Nato in Cina il primo lupo clonato

Una società cinese di clonazione di animali domestici ha annunciato la nascita del primo lupo artico clonato al mondo (Canis lupus arctos), portato a termine da un'improbabile madre surrogata: un beagle

0
402
Nato in Cina il primo lupo clonato
Nato in Cina il primo lupo clonato

Una società cinese di clonazione di animali domestici ha annunciato la nascita del primo lupo artico clonato al mondo (Canis lupus arctos), portato a termine da un’improbabile madre surrogata: un beagle.

La cucciola di lupo clonata, di nome Maya, e sua madre beagle sono state svelate al mondo in un breve video in una conferenza stampa tenuta il 19 settembre dalla Sinogene Biotechnology Company a Pechino, secondo il sito di notizie cinese Global Times .

Il video è stato diffuso 100 giorni dopo la nascita di Maya, avvenuta il 10 giugno in un laboratorio di Pechino, secondo i rappresentanti di Sinogene.

Normalmente, Sinogene è specializzata nella clonazione di animali morti, come gatti, cani e cavalli, per clienti privati ma l’azienda ora vuole usare la sua esperienza per aiutare a clonare specie in via di estinzione a fini di conservazione, ha riferito il Global Times.

Maya è stata clonata utilizzando il DNA raccolto da un lupo artico adulto, a sua volta di nome Maya, morto in cattività ad Harbin Polarland, un parco naturale nel nord-est della Cina. L’originale Maya, nata in Canada prima di essere spedita in Cina nel 2006, è morta di vecchiaia all’inizio del 2021, secondo il Global Times.
La clonazione di Maya è stata completata con successo “dopo due anni di scrupolosi sforzi“, ha affermato Mi Jidong, direttore generale di Sinogene, alla conferenza stampa dell’azienda, secondo Global Times. I ricercatori di Sinogene hanno originariamente creato 137 embrioni di lupo artico fondendo le cellule della pelle dei Maya originali con le cellule uovo immature dei cani, utilizzando un processo noto come trasferimento nucleare di cellule somatiche (SCNT).

Di questi embrioni, 85 sono stati trapiantati con successo in sette ma dri surrogate di beagle. Da quegli embrioni trapiantati, solo uno si è completamente sviluppato durante la gravidanza.

I ricercatori hanno utilizzato madri surrogate di beagle perché non c’erano abbastanza lupi femmine in cattività per gli esperimenti degli scienziati. Fortunatamente, i cani condividono abbastanza DNA con i lupi perché la gravidanza ibrida possa gestare con successo.

Maya ora vive con la madre surrogata in un laboratorio Sinogene a Xuzhou, nella Cina orientale, ma il cucciolo di lupo verrà trasferito ad Harbin Polarland per vivere con altri lupi artici. Tuttavia, secondo Global Times, i custodi del parco ritengono che dovrà essere presentata lentamente al resto del branco a causa della sua educazione isolata.



Sinogene ha anche rivelato che un secondo clone di lupo artico, creato utilizzando il DNA di un maschio sconosciuto, sarebbe dovuto nascere giovedì 22 settembre. Tuttavia, finora non ci sono state notizie confermate sulla nascita del cucciolo.

La società ha anche annunciato una nuova partnership con il Beijing Wildlife Park per clonare altre specie in cattività in futuro, anche se non sono stati ancora annunciati progetti specifici, secondo Global Times.

Nel 2019, Sinogene è stata coinvolta in un progetto che ha prodotto sei cloni identici di pastori tedeschi, che sono stati poi introdotti nelle forze di polizia di Pechino, secondo CBS News.

Clonazione di animali in via di estinzione

Nonostante i rapporti del Global Times e di altri media, i lupi artici, che sono una sottospecie di lupi grigi (Canis lupus) non sono una specie in via di estinzione. Invece, sono elencati come meno preoccupanti dall’Unione internazionale per la conservazione della natura, anche se è probabile che il cambiamento climatico interromperà gravemente la loro fornitura di cibo in natura nei prossimi decenni, secondo il WWF.

