Rilevati misteriosi segnali lampeggianti dal centro della galassia

Gli astronomi dell’Università di Sydney hanno scoperto una misteriosa fonte di segnali radio. L’analisi finora non è riuscita a scoprire la fonte dei segnali, che è stata soprannominata ASKAP J173608.2-321635.

In un documento disponibile sul server di prestampa arXiv, i ricercatori descrivono il misterioso oggetto come “una sorgente radio altamente polarizzata e variabile situata vicino al Centro Galattico e senza una chiara controparte a più lunghezze d’onda”.

ASKAP J173608.2-321635 potrebbe rappresentare parte di una nuova classe di oggetti scoperti attraverso sondaggi di immagini radio”, continuano.

I ricercatori hanno scoperto la misteriosa fonte di segnali radio durante l’analisi dei dati dell‘Australian Square Kilometer Array Pathfinder (ASKAP), che è stato specificamente progettato per raccogliere segnali radio dalle profondità dell’universo. Brevi raffiche di onde radio, note come transienti radio, segnalano spesso eventi astronomici insoliti.

In effetti, proprio la scorsa settimana uno studio ha rivelato che una misteriosa fonte di onde radio scoperta nel 2017 proveniva da una supernova prematura mai vista prima, innescata da un vicino buco nero.

I misteriosi punti salienti degli oggetti celesti necessitano di una cadenza di rilevamento più elevata

Sebbene ulteriori analisi potrebbero rivelare che ASKAP J173608.2-32163 è, in effetti, un oggetto noto, i nuovi dati forniti dalle forti onde radio potrebbero rivelare molto su quell’oggetto. I ricercatori affermano che l’oggetto è altamente variabile in quanto emette onde radio per un massimo di settimane alla volta prima di scomparire improvvisamente per un massimo di tre mesi.

ASKAP J173608.2-32163 è stato osservato per la prima volta nell’aprile 2019 quando l’array AKAP lo aveva rilevato durante la ricerca di transitori radio. Tra aprile 2019 e agosto 2020, lo stesso oggetto è stato rilevato 13 volte. Successivamente è stato rilevato anche dal radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa nel febbraio 2021 e dall‘Australia Telescope Compact Array (ATCA) nell’aprile 2021.

La fonte è sorprendentemente sfuggente, in quanto non è apparsa in nessun raggio X e osservazioni nel vicino infrarosso, o negli archivi di vecchi dati radio controllati dai ricercatori dell’Università di Sydney. Ciò significa che non potrebbe essere una supernova, una pulsar o una stella ardente, tutti oggetti che originariamente erano considerati la fonte.

I noti segnali Galactic Center Radio Transient

L’oggetto condivide alcune proprietà con misteriosi segnali avvistati vicino al centro della galassia, noti come Galactic Center Radio Transient (GCRT). Tre di questi sono stati individuati nei primi anni 2000 e la comunità astronomica deve ancora trovare una spiegazione per gli oggetti.

I ricercatori affermano che le osservazioni future consentiranno una maggiore comprensione di quanto siano veramente comuni GCRT e oggetti come ASKAP J173608.2-32163.

Secondo i ricercatori, “l’aumento della cadenza del sondaggio e il confronto dei risultati di questa ricerca con altre regioni li aiuterà a capire quanto sia davvero unico ASKAP J173608.2-321635 e se sia correlato al piano galattico, che alla fine dovrebbe aiutare a dedurre la sua natura”.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Progetto ITER: svolta nell’energia da fusione

Il progetto di energia da fusione ITER ha segnato...

Offerte Amazon di oggi: ventilatori a piantana super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Scoperta connessione tra buchi neri supermassicci e materia oscura

Un team di ricercatori ha scoperto un collegamento tra...

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Articoli correlati

Popular Categories