2.1 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeEcologia e AmbienteIl rapido scioglimento dei ghiacciai sta rilasciando un carico sbalorditivo di batteri...

Il rapido scioglimento dei ghiacciai sta rilasciando un carico sbalorditivo di batteri sconosciuti

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il rapido scioglimento dei ghiacciai sta provocando il rilascio di quantità sbalorditive di batteri in fiumi e torrenti, che potrebbero trasformare gli ecosistemi ghiacciati, avvertono gli scienziati.

In uno studio sul deflusso glaciale da 10 siti nell’emisfero settentrionale, i ricercatori hanno stimato che il continuo riscaldamento globale nei prossimi 80 anni potrebbe rilasciare centinaia di migliaia di tonnellate di batteri negli ambienti a valle dei ghiacciai in ritirata.

Pensiamo ai ghiacciai come a un’enorme riserva di acqua ghiacciata, ma la lezione chiave di questa ricerca è che sono anche ecosistemi a sé stanti“, ha detto alla BBC il microbiologo e autore dello studio Arwyn Edwards, della Aberystwyth University nel Regno Unito.

I ghiacciai sono masse di ghiaccio che strisciano molto lentamente verso il mare, scavando valli tra le montagne mentre procedono. Eppure c’è di più nei flussi oltre all’acqua ghiacciata, con minerali, gas e materiali organici intrappolati in uno scivolo a senso unico che richiede da decine di migliaia a milioni di anni per terminare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Studiare il contenuto dei ghiacciai è come aprire la porta a un’altra epoca storica. I batteri sepolti al loro interno potrebbero essere una ricca fonte di nuovi composti utili, come gli antibiotici. Tuttavia, i ricercatori alla base di questo nuovo studio affermano che i ghiacciai in scioglimento stanno rilasciando tonnellate e tonnellate di batteri più velocemente di quanto gli scienziati possano catalogarli.

Guidato dall’idrologo glaciale Ian Stevens dell’Università di Aarhus in Danimarca, il team ha campionato l’acqua di disgelo superficiale da dieci ghiacciai nell’emisfero settentrionale: nelle Alpi europee, in Groenlandia, nelle Svalbard e nelle zone più lontane dell’Artico canadese.

Avendo trovato, in media, decine di migliaia di batterii in ogni millilitro d’acqua, stimano che più di centomila tonnellate di batteri potrebbero essere espulse nelle acque di fusione glaciale nei prossimi 80 anni.

Ciò equivale a 650.000 tonnellate di carbonio rilasciate all’anno in fiumi, laghi, fiordi e oceani in tutto l’emisfero settentrionale, anche se dipende dalla velocità con cui i ghiacciai si sciolgono e da quanto velocemente ridurremo le emissioni.

In uno scenario di emissioni “a metà strada” – che vedrebbe ancora un aumento delle temperature globali tra 2 e 3 °C – si prevede che le masse di batteri nell’acqua di fusione raggiungeranno il picco nel giro di qualche decennio prima di diminuire o potenzialmente scomparire del tutto con il ritiro dei ghiacciai.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il numero di batteri rilasciati dipende strettamente dalla velocità con cui i ghiacciai si sciolgono, e quindi da quanto continuiamo a riscaldare il pianeta. Ma la massa di batteri rilasciati è vasta anche con un riscaldamento moderato“, ha detto Edwards.

Un gruppo di scienziati in piedi su un ghiacciaio in Groenlandia.
I ricercatori raccolgono campioni sul bordo occidentale della calotta glaciale della Groenlandia. ( Arwyn Edwards/Tristram Irvine-Fynn, Aberystwyth University )

All’inizio di quest’anno, i ricercatori si sono resi conto che il ghiaccio artico si sta assottigliando più velocemente del previsto . Altre ricerche suggeriscono che alcuni ghiacciai hanno già superato un punto critico in cui l’acqua di fusione rallenta fino a diventare un rivolo mentre il deflusso glaciale diminuisce costantemente.

I batteri nell’acqua di disgelo possono fertilizzare gli ecosistemi a valle, ma questi possono essere ambienti sensibili o bacini utilizzati dalle comunità che dipendono dal deflusso glaciale come fonte d’acqua.

I ricercatori non hanno studiato i singoli ceppi di batteri, hanno solo stimato la loro biomassa combinata, quindi non sono stati in grado di identificare alcuna specie che potesse rappresentare una minaccia per la salute umana, né hanno determinato se i batteri fossero attivi, dormienti, danneggiati o morti.

Il rischio è probabilmente molto piccolo, ma richiede un’attenta valutazione“, ha detto Edwards a Steffan Messenger alla BBC.

Senza ulteriori studi, inoltre, non sappiamo come l’improvviso afflusso di batteri possa contribuire a ulteriori cambiamenti ambientali. I ricercatori si aspettano che potrebbe avere un profondo effetto sulla produttività e sulla biodiversità delle comunità microbiche, nonché sui cicli biogeochimici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Inoltre, i batteri e le alghe che si trovano in ambienti ghiacciati di solito contengono pigmenti per proteggersi dai raggi solari dannosi. Questi pigmenti, assorbendo l’energia solare, potrebbero aumentare il riscaldamento che sta già accelerando la perdita di ghiaccio glaciale.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per valutare gli effetti a valle dell’acqua di fusione glaciale carica di batteri, questi avvertimenti non dovrebbero essere presi alla leggera. La sete umana di acqua e l’incessante attività industriale hanno rimodellato il ciclo globale dell’acqua in modi che stiamo appena iniziando a comprendere.

Nei prossimi decenni, la previsione del ‘picco dell’acqua’ dai ghiacciai montani della Terra significa che dobbiamo migliorare la nostra comprensione dello stato e del destino degli ecosistemi sulla superficie dei ghiacciai“, afferma il glaciologo e autore dello studio Tristram Irvine-Fynn della Aberystwyth University.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con una migliore comprensione del quadro generale, potremmo prevedere meglio gli effetti del cambiamento climatico sulle superfici glaciali e sulla biogeochimica dei bacini“.

Lo studio è stato pubblicato su Communications Earth & Environment.

Articoli più letti