Ma specie in via di estinzione sono state clonate dagli scienziati in precedenza.

Nel 2020, gli scienziati della società statunitense Revive & Restore hanno clonato con successo un furetto dai piedi neri in via di estinzione (Mustela nigripes).

Nello stesso anno, la compagnia ha anche clonato con successo un cavallo di Przewalski in via di estinzione (Equus przewalskii) ed i loro tecnici stanno ora tentando di far rivivere il piccione viaggiatore estinto (Ectopistes migratorius) utilizzando la tecnologia di clonazione.

La clonazione è uno strumento drasticamente sottoutilizzato“, ha detto Ben Novak, scienziato capo di Revive & Restore. “In futuro, potrebbe essere un’ancora di salvezza letterale per le specie che diventano più rare o peggio, si estinguono“.

Il principale vantaggio della clonazione di specie in via di estinzione è che mantiene la quantità di diversità genetica all’interno di una specie, ha affermato Novak. Se i cloni possono riprodursi con altri individui non clonati, ciò offre alle specie minacciate una possibilità di combattere per adattarsi alle pressioni selettive che le stanno portando all’estinzione, ha aggiunto.

Un altro vantaggio della clonazione è che può essere utilizzata in combinazione con i programmi di riproduzione in cattività esistenti, specialmente quando vengono utilizzate madri surrogate di altre specie, ha affermato Novak.

Un cucciolo di lupo appena nato su una coperta.
Maya non molto tempo dopo la sua nascita. ( Sinogene Biotechnology Co.)

Invece di prelevare animali dalla natura per creare una popolazione di riserva in cattività, gli scienziati possono prelevare campioni genetici da animali selvatici e creare cloni in laboratorio utilizzando surrogati più facilmente disponibili, come hanno fatto con Maya e sua madre beagle.

Questi backup genetici possono quindi essere introdotti in natura per ricostituire le popolazioni in difficoltà, ha affermato Novak.

Per i mammiferi, sembra che due specie debbano condividere un antenato comune meno di 5 milioni di anni fa affinché la gravidanza surrogata abbia successo“, ha detto Novak. Ciò apre la possibilità di far rivivere specie estinte utilizzando specie surrogate viventi strettamente correlate, ha aggiunto.

Tuttavia, ci sono anche alcune limitazioni importanti alla clonazione.

Uno dei problemi principali è che non tutti gli animali possono ancora essere clonati con successo. Ad oggi, solo mammiferi, pesci, anfibi e una singola specie di insetto sono stati clonati utilizzando SCNT. Per uccelli, rettili e mammiferi che depongono uova, come ornitorinchi ed echidna, SCNT non funziona perché le uova non si sviluppano correttamente, ha aggiunto.

La clonazione ha anche un tasso di successo molto basso rispetto all’inseminazione artificiale o alla fecondazione in vitro. Come con Maya, i ricercatori devono spesso creare centinaia di embrioni e impiantarli con successo in più surrogati per far nascere un solo animale, il che può rendere la clonazione un processo costoso.

A causa di questi costi elevati, l’emergere di società private come Sinogene e Revive & Restore giocherà probabilmente un ruolo chiave nel futuro della clonazione di conservazione. Storicamente, la maggior parte della ricerca sulla clonazione è stata condotta da università sottofinanziate, ha affermato Novak.

Pertanto, “la partnership di società a scopo di lucro con programmi di conservazione è la chiave per trasformare la clonazione da una tecnica raramente studiata in un prezioso strumento di conservazione“.

Per i sostenitori della clonazione, la nascita di Maya è un altro passo nella giusta direzione per quest’area di ricerca.

È fantastico vedere più lavori di clonazione della fauna selvatica in corso“, ha detto Novak. “Spero che tutti questi recenti risultati nella clonazione mostrino al mondo che la clonazione è pronta per essere utilizzata come strumento benefico per la conservazione della fauna selvatica“.

2