I virus potrebbero essere fondamentali per gli ecosistemi sui pianeti alieni

I virus sono essenzialmente segmenti itineranti di materiale genetico che hanno imparato come “indossare tute spaziali e lasciare la cellula“, ha osservato Greg Bear nella sua epica opera di fantascienza, Darwin’s Radio, suggerendo che i virus nel nostro genoma funzionano come portatori di messaggi evolutivi — una radio genetica, per così dire.

In questo senso, potremmo semplicemente essere astronavi per i virus.

Bear considera i virus come mezzi di trasporto per informazioni genetiche primordiali che esistono dall’inizio del tempo biologico: “una stringa di atomi, raggruppati in molecole, avvolti in un altro tipo di guscio molecolare, una sorta di M&M biologico“.

I virus sono oggetti enigmatici, non viventi, ma non morti, aiutano a creare, proteggere e trasformare l’universo, osservava Carl Zimmer nel suo classico Planet of Viruses. I virus, osserva, hanno avuto un enorme impatto sulla storia di tutta la vita sulla Terra.

È stato negli oceani che coprono 2/3 del nostro pianeta, che la vita ha avuto inizio. Le tracce di vita più antiche sono fossili di microbi marini risalenti a quasi 3,5 miliardi di anni.

Fu negli oceani”, dice Zimmer, “che gli organismi multicellulari si sono evoluti; i loro fossili più antichi risalgono a circa 2 miliardi di anni fa. In effetti, i nostri antenati non hanno strisciato sulla terra fino a circa 400 milioni di anni fa“.

“Potrebbero prosperare su mondi abitati”

Se altri pianeti ospitano vita simile alla nostra (ad esempio DNA e RNA, evoluzione per selezione naturale, ecc.), allora penso che sia molto probabile che anche lì esistano virus“, dice Rory Barnes, astrobiologo dell’Università di Washington,  responsabile del Laboratorio Planetario Virtuale interessato principalmente alla formazione e all’evoluzione dei pianeti abitabili.

L’idoneità complessiva dei virus“, ha continuato, “che è il loro adattamento diffuso agli ambienti locali, suggerisce che potrebbero prosperare sui mondi abitati. Sono anche d’accordo che la minaccia dei virus alieni, anche se viaggiamo nei loro mondi d’origine, è minima. I virus terrestri si sono adattati alla vita che li circonda, quindi, a meno che la vita aliena non sia estremamente simile alla vita terrestre, è improbabile che rappresentino una minaccia”.

L’avvertenza è che se l’Universo è in grado di supportare solo forme di vita che si basano sullo stesso insieme di biomolecole della vita terrestre, allora potremmo essere suscettibili ai loro attacchi“.

L’astrofisico dell’Arizona State University Paul Davies avverte che i virus potrebbero non essere trovati solo sulla Terra, ma potrebbero essersi evoluti anche su pianeti abitabili in altre parti dell’universo. Davies suggerisce che una vasta gamma di microbi e altri agenti microscopici è probabilmente necessaria per sostenere la vita nel suo insieme, qualunque forma assuma e che i virus potrebbero far parte dell’equazione.

I virus in realtà fanno parte della rete della vita“, ha detto Davies al The Guardian  in un’intervista. “Mi aspetterei che se esiste vita microbica su un altro pianeta, potremmo trovare una piena complessità e robustezza della vita, accompagnata dalla possibilità di scambiare informazioni genetiche”.

Un mio amico pensa che la maggior parte, ma certamente una frazione significativa, del genoma umano sia in realtà di origine virale“, ha detto Davies nella sua discussione sul Guardian e, parlando del nuovo libro, What’s Eating the Universe?, osserva che il materiale genetico dei virus è stato incorporato nei genomi degli esseri umani e di altri animali mediante un processo noto come trasferimento genico orizzontale. È improbabile, suggerisce Davies, che la vita aliena sia omogenea.

Non credo che se andremo su qualche altro pianeta troveremo solo un tipo di microbo. Penso che debba esserci un intero ecosistema“, ha aggiunto. “I virus pericolosi sono quelli che si adattano molto da vicino ai loro ospiti“, ha detto. “Se troveremo un virus veramente alieno, allora è probabile che non sarà neanche lontanamente pericoloso“.

Portatori di equilibrio e driver di innovazione?

Dal punto di vista dell’essere rinchiusi in un singolo corpo umano per una singola vita umana, i virus possono sembrare nel migliore dei casi un fastidio, nel peggiore una catastrofe globale“, dice l’astrobiologo Michael L. Wong.

Ma dal punto di vista della biosfera terrestre, sul lungo termine i virus possono essere visti come portatori di equilibrio e motori di innovazione. Pertanto, apprezzo la prospettiva di Davies secondo cui entità simili a virus probabilmente accompagnerebbero un sistema extraterrestre di organismi cellulari, nonostante il fatto che rimanga molta incertezza sull’origine dei virus e della vita in generale“.

La maggior parte delle persone pensa che per effettuare viaggi molto lunghi nello spazio dovremmo avere un veicolo spaziale molto grande, riciclare e poi disporre di tutta la tecnologia possibile“, ha detto Davies.

In realtà, la parte più difficile di questo problema è capire di quale microbiologia avremo bisogno – non va bene prendere solo un po’ di maiali e patate e cose del genere e sperare che quando arriveremo a destinazione sarà tutto facile e sostenibile”.

Tra i loro ruoli positivi, i virus che infettano i batteri – noti come fagi – possono aiutare a tenere sotto controllo le popolazioni batteriche. I virus sono stati anche collegati a una serie di altri importanti processi, dall’aiutare le piante a sopravvivere in terreni estremamente caldi all’influenzare i cicli biogeochimici. E, come osserva Davies, una frazione significativa del genoma umano potrebbe essere composto da antichi virus.

Posso accettare l’idea che gli organismi extraterrestri dipendano da ricchi ecosistemi e dal trasferimento di informazioni genetiche da parte di entità simili a virus“, ha detto l’astrobiologo dell’UCLA Jean-Luc Margot

Per mettere alla prova queste idee speculative e migliorare la nostra comprensione della vita, dobbiamo sostenere gli sforzi per trovare la vita extraterrestre”.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Articoli correlati

Popular Categories