Il meteorite marziano Tissint contiene composti organici

Secondo un nuovo studio, il meteorite marziano Tissint che si è schiantato sulla Terra 12 anni fa, contiene un' "enorme diversità" di composti organici, incluso un composto mai visto prima su Marte

782
Il meteorite marziano Tissint contiene composti organici
Il meteorite marziano Tissint contiene composti organici

Secondo un nuovo studio, il meteorite marziano Tissint,che si è schiantato sulla Terra 12 anni fa, contiene un’enorme diversità di composti organici, incluso un composto mai visto prima su Marte. I risultati potrebbero aiutare gli scienziati a capire di più sull’abitabilità del Pianeta Rosso e se, potenzialmente, una volta possa avere ospitato la vita.

Il meteorite Tissint si è frantumato nel cielo sopra la città di Tissint, in Marocco, il 18 luglio 2011, facendo piovere frammenti della roccia spaziale sul deserto sottostante. Il meteorite, che si è formato su Marte centinaia di milioni di anni fa, è stato, probabilmente, espulso dal nostro vicino cosmico da un violento evento di impatto prima di essere, milioni di anni dopo, catturato nel campo gravitazionale terrestre.

Tissint è uno dei cinque meteoriti marziani con testimoni che hanno assistito all’impatto.

Nello studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, i ricercatori hanno analizzato frammenti del meteorite e hanno trovato esempi di almeno cinque diversi tipi di composti organici.

I risultati della ricerca rappresentano “il catalogo più completo mai realizzato della diversità dei composti organici trovati in un meteorite marziano o in un campione raccolto e analizzato da un rover”, hanno scritto i ricercatori in una nota.

Il nuovo studio sui composti organici del meteorite Tissint è l'analisi più dettagliata di qualsiasi campione marziano fino ad oggi.  (Credito immagine: Shutterstock)
Il nuovo studio sui composti organici del meteorite Tissint è l’analisi più dettagliata di qualsiasi campione marziano fino ad oggi. (Credito immagine: Shutterstock)

I composti organici sono molecole che contengono atomi di carbonio legati ad atomi di uno o più altri elementi, solitamente idrogeno, ossigeno, azoto e zolfo, così come altri. Questi composti sono molto abbondanti in tutte le forme di vita sulla Terra, il che significa che la loro presenza nelle rocce spaziali potrebbe potenzialmente indicare l’esistenza di vita altrove nel sistema solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, alcuni composti organici possono anche formarsi attraverso processi non biologici, quindi gli scienziati non possono sapere con certezza se tali composti siano un segno di vita su altri pianeti.

Il meteorite Tissint contiene composti organici di magnesio

Il meteorite Tissint conteneva composti organici di magnesio, che sono “estremamente abbondanti” in tutto il meteorite e non sono mai stati rilevati prima in campioni marziani, come hanno scritto i ricercatori nello studio. Il team ritiene che questi composti si siano formati nelle condizioni di alta pressione e alta temperatura dell’antico mantello di Marte (lo strato sotto la crosta di marziana), il che significa che non sono biologici e potrebbero rivelare indizi su come fosse il profondo interno del Pianeta Rosso. 

I ricercatori hanno anche scoperto diversi altri composti all’interno del meteorite, inclusi gli acidi carbossilici ramificati alifatici, composti che hanno strutture simili agli amminoacidi che costituiscono le proteine; aldeidi: composti in cui un carbonio è a doppio legame o condivide più elettroni con un atomo di ossigeno; olefine, o idrocarburi con uno o più atomi di carbonio doppiamente legati tra loro; e poliaromatici – idrocarburi complessi che includono più strutture ad anello.

Questa non è la prima volta che vengono scoperti composti organici all’interno di un meteorite marziano. Il meteorite Allan Hills 84001, o ALH 84001, precipitato in Antartide nel 1984, conteneva diversi composti organici; la loro scoperta ha scatenato anni di dibattito sul fatto che questi composti potessero essere stati formati da antiche forme di vita marziane. Ma nel luglio 2022, i ricercatori hanno scoperto che i composti all’interno di ALH 84001 sono stati probabilmente creati da reazioni geologiche miliardi di anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene nessuno di questi composti organici identificati nel nuovo studio sul meteorite Tissint sia un ovvio biomarcatore per la vita aliena, i ricercatori osservano che possono ancora aiutare a insegnare agli scienziati cose nuove sul nostro vicino cosmico, e se le antiche condizioni geologiche del pianeta potrebbero aver favorito la vita.

“Comprendere i processi e la sequenza di eventi che hanno plasmato questa ricca abbondanza organica rivelerà nuovi dettagli sull’abitabilità di Marte e potenzialmente sulle reazioni che potrebbero portare alla formazione della vita”, ha affermato il coautore dello studio Andrew Steele, astrobiologo presso la Carnegie Institution for Science di Washington DC e scienziato di missione con i rover Perseverance e Curiosity della NASA.

Ma le future missioni su Marte sono necessarie per espandere la nostra comprensione del Pianeta Rosso prima di poter dire con maggiore sicurezza se la vita sia fiorita o meno su Marte, secondo i ricercatori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“La questione se la vita sia mai esistita su Marte è un argomento di ricerca molto caldo che richiede una conoscenza più approfondita dell’acqua, delle molecole organiche e delle superfici reattive del pianeta rosso”, ha concluso l’autore principale dello studio Philippe Schmitt-Kopplin, un biogeochimico dell’Università tecnica di Monaco in Germania.

Fonte: Science Advances