Nelson. “Penso che la Cina abbia un piano molto aggressivo. Penso che vorrebbero sbarcare prima di noi, perché questo potrebbe dare loro qualche punto in fatto di prestigio e pubbliche relazioni. Ma il fatto è che non credo che lo faranno … Ma nello specifico, il nostro atterraggio nel settembre del 26, sarà il primo atterraggio dal 1972”.

Gli obiettivi cinesi

Da parte sua, la Cina punta a mandare un equipaggio di astronauti (o taikonauti, come sono chiamati gli equipaggi spaziali del paese) sulla Luna entro il 2030. Sia gli Stati Uniti che la Cina puntano al polo sud lunare, una regione ritenuta ricca di ghiaccio d’acqua.



Per portare lì i suoi equipaggi, l’agenzia spaziale cinese sta pianificando di testare il suo nuovo veicolo spaziale adatto agli esseri umani entro il 2027 o il 2028. Ha inoltre previsto l’utilizzo di due lanci per raggiungere la Luna: uno per mettere in orbita un lander lunare e un altro per inviare un equipaggio sulla Luna.

Questo piano di due lanci “supererebbe l’ostacolo tecnologico di lunga data della Cina di sviluppare un razzo pesante abbastanza potente da inviare sia gli astronauti che una sonda di atterraggio”, secondo Reuters.

Le ambizioni lunari della Cina, tuttavia, non riguardano solo il posizionamento degli astronauti sulla superficie lunare. L’agenzia spaziale nazionale prevede di lanciare la missione robotica Chang’e 6 sul lato lontano della Luna per raccogliere campioni lunari e riportarli sulla Terra. Se avesse successo, segnerebbe la prima volta che del materiale lunare verrà prelevato e portato sulla Terra dal lato lontano della Luna. Secondo SpaceNews, l’agenzia spaziale cinese punta a un lancio della missione verso la fine del 2024.

Campioni lunari cinesi

Ma non è solo concorrenza quando si tratta di Cina, Stati Uniti e Luna. Alla fine del 2023, la Nasa ha autorizzato i ricercatori finanziati dall’agenzia a richiedere l’accesso ai campioni lunari riportati sulla Terra dalla missione lunare Chang’e-5, la prima volta che gli scienziati statunitensi sono stati in grado di accedere fisicamente ai campioni lunari cinesi.

Il ritorno sulla Luna

Attraverso il programma chiamato Artemis, l’agenzia, entro il 2030, farà scendere sulla Luna i suoi astronauti,nello specifico il primo afroamericano e la prima donna dopo Buzz, Neil e gli altri americani passeggiarono sulla superfice lunare circa 50 anni fa. Come informa Space.com, dopo alcune altre missioni di questo tipo, il governo degli Stati Uniti stabilirà sulla superficie del nostro satellite naturale una base permanente attrezzata come laboratotio scientifico.

2