Gli animali più strani evolutisi durante l’esplosione del Cambriano

L'esplosione del Cambriano, avvenuta circa 542 milioni di anni fa, è stata uno degli eventi biologicamente più "produttivi" per mancanza di una parola migliore, nella storia della vita su questo pianeta

0
1895

L’esplosione del Cambriano, avvenuta circa 542 milioni di anni fa, è stata uno degli eventi biologicamente più “produttivi” per mancanza di una parola migliore, nella storia della vita su questo pianeta. Questo periodo è stato un momento in cui è successo davvero di tutto, biologicamente parlando.

Naturalmente, ci sono stati molti vicoli ciechi e pochissimi selezionati sono riusciti a superare il periodo per gettare le basi genetiche di molti dei phyla moderni. Alcune delle creature che sono vissuti durantequesta parte della storia della Terra sono così strane che si potrebbe pensare siano stati il risultato del lavoro di qualche folle artista surrealista.

Mentre l’esplosione del Cambriano è stata senza dubbio un momento importante nella storia naturale (è stata persino chiamata “Life’s Big Bang”), non possiamo essere sicuri se sia stata unica o meno in termini di speciazione. Poiché questo evento segna il momento in cui le creature iniziarono a evolvere parti del corpo dure, aumentarono le possibilità che si conservasserorispetto ai loro antenati dal corpo molle e la documentazione sui fossili diventa molto più  completa da questo momento in poi.

A meno che non troviamo prove di organismi dal corpo molle eccezionalmente ben conservati che precedono l’esplosione del Cambriano, come quelli del periodo Ediacarano che fu ancora più strano, possiamo solo supporre cosa potrebbe essere venuto prima.

L’evento di estinzione di massa del Cambriano-Ordoviciano, avvenuto alla fine del Cambriano (circa 488 milioni di anni fa) avrebbe messo fine a questa era di sperimentazione, con un numero relativamente piccolo di organismi sopravvissuti per ricominciare da capo.

Quali sono alcune delle creature più strane dell’esplosione del Cambriano?

Gli animali vissuti in questo periodo sono tutti molto interessanti, ma qualcuno era davvero strano. Quindi, fermiamoci.



Ci sono così tante strane creature che si sono evolute durante questo periodo che è difficile fare una rosa dei candidati. Ma qui presentiamo quelle specie che riteniamo siano probabilmente le cose più strane che tu abbia mai visto.

1. L’allucigenia

allucigenia esplosione cambriana
Ricostruzione moderna di Hallucigenia sparsa. Fonte: Jose manual canete/Wikimedia Commons

Ecco forse la più strana forma di vita che ha mai vagato sul nostro pianeta. Sembrando un incrocio tra un paio di pettini e un verme dalle gambe arcuate, questa creatura appare aliena oggi come doveva sembrare ai suoi tempi. Fu scoperto per la prima volta da Charles Doolittle Walcott più di un secolo fa, che si dice fosse così confuso dal suo aspetto che pensò di essere “allucinato”. Da quel momento, il nome della creatura non fu mai messo in dubbio.

La maggior parte degli esemplari scoperti ha dimensioni comprese tra 0,5 cm – 5,5 cm. La creatura visse circa 505 milioni di anni fa. Ritenuta uno dei primi invertebrati, è caratterizzata dall’avere tra sette o otto “zampe” sottili con un numero corrispondente di punte acuminate lungo la “schiena”. Nessuno al momento può indovinare da quale lato fosse la testa e quale la coda.

Esemplari della creatura sono stati trovati in Canada e in Cina.

Le prime ricostruzioni della creatura prevedevano l’uso delle punte come una sorta di trampoli, ma ora i paleontologi credono che le punte fossero tenute erette dalla sua schiena. Per decenni, i naturalisti si sono chiesti se l’allucigenia rappresentasse un phylum animale completamente nuovo (e completamente estinto) del periodo cambriano, spesso semplicemente inserendolo nel taxon della “problematica“. Oggi, tuttavia, si ritiene che fosse un membro dell’estinto phylum lobopodiano e/o un remoto antenato degli onicofori o vermi di velluto.

