Perché non abbiamo ancora clonato un essere umano?

Nel 1996, la pecora Dolly ha fatto notizia in tutto il mondo dopo essere diventata il primo mammifero ad essere clonato con successo da una cellula adulta. Molti commentatori pensavano che ciò avrebbe catalizzato un'età d'oro della clonazione, con numerose voci che ipotizzavano che il primo clone umano sarebbe nato a pochi anni di distanza

13763
Perché non abbiamo ancora clonato un essere umano?
Perché non abbiamo ancora clonato un essere umano?

Nel 1996, la pecora Dolly ha fatto notizia in tutto il mondo dopo essere diventata il primo mammifero ad essere clonato con successo da una cellula adulta. Molti commentatori pensavano che ciò avrebbe catalizzato un’età d’oro della clonazione, con numerose voci che ipotizzavano che il primo clone umano sarebbe nato a pochi anni di distanza.

Alcune persone pensano che i cloni umani potrebbero svolgere un ruolo nell’eradicare le malattie genetiche, mentre altri ritengono che il processo di clonazione possa, alla fine, eliminare i difetti alla nascita (nonostante una ricerca di un gruppo di scienziati francesi nel 1999 constatando che la clonazione può effettivamente aumentare il rischio di difetti alla nascita).

Ci sono state varie affermazioni – tutte infondate, è importante aggiungere – di programmi di clonazione umana di successo dal successo di Dolly. Nel 2002 Brigitte Boisselier, una chimica francese e devota sostenitrice del Raëlismo – una religione UFO basata sull’idea che gli alieni hanno creato l’umanità – ha affermato che lei e un team di scienziati avevano consegnato con successo il primo essere umano clonato, che ha chiamato Eve.

Tuttavia, Boisselier non ha fornito alcuna prova, e quindi è opinione diffusa che sia una bufala.

Allora perché, a quasi 30 anni da Dolly, gli umani non sono stati ancora clonati? È principalmente per ragioni etiche, ci sono barriere tecnologiche o semplicemente non vale la pena farlo?

“Clonazione” è un termine ampio, dato che può essere utilizzato per descrivere una gamma di processi e approcci, ma l’obiettivo è sempre quello di produrre “copie geneticamente identiche di un’entità biologica“, secondo il National Human Genome Research Institute(NHGRI).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Qualsiasi tentativo di clonazione umana molto probabilmente utilizzerebbe tecniche di “clonazione riproduttiva“, un approccio in cui verrebbe utilizzata una “cellula somatica matura”, molto probabilmente una cellula della pelle, secondo NHGRI. Il DNA estratto da questa cellula verrebbe inserito nella cellula uovo di un donatore a cui “è stato rimosso il proprio nucleo contenente DNA“. L’uovo comincerebbe quindi a svilupparsi in una provetta prima di essere “impiantato nell’utero di una femmina adulta“, secondo NHGRI.

Tuttavia, mentre gli scienziati hanno ormai clonato molti mammiferi, compresi bovini, capre, conigli e gatti, gli esseri umani non fanno parte della lista.

Penso che non ci siano buone ragioni per creare cloni [umani]“, ha detto Hank Greely, professore di diritto e genetica alla Stanford University, specializzato in questioni etiche, legali e sociali derivanti dai progressi delle bioscienze .

La clonazione umana è un’azione particolarmente drammatica ed è stato uno degli argomenti che hanno contribuito a lanciare la bioetica americana“, ha aggiunto Greely.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le preoccupazioni etiche sulla clonazione umana sono molte e varie. Secondo Britannica, i potenziali problemi comprendono “rischi psicologici, sociali e fisiologici“. Questi includono l’idea che la clonazione potrebbe portare a una “probabilità molto alta” di perdita di vite umane, nonché le preoccupazioni sulla clonazione utilizzata dai sostenitori dell’eugenetica. Inoltre, secondo Britannica, la clonazione potrebbe essere considerata una violazione dei “principi della dignità umana, della libertà e dell’uguaglianza“.

La clonazione dei mammiferi ha storicamente portato a tassi estremamente elevati di morte e anomalie dello sviluppo nei cloni. Un altro problema fondamentale con la clonazione umana è che, invece di creare una copia carbone della persona originale, produrrebbe un individuo con i propri pensieri e opinioni.

Abbiamo tutti conosciuto cloni – i gemelli identici sono cloni l’uno dell’altro – e quindi sappiamo tutti che i cloni non sono la stessa persona“, ha spiegato Greely.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un clone umano, ha continuato Greely, avrebbe solo la stessa costituzione genetica di qualcun altro – non condividerebbe altre cose come la personalità , la morale o il senso dell’umorismo: questi sarebbero unici.

Le persone, come ben sappiamo, sono molto più di un semplice prodotto del loro DNA. Sebbene sia possibile riprodurre materiale genetico, non è possibile replicare esattamente gli ambienti di vita, creare un’educazione identica o fare in modo che due persone incontrino le stesse esperienze di vita.

