I conquistadores spagnoli e le tecnologie di fusione dei metalli

Uno studio basato su archivi storici, conoscenze locali e scoperte archeologiche effettuato a El Manchón, in Messico, fa ritenere che gli invasori spagnoli, a causa della carenza di pezzi di artiglieria, contrattassero con le popolazioni indigene locali, per acquisire conoscenze specialistiche sulla metallurgia che ai conquistatori mancavano.

1891
Indice

Durante l’invasione del centro America, agli inizi del XVI secolo, le armi in possesso agli eserciti spagnoli ben presto iniziarono a scarseggiare.
Uno studio basato su archivi storici, conoscenze locali e scoperte archeologiche effettuato a El Manchón, in Messico, fa ritenere che gli invasori spagnoli, a causa della carenza di pezzi di artiglieria, contrattassero con le popolazioni indigene locali, per acquisire conoscenze specialistiche sulla metallurgia che ai conquistatori mancavano.
Sappiamo dai documenti che gli europei compresero che l’unico modo in cui potevano ottenere il rame era accordarsi con gli indigeni che lavoravano il metallo nelle loro fonderie, come spiega l’archeologa Dorothy Hosler del MIT.
Materiale storico e archivistico proveniente dal Portogallo e dalla Spagna hanno a lungo suggerito che fosse così, e sembrano esserci ampie prove archeologiche a supporto, come le fornaci di fusione ibride che mostrano un miscuglio di conoscenza europea e indigena.
Secondo il gruppo che ha svolto la ricerca archivistica, gli spagnoli che arrivarono nelle nuove terre all’inizio del XVI secolo non disponevano della tecnologia della fusione del rame e furono costretti a fare affidamento sul nemico che stavano cercando di colonizzare. Rapporti riportati in Spagna documentano nuove pratiche metallurgiche coloniali che incorporano l’uso di strumenti di ferro indigeno con soffietti e forgiati europei.
Le nostre prove archeologiche a El Manchón forniscono un esempio singolare“, scrivono gli archeologi, “una soluzione di progettazione di forni a soffietto circolare alimentati a mano che ha fornito un’opzione tecnica di grande successo e di lunga durata per aumentare notevolmente il volume della produzione di rame“.
È l’unico esempio archeologico esistente di questo particolare progetto, sebbene esista un’illustrazione in un museo della zona.
Hosler afferma: “Siamo stati in grado di utilizzare metodi e dati archeologici tradizionali dall’analisi dei materiali, nonché dati etnografici, ricavati dalla fornace per supportare materiale storico e archivistico di secoli fa“.
Per almeno un secolo, più probabilmente per due, gli spagnoli in Mesoamerica sembrano dipendere da minatori, costruttori e operatori di fornaci indigeni messicani per ottenere il rame per le loro armi.
I messicani occidentali avevano già sviluppato le conoscenze tecniche per fondere questi minerali metallici“, scrivono gli autori .
Ciò che è cambiato radicalmente è stata la scala della produzione di rame, resa possibile dall’introduzione di soffietti di stampo europeo“.
Utilizzando quattro linee di indagine su storia, analisi ingegneristiche, dati archeologici e dati etnografici, il team ha documentato i cambiamenti nella tecnologia di produzione del rame in questa parte del mondo nel corso di duecento anni.
Le persone, naturalmente, hanno vissuto a El Manchón per molto più tempo, fondendo il minerale di rame almeno dal 1630 d.C. e più probabilmente da molto prima, anche se le prove archeologiche sono scarse.
La nuova ricerca suggerisce che nella la fusione del rame potrebbe essere stata praticata per più di 400 anni, attraversando periodi preispanici, primi coloniali e tardo coloniali. È solo dopo l’arrivo de​​gli spagnoli, ci sono stati chiari cambiamenti nelle pratiche di fusione.
Possiamo solo immaginare le conseguenze sconvolgenti per le fonderie indigene, quando improvvisamente rame e altri metalli, materiali divini e potenti, che rappresentavano ed evocavano il soprannaturale, venivano ora usati per l’artiglieria e le monete, la stessa artiglieria usata per opprimere questi Popoli messicani“, concludono gli autori .
Fonte: https://www.sciencealert.com/spanish-invaders-forced-and-bribed-native-american-cultures-to-help-them-build-more-weapons