2. Anomalocaris

esplosione cambriana anomalocaris
Una moderna ricostruzione di Anomalocaris. Fonte:  Murray Foubister/Wikimedia Commons

Un altro degli organismi più strani ad evolversi durante questo periodo fu l’enigmatico Anomalocaris. Tradotto approssimativamente come “gamberetto anormale o strano“, questa creatura fu un predatore al vertice della catena alimentare ai suoi tempi oltre mezzo miliardo di anni fa. Membro del genere ormai estinto radiodont (che significa dente radiale o circolare, un ordine strettamente correlato agli artropodi moderni), fu scoperto per la prima volta da Joseph Whiteaves nel 1892.

Come la maggior parte della fauna del Cambriano, la creatura ha una forma del corpo e un design molto strani, ma condivide alcune caratteristiche che non conosciamo troppo bene con gli animali moderni. Ad esempio, il suo corpo segmentato e gli arti prensili non sono troppo dissimili dagli artropodi moderni.

Ai suoi tempi, Anomalocaris era un vero gigante che misurava fino a 183 cm di lunghezza. La creatura sembra essere stata un’ottima nuotatrice e, probabilmente, si muoveva in avanti facendo ondeggiare i suoi lembi flessibili o alette lungo la lunghezza del suo corpo. Si pensa che i suoi arti anteriori relativamente grandi fossero usati per la predazione e potessero essere usati per scrutare la sua preda nella sua insolita bocca a forma di disco sul lato inferiore della testa. Per il suo tempo, la sua vista doveva essere eccellente, usando i suoi complessi occhi composti che, secondo alcuni, avrebbero potuto rivaleggiare con quelli delle libellule dei giorni nostri.

La bocca di Anomalocaris era composta da 32 placche sovrapposte che i ricercatori ritengono potessero facilmente schiacciare la preda. Alcuni esemplari sono stati trovati con resti fossili di carapace trilobitico nello stomaco, che mostrano una chiara indicazione del tipo di cose che si è evoluto per uccidere e mangiare.

3. Il Kerygmachela è il cugino “più carino” dell’Anomalocaris

esplosione cambriana Kerygmachela
Fonte:  Tae-Yoon S. Park et al.

La bellezza, come si suol dire, è negli occhi di chi guarda, ma in un mondo in cui tutto il resto è strano, potrebbe non volerci molto per essere considerato “bello”. Questo è certamente il caso del KerygmachelaSebbene possa sembrare molto intimidatoria, questa creatura, almeno gli esemplari trovati finora, raramente supera i 18 cm di lunghezza. Kerygmachela visse circa 520 milioni di anni fa.

Trovata nella  Formazione Buen di  Sirius Passet Lagerstätte, in Groenlandia, questa creatura è stata descritta per la prima volta nel 1993. Dalla sua forma corporea, puoi capire perché è stata classificata come parente di altre creature come Anomalocaris, e forse è un lontano antenato dei veri artropodi moderni.

Il suo nome deriva dalle sue appendici anteriori piuttosto eleganti ed esagerate e significa, approssimativamente tradotto, “proclamato artiglio“. Queste appendici terminano con una serie di spine dall’aspetto piuttosto sgradevole che probabilmente servivano per catturare la sua preda. In vita, avrebbe avuto un paio di occhi composti sessili, o a fessura, che si trovavano appena dietro il punto in cui le sue appendici molto grandi si uniscono alla sua “testa”. Una piccola bocca rivolta in avanti si trovava sotto la sua testa e portava un paio di strutture simili a sonde.

La creatura probabilmente nuotava in modo simile ad Anomalocaris. Un’altra caratteristica fondamentale di questo animale è la sua coda allungata. A lungo pensato per essere una sorta di organo sensoriale, chiamato cerci, c’è un dibattito sull’effettiva finalità d’uso di questo organo.