La clonazione degli esseri umani avrebbe dei vantaggi?

Quindi, se gli scienziati dovessero clonare un essere umano, ci sarebbero dei vantaggi, scientifici o meno? “Non ce ne sono che dovremmo essere disposti a prendere in considerazione“, ha detto Greely, sottolineando che le preoccupazioni etiche sarebbero impossibili da trascurare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, se le considerazioni morali fossero completamente rimosse dall’equazione, allora “un vantaggio teorico sarebbe quello di creare esseri umani geneticamente identici a fini di ricerca“, ha detto Greely.

Greely ha anche affermato che, indipendentemente dalla sua opinione personale, alcuni dei potenziali benefici associati alla clonazione di esseri umani sono stati, in una certa misura, resi superflui da altri sviluppi scientifici.

L’idea di utilizzare embrioni clonati per scopi diversi dalla creazione di bambini, ad esempio produrre cellule staminali embrionali umane identiche alle cellule di un donatore, è stata ampiamente discussa all’inizio degli anni 2000“, ha affermato, ma questa linea di ricerca è diventata irrilevante e successivamente il discorso non è stato ampliato – dopo il 2006, l’anno in cui sono state scoperte le cosiddette cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC). Queste sono cellule “adulte” che sono state riprogrammate per assomigliare a cellule nelle prime fasi dello sviluppo.

Shinya Yamanaka, ricercatrice giapponese sulle cellule staminali e vincitrice del Premio Nobel 2012, ha fatto la scoperta quando “ha escogitato come riportare le cellule di topo adulto a uno stato simile a un embrione utilizzando solo quattro fattori genetici“, secondo un articolo su Nature. L’anno successivo, Yamanaka, insieme al famoso biologo americano James Thompson, è riuscito a fare lo stesso con le cellule umane.

Quando le iPSC vengono “riprogrammate in uno stato pluripotente simile a un embrione“, consentono lo “sviluppo di una fonte illimitata di qualsiasi tipo di cellula umana necessaria per scopi terapeutici“, secondo il Centro di medicina rigenerativa e ricerca sulle cellule staminali dell’Università della California, Los Angeles.

Pertanto, invece di usare embrioni, “possiamo fare efficacemente la stessa cosa con le cellule della pelle“, ha detto Greely.

Questo sviluppo della tecnologia iPSC ha sostanzialmente reso il concetto di utilizzo di embrioni clonati non necessario e scientificamente inferiore.

Al giorno d’oggi, gli iPSC possono essere utilizzati per la ricerca sulla modellazione delle malattie, la scoperta di farmaci e la medicina rigenerativa, secondo un articolo del 2015 pubblicato sulla rivista Frontiers in Cell and Developmental Biology.

Inoltre, Greely ha anche suggerito che la clonazione umana potrebbe semplicemente non essere più un’area “sexy” di studio scientifico, il che potrebbe anche spiegare perché ha visto uno sviluppo molto limitato negli ultimi anni.

Ha sottolineato che l’editing del genoma germinale umano è ora un argomento più interessante nella mente del pubblico, con molti curiosi riguardo al concetto di creare “super bambini”, ad esempio. L’editing della linea germinale, o ingegneria della linea germinale, è un processo, o una serie di processi, che creano modifiche permanenti al genoma di un individuo. Queste alterazioni, quando introdotte in modo efficace, diventano ereditabili, nel senso che saranno tramandate di genitore in figlio.

Tale editing è controverso e ancora da comprendere appieno. Nel 2018 il Comitato di Bioetica del Consiglio d’Europa, che rappresenta 47 Stati europei, ha rilasciato una dichiarazione affermando che “l’etica e i diritti umani devono guidare qualsiasi uso delle tecnologie di modifica del genoma negli esseri umani“, aggiungendo che “l’applicazione delle tecnologie di modifica del genoma agli embrioni umani solleva molti problemi etici, sociali e di sicurezza, in particolare da qualsiasi modifica del genoma umano che potrebbero essere trasmessi alle generazioni future“.

Tuttavia, il consiglio ha anche osservato che esiste un “forte sostegno” per l’utilizzo di tali tecnologie di ingegneria e editing per comprendere meglio “le cause delle malattie e il loro trattamento futuro“, osservando che offrono “un notevole potenziale per la ricerca in questo campo e per migliorare Salute“.

George Church, genetista e ingegnere molecolare dell’Università di Harvard, sostiene l’affermazione di Greely secondo cui è probabile che l’editing della linea germinale susciti un maggiore interesse scientifico in futuro, soprattutto se confrontato con la clonazione “convenzionale”.

La modifica della linea germinale basata sulla clonazione è in genere più precisa, può coinvolgere più geni e ha una consegna più efficiente a tutte le cellule rispetto alla modifica del genoma somatico“, ha detto.

Tuttavia, Church ha voluto esortare alla cautela e ha ammesso che tale editing non è stato ancora padroneggiato. “I potenziali svantaggi da affrontare includono sicurezza, efficacia e accesso equo per tutti“, ha concluso.