Monete di 2.000 anni trovate in un santuario Pakistano

Gli archeologi in Pakistan hanno portato alla luce un rarissimo tesoro di monete di rame, che si ritiene abbiano più di 2.000 anni, dalle rovine di un santuario buddista costruito nel sito ancora più antico di Mohenjo-Daro

0
182
Monete di 2.000 anni trovate in un santuario Pakistano
Monete di 2.000 anni trovate in un santuario Pakistano

Gli archeologi in Pakistan hanno portato alla luce un rarissimo tesoro di monete di rame, che si ritiene abbiano più di 2.000 anni, dalle rovine di un santuario buddista costruito nel sito ancora più antico di Mohenjo-Daro.

Si ritiene che le monete e il santuario, noto come stupa, risalgano all’epoca dell’Impero Kushan, un sistema politico prevalentemente buddista che governò la regione dal II secolo a.C. circa fino al III secolo d.C., e conquistò il regno greco-battriano stabilito nell’Asia centrale da Alessandro Magno.

Il santuario si trova tra le vaste rovine di Mohenjo-Daro, nell’attuale Pakistan sudorientale, che risalgono al 2600 a.C. circa e provengono dall’antica civiltà della valle dell’Indo o Harappa, una delle civiltà più antiche del mondo.

“Lo stupa fu costruito sulla cima delle rovine deserte di Mohenjo-Daro dopo il suo declino circa 1.600 anni dopo”, ha dichiarato l’archeologo e guida Sheikh Javed Ali Sindhi.

Sindhi faceva parte della squadra che ha portato alla luce il tesoro di monete a Mohenjo-Daro all’inizio di questo mese durante uno scavo di recupero nel sito quando un muro è crollato. Il lavoro è stato guidato da Syed Shakir Shah, direttore dell’archeologia presso il sito di Mohenjo Daro.

Le monete saranno ora accuratamente pulite in un laboratorio archeologico, ha detto Sindhi.

Le monete ritrovate sono colorate di verde poiché il rame si corrode se esposto all’aria. Secoli di corrosione hanno anche fuso le monete in un unico pezzo che pesa circa 12 libbre (5,5 chilogrammi).



Ma alcune sono state trovate separatamente. Il tesoro fuso probabilmente consisteva tra 1.000 e 1.500 monete singole, sostiene Sindhi.

Alcune delle monete esterne del tesoro fuso raffigurano una figura in piedi, che i ricercatori ritengono sia probabilmente la rappresentazione di un re Kushan.

Le monete sono i primi manufatti rinvenuti tra le rovine dello stupa dal 1931, quando l’archeologo britannico Ernest MacKay rinvenne lì più di 1.000 monete di rame. Altre monete furono scoperte nello stupa negli anni ’20.

Queste scoperte precedenti presentano raffigurazioni simili di una figura in piedi su un lato, mentre l’altro lato a volte raffigura il dio indù Shiva – il buddismo ha origine nelle credenze indù – e altri simboli, ha detto Sindhi.

Il tesoro è stato trovato tra le rovine di un santuario buddista costruito sopra i resti dell’antica città più di 2000 anni fa.(Credito immagine: Sheikh Javed Ali Sindhi)
Il tesoro è stato trovato tra le rovine di un santuario buddista costruito sopra i resti dell’antica città più di 2000 anni fa.(Credito immagine: Sheikh Javed Ali Sindhi)

Stupa buddista

Mohenjo-Daro – il suo nome potrebbe significare “tumulo dei morti” nella lingua locale Sindhi – fu abbandonata intorno al 1800 a.C., insieme ad altre città più grandi dell’antica civiltà della valle dell’Indo.

I ricercatori ora pensano che le città di Harappa siano state fondate troppo lontano dalle pianure alluvionali del fiume Indo per sopravvivere in un clima secco, il che ha portato le persone ad abbandonarle per insediamenti più piccoli ai piedi dell’Himalaya.

Si pensa che intorno al 150 d.C. i re dell’Impero Kushan abbiano ordinato la costruzione dello stupa buddista a Mohenjo-Daro. A quel tempo le rovine sottostanti dell’antica città avevano quasi 2.000 anni, ma non si sa quanto dell’antico sito sarebbe stato visibile a quel tempo.

Lo stupa fu abbandonato intorno al 500 d.C., forse dopo essere stato danneggiato da un terremoto o perché il buddismo aveva perso l’influenza in quella zona.

A quel tempo, l’impero Kushan si era frammentato in regni indipendenti, che furono conquistati prima dai persiani sasanidi e poi da invasori provenienti dal nord che potrebbero essere stati associati agli Unni.

2