4. La Marrella è un altro scherzo della natura

marrella esplosione cambriana
Fonte: Twitter

Un altro degli esperimenti più strani dell’era Cambriana è una creatura chiamata Marrella. Vivendo circa 520 milioni di anni fa, è un genere di artropodi estinto da tempo. La creatura fu scoperta per la prima volta nel 1909 da Charles Walcott, che inizialmente credeva che fosse una varietà enigmatica di trilobite. I trilobiti, nel caso non lo sapessi, sono alcune delle prime forme di vita più comuni e sono spesso usati per datare vecchie rocce, poiché sono molto comuni.

Se hai mai visitato un museo di storia naturale, è probabile che tu ne abbia viste molte.

La Marrella era una minuscola bestia, lunga circa 2 cm ed è uno degli animali più “belli” conservati di questo periodo. Questa creatura, o meglio i suoi resti, è caratterizzata da antenne accoppiate, punte della testa rivolte all’indietro e circa 25 segmenti corporei. Ognuno di questi segmenti ha anche il proprio paio di “gambe”.

Si pensa che Marrella si alimentasse cercando detriti organici sul fondo dell’oceano. Sono uno dei pochi generi dell’esplosione del Cambriano a sopravvivere al grande evento di estinzione che segnò la fine del Cambriano e sopravvissero fino al periodo Devoniano (tra circa 419 milioni e 359 milioni di anni fa).

5. Opabinia

esplosione cambriana oabinia
Varie ricostruzioni di Opabinia. Fonte: Royal Society

Con cinque occhi, un lungo tronco frontale biforcuto e un corpo segmentato, l’Opabinia potrebbe essere uno degli esperimenti evolutivi più strani dell’esplosione del Cambriano. Scoperta per la prima volta nel 1912, questa creatura era lunga circa 7 cm e visse circa 505 milioni di anni fa.

Si pensa che Opabinia sia strettamente imparentata con l’Anomalocaris, si ritiene che la creatura passasse il cibo alla sua bocca rivolta all’indietro usando la sua strana proboscide frontale.

Oggi ne esistono solo circa 20 esemplari identificabili. Gli scienziati non sono del tutto sicuri del modo di vivere di Opabinia ma è probabile che vagasse per il fondale marino cacciando e afferrando creature più piccole di lei per consumarle.

È anche possibile che Opabinia sia stato stato uno spazzino .

6.  L’Habelia è uno dei primi antenati dei potenti scorpioni marini

esplosione cambriana Habelia
Ricostruzione artistica di Habelia. Fonte: Museo Reale dell’Ontario

Un altro esemplare interessante dell’esplosione del Cambriano è l’Habelia dall’aspetto stranoScoperto per la prima volta nel 1912 da chi sa, ne sono stati raccolti più di cinquanta esemplari. Si pensa che fosse un predatore oceanico, visse circa 508 milioni di anni fa in quelle che oggi sono le Montagne Rocciose canades.

Per molti anni, l’Habelia ha rappresentato uno degli esemplari più difficili da classificare fino a tempi recenti. Con una lunghezza di circa 2 cm, questa creatura era pesantemente corazzata e ben equipaggiata per la vita di un cacciatore. Una delle sue caratteristiche distintive sono le sue grandi mascelle, tecnicamente chiamate  gnatobasi, situate sotto il suo grande scudo per la testa. Ha anche una serie di lunghe spine dorsali sul torace e una lunga spina dorsale sulla coda.

Recenti studi e ricostruzioni di questa creatura sembrano rivelare che aveva una serie di mascelle simili a un coltellino svizzero che sembrava svolgere una serie di compiti molto simili ai diversi denti nella mascella di un mammifero. Si ritiene che questi diversi “strumenti” fossero un adattamento per la sua dieta apparente di mangiare prede dal carapace duro e dal guscio.

Gli esemplari studiati sembrano anche avere arti ben sviluppati sul torace, perfettamente adattati per una rapida locomozione sul fondo marino. Si ritiene che queste creature cacciassero prede piccole o immature come trilobiti o altri organismi piccoli e dal guscio duro.

