2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeVisioni del futuroLa NASA afferma che nel 2030 vivremo e lavoreremo sulla Luna

La NASA afferma che nel 2030 vivremo e lavoreremo sulla Luna

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli umani sono sulla buona strada per vivere e lavorare sulla Luna entro il 2030, ha detto un funzionario della NASA.

Stiamo per inviare sulla Luna persone che vivranno su quella superficie e faranno scienza“, ha detto alla BBC Howard Hu, che guida il programma di veicoli spaziali lunari Orion per la NASA.

Come sappiamo, la scorsa settimana la NASA ha lanciato con successo il suo nuovo potente sistema di lancio spaziale, o SLS, inviando la navicella Orion verso la Luna.

Il lancio, che era stato ripetutamente ritardato, ha dato il via alle missioni Artemis della NASA, il primo grande passo verso il ritorno dell’uomo sulla Luna in quasi 50 anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

IN questa occasione la capsula Orion è senza equipaggio, poiché mira a testare la sua capacità di portare una capsula sulla Luna e ritorno. Ma la prossima volta dovrebbe portare con sé gli astronauti mentre gira intorno al corpo celeste.

Se tutto andrà bene, lo stesso veicolo spaziale potrebbe quindi essere utilizzato per portare gli esseri umani sulla superficie lunare, per la prima volta dal 1972.

Il piano attuale prevede che l’equipaggio atterri vicino al polo sud della Luna, dove trascorrerà circa una settimana alla ricerca di segni d’acqua. Se il prezioso liquido verrà trovato, in futuro potrebbe essere utilizzato per alimentare i razzi diretti verso Marte.

Tutto questo, naturalmente implica la necessità di costruire insediamenti umani permanenti per supportare le attività minerarie, scientifiche e, successivamente, commerciali.

È il primo passo che stiamo compiendo verso l’esplorazione dello spazio profondo a lungo termine, non solo per gli Stati Uniti ma per il mondo“, ha detto Hu a Laura Kuenssberg della BBC.

Articoli più letti