Nesher Ramla Homo: una misteriosa stirpe di ominini

I ricercatori hanno scoperto una popolazione precedentemente sconosciuta di ominini arcaici, chiamata “Nesher Ramla Homo”, in un sito recentemente scavato in Israele

0
644
Nesher Ramla Homo: una misteriosa stirpe di ominidi
Nesher Ramla Homo: una misteriosa stirpe di ominidi

I ricercatori hanno scoperto una popolazione precedentemente sconosciuta di ominini arcaici, chiamata “Nesher Ramla Homo”, in un sito recentemente scavato in Israele. Risalente a circa 140.000-120.000 anni fa, questo gruppo sembra rappresentare gli ultimi sopravvissuti dell’Homo del Pleistocene medio. 

“La scoperta di un nuovo tipo di Homo” è di grande importanza scientifica. Ci consente di dare un nuovo senso ai fossili umani trovati in precedenza, aggiungere un altro pezzo al puzzle dell’evoluzione umana e comprendere le migrazioni degli esseri umani nel vecchio mondo. Anche se vissero molto tempo fa, nel tardo Pleistocene medio (474.000-130.000 anni fa), i Nesher Ramla possono raccontarci una storia affascinante, rivelando molto sull’evoluzione e sullo stile di vita dei loro discendenti”, ha dichiarato il Prof. Israel Hershkovitz dell’Università di Tel Aviv.

In base ai risultati dello studio, i ricercatori ritengono che il tipo Nesher Ramla Homo sia la popolazione “origine” da cui si è sviluppata la maggior parte degli esseri umani del Pleistocene medio. Inoltre, suggeriscono che questo gruppo sia la cosiddetta popolazione “mancante” che si accoppiò con l’Homo sapiens arrivato nella regione circa 200.000 anni fa.

Interazioni tra ominidi eurasiatici e africani

Israel Hershkovitz, Yossi Zaidner e colleghi presentano prove fossili, artefatti e radiometrici provenienti dalla regione del Levante del Medio Oriente che illustrano questa complessità. Secondo Hershkovitz, il Nesher Ramla Homo appena scoperto mostra caratteristiche anatomiche che sono più arcaiche dei contemporanei Neanderthal eurasiatici e degli esseri umani moderni che vivevano anche nel Levante. I risultati indicano che questo lignaggio arcaico potrebbe rappresentare una delle ultime popolazioni sopravvissute di Homo del Pleistocene medio nell’Asia sudoccidentale, in Africa e in Europa.

Contesto archeologico e interazioni culturali

Nello studio complementare, Zaidner fornisce il contesto archeologico dei nuovi fossili, riferendo sulle età radiometriche associate, sugli assemblaggi di artefatti e sugli approfondimenti comportamentali e ambientali che offrono. I ricercatori hanno dimostrato che i Nesher Ramla Homo erano esperti in tecnologie che prima erano conosciute solo tra l’Homo sapiens  e i Neanderthal. Insieme, i risultati forniscono supporto archeologico per strette interazioni culturali e mescolanze genetiche tra diversi lignaggi umani prima di 120.000 anni fa. Ciò può aiutare a spiegare l’espressione variabile delle caratteristiche dentali e scheletriche dei successivi fossili levantini.

L’importante fossile umano è stato ritrovato dal dottor Zaidner dell’Università Ebraica durante gli scavi di recupero presso il sito preistorico di Nesher Ramla, nell’area mineraria del cementificio Nesher (di proprietà di Len Blavatnik) vicino alla città di Ramla.



Scavando per circa 8 metri, gli scavatori hanno trovato grandi quantità di ossa di animali, tra cui cavalli, daini e uri, oltre a strumenti di pietra e ossa umane. Un team internazionale guidato dai ricercatori di Tel Aviv e Gerusalemme ha identificato la morfologia delle ossa come appartenenti a un nuovo tipo di Homo, precedentemente sconosciuto alla scienza. Questo è il primo tipo di Homo ad essere definito in Israele e, secondo la pratica comune, a prendere il nome dal sito in cui è stato scoperto: il tipo Homo Nesher Ramla.

“Questa è una scoperta straordinaria. Non avremmo mai immaginato che insieme all’Homo sapiens, l’Homo arcaico vagasse per l’area così tardi nella storia umana. I reperti archeologici associati ai fossili umani mostrano che “Nesher Ramla Homo” possedeva tecnologie avanzate per la produzione di utensili in pietra e molto probabilmente interagiva con l’Homo sapiens locale”, ha affermato il Dr.Yossi Zaidner.

Il prof. Hershkovitz ha aggiunto che la scoperta del tipo Nesher Ramla Homo mette in discussione l’ipotesi prevalente secondo cui i Neanderthal hanno avuto origine in Europa.

I fossili di Nesher Ramla mettono in discussione questa teoria, suggerendo che gli antenati dei Neanderthal europei vivevano nel Levante già 400.000 anni fa, migrando ripetutamente verso ovest verso l’Europa e verso est verso l’Asia. La nuova scoperta implica che i famosi Neanderthal dell’Europa occidentale siano solo i resti di una popolazione molto più ampia che viveva nel Levante.

I genetisti che hanno studiato il DNA dei Neanderthal europei avevano precedentemente suggerito l’esistenza di una popolazione simile ai Neanderthal che chiamavano la “popolazione mancante” o la “popolazione X” che si era accoppiata con l’Homo sapiens più di 200.000 anni fa.

In un articolo antropologico pubblicato su Science, i ricercatori suggeriscono che il tipo Nesher Ramla Homo potrebbe rappresentare questa popolazione finora scomparsa dalla documentazione dei fossili umani. Inoltre, i ricercatori suggeriscono che gli esseri umani di Nesher Ramla non siano gli unici del loro genere scoperti nella regione, e che alcuni fossili umani trovati precedentemente in Israele, che hanno sconcertato gli antropologi per anni, come i fossili della grotta di Tabun (160.000 anni fa), la grotta Zuttiyeh (250.000) e la grotta Qesem (400.000) – appartengano allo stesso nuovo gruppo umano ora chiamato tipo Nesher Ramla Homo.

La scoperta del sito di Nesher Ramla scrive un nuovo e affascinante capitolo nella storia dell’umanità.

Fonte: Science    

2