Mieridduryn bonniae: una rara specie che ha preceduto i dinosauri

Gli scienziati hanno recentemente portato alla luce fossili di Mieridduryn bonniae, strane creature oceaniche vissute circa 460 milioni di anni fa ed erano diverse da qualsiasi animale vivente oggi.

Circa 460 milioni di anni fa, bizzarre creature dal corpo molle attraversarono le profondità di un oceano che ricopriva quello che oggi è il Galles. Si spingevano con lembi ondulati e arrotondati che ondeggiavano su paia di zampe tozze e sondavano l’acqua con musi tempestati di punte.

Gli scienziati hanno recentemente scoperto due esemplari fossilizzati di questi antichi e peculiari organismi, descrivendone uno come una nuova specie. I fossili, che sono stati scavati da una cava gallese su un terreno privato, forniscono uno scorcio insolitamente ben conservato di questi piccoli strambi e offrono indizi sul mondo scomparso che abitavano durante il periodo Ordoviciano (da 485,4 milioni a 443,8 milioni di anni fa).

In un certo senso, i ritrovati fossili assomigliano a un gruppo animale noto come opabiniidi, un genere emerso più di mezzo miliardo di anni fa durante un periodo noto come esplosione cambriana, un periodo durante il quale una diversità di vita senza pari è esplosa per oltre 20 milioni di anni, un arco di tempo geologico relativamente breve. Al momento, gli scienziati non sono sicuri se le specie appena descritte siano opabiniidi o sosia non correlate.

Lo scrittore scientifico e biologo evoluzionista Stephen Jay Gould, ha definito gli opabiniidi ” strane meraviglie ” nel suo libro ” Wonderful Life: The Burgess Shale and the Nature of History“, e la specie appena descritta corrisponde esattamente a questa descrizione, anche se è di circa 40 milioni di anni più giovane degli opabiniidi.

Come i suoi predecessori, il nuovo arrivato, soprannominato Mieridduryn bonniae, ha un lungo tronco. Il nome del genere deriva dalle parole gallesi per “rovo” e “muso”, riferendosi alle punte spinose che rivestono il naso simile a un tubo flessibile, mentre il nome della specie deriva da “Bonnie”, la nipote dei proprietari della cava.

Una ricostruzione colorata e accattivante dell’illustratore Franz Anthony ha dato vita a Mieridduryn bonniae, immaginando la creatura come un “minuscolo verme di gambero alieno” dal muso tozzo che sfreccia attraverso l’oceano dell’Ordoviciano.

Fossile dell'animale dell'Ordoviciano Mieridduryn bonniae . La sua proboscide spinosa è visibile in primo piano a destra.(Credito immagine: Pates et al./Nature Communications)
Fossile dell’animale dell’Ordoviciano Mieridduryn bonniae. La sua proboscide spinosa è visibile in primo piano a destra.(Credito immagine: Pates et al./Nature Communications)

Mieridduryn bonniae era minuscolo

Mieridduryn bonniae misurava solo 0,5 pollici (13 millimetri) di lunghezza e le tracce conservate del suo intestino suggeriscono che la sua apertura della bocca fosse rivolta all’indietro. Non aveva occhi e sotto i lembi del corpo c’erano zampe triangolari morbide con segmenti ad anello, un’altra caratteristica che è stata collegata agli opabiniidi.

L’esemplare più piccolo è lungo 0,1 pollici (3 mm) e ha anche una proboscide, ma a differenza di Mieridduryn bonniae ha anche una coda a ventaglio. Tuttavia, tali code si trovano anche negli opabiniidi e i solchi che compaiono lungo la schiena di questo individuo sono simili a quelli di altre specie di opabiniidi, ha detto l’autrice senior dello studio Joanna Wolfe, ricercatrice associata presso il Dipartimento di biologia organismica ed evolutiva dell’Università di Harvard. L’esemplare più piccolo potrebbe essere uno stadio larvale di Mieridduryn bonniae o una specie completamente diversa, quindi gli scienziati non l’hanno ancora formalmente chiamato.

I nuovi esemplari sono i primi animali simili agli opabiniidi trovati in Europa, hanno riferito i ricercatori nello studio. Ma mentre i due fossili sono in qualche modo come gli opabiniidi, ci sono alcune differenze fondamentali. Gli opabiniidi hanno tipicamente cinque occhi, mentre Mieridduryn bonniae è senza occhi. E i tronchi opabiniidi sono lisci, privi delle punte di Mieridduryn bonniae. I lembi del corpo su Mieridduryn bonniae assomigliano a quelli di un altro gruppo di animali cambriani, noti come radiodonti, ma i radiodonti non hanno gambe o musi lunghi, ha spiegato Wolfe.

“Potrebbe essere un opabiniide o forse non è né un opabiniide né un radiodonte, è una via di mezzo”, ha detto Wolfe.

Gli opabiniidi e i radiodonti sono lontani parenti dei moderni artropodi: animali con esoscheletri, corpi segmentati e arti articolati, come crostacei, insetti e aracnidi. Indipendentemente dal fatto che Mieridduryn bonniae appartenga a uno di questi due gruppi estinti o a uno ancora sconosciuto, la sua scoperta avvicina gli scienziati alla comprensione di come i primi animali morbidi e senza gambe della Terra si siano evoluti in artropodi con gambe e corpi articolati.

“Ciò che questi fossili possono dirci da una prospettiva evolutiva è l’ordine degli eventi che sono accaduti dal verme agli artropodi con le gambe complete”, ha concluso Wolfe.

Fonte: Nature Communications

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Articoli correlati

Popular Categories