In difesa dei virus

La stragrande maggioranza dei virus non infetta affatto gli esseri umani, né i mammiferi. E molti di questi virus potrebbero effettivamente essere utili per noi, promuovendo la nostra salute o salvandoci da altre malattie

607
In difesa dei virus
In difesa dei virus

Ogni giorno, nei paesi di tutto il mondo, muoiono persone a causa di un nuovo virus. Questa volta stanno morendo a causa di un nuovo ceppo di coronavirus chiamato SARS-CoV-2 che causa la malattia respiratoria acuta nota come COVID-19. E questo è solo l’ultimo. I virus sono responsabili della morte di milioni di persone nel corso della storia, dal vaiolo all’influenza.

Ora, mentre ancora vige il lockdown, sia pure più morbido, è facile pensare che i virus siano i nostri nemici. E, naturalmente, è vero che alcuni di loro lo sono. Sars, Mers, Ebola, HIV, influenza suina, influenza aviaria e Zika sono tra quelli che hanno causato focolai mortali negli ultimi anni – ma l’elenco è molto lungo.

Tuttavia, è anche vero che la stragrande maggioranza dei virus non infetta affatto gli esseri umani, né i mammiferi. E molti di questi virus potrebbero effettivamente essere utili per noi, promuovendo la nostra salute o salvandoci da altre malattie.
È facile dimenticare che la maggior parte della vita è microscopica. E, proprio come i virus specifici dei mammiferi infettano le cellule dei mammiferi, una moltitudine di virus si è evoluta per diventare esperti nell’infezione delle cellule dei batteri. Questi virus sono chiamati batteriofagi (o fagi, in breve).

Mentre i batteri sono organismi viventi costituiti da una singola cellula, un virus è un’entità biologica che comprende un fascio di materiale genetico avvolto in un mantello proteico. Manca i mezzi per condurre un’esistenza indipendente, quindi infetta una cellula ospite per utilizzarne gli strumenti, al fine di replicare copie di sè stesso. Per fare ciò, si attacca alla superficie della cellula e inietta il suo materiale genetico nella cellula per assumerne il controllo.

Il principio è lo stesso per i virus umani e i virus dei batteri. Gli scienziati hanno studiato i batteriofagi per decenni, osservando come i fagi possono diffondersi attraverso una popolazione di batteri, prima infettando e poi facendo gonfiare le cellule all’interno delle quali si moltiplicano rapidamente, fimo a quando esplodono liberando una nuova generazione di virus.

In alternativa, possono coesistere con le cellule infettate, spesso sostenendo una diversa comunità di specie batteriche in ambienti come gli oceani aperti o il tratto gastrointestinale umano. Lo fanno impedendo a ogni singolo batterio di crescere per diventare troppo dominante, proprio come i predatori carnivori impediscono che le popolazioni di erbivori diventino troppo numerose.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I virus sono sempre più visti come essenziali per le comunità di microbi all’interno del nostro corpo. Anatomy Insider / Shutterstock

Più comprendiamo i fagi, più iniziamo a vederli come una componente essenziale degli ecosistemi microbici, mantenendo la diversità e la funzionalità piuttosto che agire come agenti di una malattia.

Ad esempio, è ormai noto che il microbiota – la comunità di microrganismi che vivono nelle nostre viscere – è associato alla salute umana. Ciò include il corretto funzionamento del sistema immunitario, l’assorbimento dei nutrienti nell’intestino e persino il cambiamento del nostro umore e comportamento.

I fagi svolgono un ruolo chiave nel mantenimento di questa diversità e quindi, a livello dell’ecosistema microbico in noi, contribuiscono al benessere generale dell’uomo.

Un’altra affascinante area di ricerca sui virus è la terapia a base di fagi. Un virus specifico per un batterio dannoso può, in linea di principio, sradicare questa infezione dal corpo umano, lasciando intatte le cellule umane. Ora che molti batteri sono diventati resistenti agli antibiotici, quella di combattere i batteri con i fagi sembrerebbe una strategia promettente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli antibiotici di solito uccidono una vasta gamma di batteri, spesso anche quelli che ci avvantaggiano oltre all’organismo patogeno che vogliamo uccidere. Ma un fago può essere usato con precisione, come un proiettile programmato che cerca solo il batterio invasore.

Guerra inter-virale

I virus possono anche essere usati per combattere altri virus.

In un recente studio effettuati su scimmie rhesus e sul virus dell’immunodeficienza simian (SIV), i ricercatori hanno scoperto che un altro virus, il citomegalovirus rhesus, potrebbe essere costretto a produrre le stesse proteine ​​del SIV. Ciò significa che potrebbe essere utilizzato come un vaccino per insegnare efficacemente al sistema immunitario della scimmia come combattere il SIV senza esporla al virus dannoso, ottenendo una risposta che viene mantenuta nel tempo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò è particolarmente importante perché i virus dell’immunodeficienza sono diventati esperti nel nascondersi dal sistema immunitario del loro ospite mutando, rendendo molto difficile per il corpo sviluppare autonomamente una difesa. Questo lavoro avrà enormi implicazioni per il trattamento dell’HIV in futuro.

È facile prendersi un’infezione virale, attribuendo malizia e crudeltà a un fenomeno biologico indesiderato. Ma le azioni di un virus sono, per molti aspetti, indifferenti come il tempo. E proprio come le previsioni meteorologiche accurate possono salvare vite umane, comprendere anche la natura sfaccettata dei virus nel nostro mondo può anche salvare vite umane.

È lo sviluppo e l’uso efficace dei vaccini, dopo tutto, che ha annullato gli effetti catastrofici di alcune delle infezioni più mortali del mondo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quindi, quando abbiamo a che fare con quei virus che sono, in un senso molto reale, i nostri nemici, è meglio incontrarli conoscendoli piuttosto che con la paura. Per quelli di noi che sentono che determinati virus sono cattivi, anche metaforicamente, dovremmo ricordare le parole di Carl Jung: “La comprensione non cura il male, ma è un aiuto preciso, in quanto si può far fronte a qualsiasi oscurità comprensibile“.