Mercurio investito da una grande espulsione di massa coronale

Mercurio è stato colpito da una straordinaria e violenta eruzione, circa 40 volte più ampia della Terra, ed è recentemente esplosa dal lato nascosto del sole. L’eruzione si è scagliata nello spazio con un’enorme nube di plasma.

Mercurio: gli umani potranno mai mettere piede sul pianeta?

Una grande espulsione di massa coronale ha colpito Mercurio

L’eruzione è stata probabilmente innescata da un potente brillamento solare, avvenuto intorno alle 19:00 ET del 9 marzo 2024. Il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA ha individuato un grande filamento di plasma, parzialmente oscurato, che è esploso verso l’esterno da dietro il lembo nord-orientale del sole. In base alla quantità di plasma visibile, l’eruzione probabilmente si è estesa per circa 500.000 chilometri.

Mercurio

I dati SDO hanno mostrato che l’esplosione, che probabilmente ha lasciato dietro di sé un enorme “canyon di fuoco” sulla superficie del Sole, ha anche rilasciato una grande espulsione di massa coronale (CME), una nuvola in rapido movimento di plasma magnetizzato e radiazioni, che si è scontrata con Mercurio.

Mercurio è spesso invaso da CME a causa della sua vicinanza alla nostra stella. Il piccolo pianeta non ha più atmosfera a causa di questo bombardamento ed è completamente esposto alla forza di queste tempeste solari.

Cosa succede quando Mercurio viene colpito dalle tempeste solari

Quando gli elettroni delle CME colpiscono la superficie non protetta di Mercurio, rallentano rapidamente. Questa decelerazione fa sì che le particelle rilascino energia sotto forma di raggi X , che gli scienziati possono rilevare dalla Terra. Il risultato è un fenomeno simile all’aurora osservabile nei raggi X piuttosto che nella luce visibile.

La gigantesca eruzione è l’ultimo segno che il picco esplosivo del ciclo solare di circa 11 anni del sole, noto come massimo solare, potrebbe essere già iniziato, molto prima di quanto originariamente previsto.

Durante il massimo solare, le eruzioni solari e altri tipi di tempeste solari esplodono più frequentemente e con maggiore potenza poiché il campo magnetico del sole si indebolisce e alla fine si capovolge. Gli scienziati stanno già vedendo segni di questo fenomeno.

Nell’ultimo mese, i ricercatori hanno osservato alcune delle più grandi tempeste solari del ciclo attuale, tra cui un importante brillamento di classe X, il più potente da oltre sei anni, e un pennacchio di plasma 15 volte più alto della Terra, eruttato da il polo sud del sole.

Una delle maggiori preoccupazioni durante il massimo solare è che i ricercatori non riescano a monitorare adeguatamente il lato nascosto della nostra stella, che può ospitare macchie solari giganti che scatenano tempeste solari a sorpresa, come quella che ha appena colpito Mercurio.

Mercurio

È possibile che queste macchie solari possano indirizzarsi verso la Terra mentre il sole ruota, esponendo il nostro pianeta a brillamenti e CME. Ad esempio, nel gennaio 2023, una macchia solare nascosta ha emesso senza preavviso un bagliore di classe X che ha evitato per un pelo il nostro pianeta.

Un’arma segreta che la NASA ha nella manica per evitare di essere sorpresa da queste invisibili macchie scure è il rover Perseverance, che a volte può monitorare il lato più lontano del sole dalla sua postazione su Marte. Questo tuttavia funziona solo quando la Terra e Marte si trovano ai lati opposti del Sole.

Mercurio: il pianeta più vicino al Sole

Mercurio il secondo pianeta più denso dopo la Terra, con un enorme nucleo metallico largo da 3.600 a 3.800 chilometri, ovvero circa il 75% del diametro del pianeta. In confronto, il guscio esterno di Mercurio ha uno spessore di soli 500-600 km. La combinazione del suo nucleo massiccio e della sua composizione, che comprende un’abbondanza di elementi volatili, ha lasciato per anni gli scienziati perplessi.

Poiché il pianeta è così vicino al Sole, la temperatura superficiale di Mercurio può raggiungere i 450 gradi Celsius (840 gradi Fahrenheit). Tuttavia, poiché questo mondo non ha molta atmosfera reale per intrappolare il calore, di notte le temperature possono precipitare fino a meno 275 gradi Fahrenheit (meno gradi centigradi), uno sbalzo di temperatura di oltre 1.100 gradi Fahrenheit (600 gradi Celsius), il più grande del sistema solare.

Mercurio

Mercurio è il pianeta più piccolo del sistema solare: è solo leggermente più grande della Luna terrestre. Poiché non ha un’atmosfera significativa per fermare gli impatti, il pianeta è costellato di crateri.

Circa 4 miliardi di anni fa, un asteroide largo circa 100 km ha colpito Mercurio con un impatto pari a 1 trilione di bombe da 1 megatone, creando un vasto cratere da impatto largo circa 1.550 km. Conosciuto come bacino del Caloris, questo cratere potrebbe contenere l’intero stato del Texas. Secondo una ricerca del 2011, un altro grande impatto potrebbe aver contribuito a creare la strana rotazione del pianeta.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Articoli correlati

Popular Categories