7. Incontra il tuo molto, molto lontano antenato (forse), Pikaia 

pikaia dell'esplosione del Cambriano
Pikaia potrebbe essere una tua lontana parente. Fonte: Nobu Tamura/Wikimedia Commons

Meno strana rispetto alle altre sopra elencate, questa creatura è incredibilmente interessante, in quanto è il vertebrato più primitivo conosciuto, il che lo rende  un antenato molto precoce di tutti gli animali vertebrati viventi esistenti oggi.Il Pikaia, scoperto nel 1911, è una specie che ha vissuto circa 530 milioni di anni fa ed è uno dei fossili meglio studiati dell’epoca.

Cordato primitivo (il phylum che comprende i vertebrati), questa creatura assomiglia a un lancelet moderno e probabilmente nuotava in modo molto simile alle anguille. Misurava circa 3,8 cm di lunghezza e aveva un corpo allungato simile a un pesce e una struttura della testa poco definita. Aveva due tentacoli allungati simili ad antenne che sporgevano dalla parte anteriore della sua “testa”, e una serie di brevi appendici sottostanti che potrebbero aver agito come branchie primitive.

Sebbene primitivo, il Pikaia  mostra i prerequisiti essenziali per i vertebrati, inclusa  una notocorda molto primitiva – un “bastone” flessibile che si trova nei cordati e che si sviluppa in parte della spina dorsale dei vertebrati. Negli esemplari di Pikaia sono stati identificati anche una corda nervosa e un sistema vascolare, altre strutture chiave dei vertebrati .

Da vivo, Pikaia  doveva assomigliare a un animale compresso a forma di foglia con una pinna caudale espansa. Il suo corpo appiattito era diviso in coppie di blocchi muscolari segmentati, che sarebbero stati visti come deboli linee verticali.

Un proxy approssimativo di come potrebbe essere stato Pikaia nella vita è il moderno Branchiostoma.

8. Wiwaxia sembrava una mezza noce di cocco con le punte

esplosione del Cambriano wiwaxia
Ricostruzione CGI di Wiwaxia. Fonte: Martin T. Smith/Wikimedia Commons

Wiwaxia è un’altra delle creature più strane di questo periodo. Effettivamente una cupola corazzata a piastre con lame sporgenti simili a spade, questo potrebbe essere uno degli animali più strani dell’esplosione del Cambriano.

I campioni variano in dimensioni da 2 mm a 5 cm di lunghezza, gli scienziati ora sono abbastanza fiduciosi di avere esempi dalla maggior parte delle fasi della vita di questo animale.

Poco altro oltre alle sue imponenti strutture difensive è stato conservato, quindi la sua classificazione è complicata. L’opinione è divisa tra una specie di antico verme o una specie di mollusco.

9.  Aysheaia sembra una specie di terribile parassita

esplosione cambriana Aysheaia
Ricostruzione di Aysheaia in vita. Fonte: PaleoEquii/Wikimedia Commons

E infine, presentiamo la nostra ultima straordinaria creatura di questo periodo: l’Aysheaia. Vissuta tra 570 e 500 milioni di anni fa, questa creatura variava in dimensioni da 1 a 6 cm di lunghezza.

Lobopode dal corpo morbido, condivide alcune caratteristiche con i vermi di velluto e i tardigradi. Aveva dieci paia di arti appuntiti con artigli e un anello di appendici simili a dita intorno alla bocca, oltre a due appendici da presa sulla testa. Gli esemplari di questo animale sono comunemente associati alle antiche spugne, indicando che potrebbe essersi nutrito delle spugne in vita o aver evitato i predatori vivendo in colonie di spugne (o entrambi).

Anche la bocca e l’apparato boccale sono apparentemente simili a quelli dei tardigradi moderni, che sono onnivori.

Non c’è dubbio che l’esplosione del Cambriano sia stato un periodo affascinante nella storia della Terra e abbia gettato le basi (letteralmente e figurativamente) per molti dei principali phyla di animali vivi oggi. Tuttavia, non c’è dubbio che molte di queste creature siano, ai nostri occhi moderni, tanto estranee a noi quanto potrebbero esserlo degli alieni.

2