In che modo il sole morirà?

Il nostro Sole ha circa 4,6 miliardi di anni, ovvero all’incirca al punto di mezza età della sua vita normale. In che modo cesserà il suo ciclo?

0
1783
Sole, poli magnetici del sole

Quasi ogni giorno c’è il sole, che ci tiene al caldo e illumina le nostre giornate, dandoci l’energia per essere esseri viventi sulla Terra: è onnipresente, la fonte della nostra energia e il donatore di vita per una piccola comunità di esseri senzienti su un piccolo pianeta come la Terra.

Sole, poli magnetici del sole

Il Sole non durerà per sempre

Il Sole tuttavia non durerà per sempre. La datazione radiometrica, utilizzando gli isotopi radioattivi come orologi naturali e precisi, ci dice che il Sole ha circa 4,6 miliardi di anni. Dall’idrogeno ionizzato di una nube di gas come quelle che abbiamo sparso nel nostro cielo, l’idrogeno e altri elementi si sono uniti per gravità e hanno innescato la fusione nucleare, creando la nostra stella. Da allora ha continuato a convertire furiosamente l’idrogeno in elementi più pesanti.

Il Sole è una stella G2V, il che significa che è una stella biancastra della sequenza principale. La parte G2 si riferisce alla classificazione della temperatura del colore e la V significa che si trova nella sequenza principale.

Anche se la sua emissione luminosa raggiunge il picco alle lunghezze d’onda giallo/verde, caratterizziamo la sua luce come bianca a causa della distribuzione dei colori e delle intensità. Come si può immaginare, il maggior numero di stelle sono rappresentate dalle nane.



La nostra stella è molto più grande delle stelle nane e la percentuale di stelle nella nostra galassia è qualcosa come 7,5. Ma il nostro Sole è lontano dalle stelle più grandi. Le supergiganti sono molte volte più grandi.

Sole, poli magnetici del sole

Sin dai tempi pionieristici di Henry Norris Russell e Ejnar Hertzsprung all’inizio del XX secolo, gli astronomi sono arrivati a comprendere abbastanza bene l’evoluzione stellare. Ora comprendiamo molto sulle storie di vita di diversi tipi di stelle, e la caratteristica fondamentale nel viaggio di vita di una stella è la sua massa. Sappiamo che le stelle più massicce, le supergiganti, hanno vita relativamente breve.

Fondono furiosamente gli elementi, terminando il loro viaggio come stelle normali in pochi milioni di anni. Spesso terminano con spettacolari esplosioni di supernova e possono lasciare dietro di sé un’eredità sotto forma di buco nero stellare. Le stelle meno massicce, quelle numerose nane, vivono tranquillamente la loro vita e possono durare per periodi di tempo inimmaginabili, forse un trilione di anni.

Potrebbero finire come braci in resti altrimenti oscuri di dischi galattici. Le stelle di peso medio come il Sole sono ben comprese. Raccontano una storia familiare che può essere vista attraverso il cielo in qualsiasi notte limpida con un piccolo telescopio.

Cosa succederà quando il Sole esaurirà il suo ciclo

Quando una stella di massa solare esaurisce il carburante da bruciare, per così dire, aumenta di dimensioni e si trasforma in una gigante rossa. Mentre tenta di fondere elementi sempre più pesanti, diventa sempre più instabile e alla fine emette materiale, formando una nebulosa planetaria di breve durata.

Queste nubi di gas luminose sono state chiamate così per la loro somiglianza telescopica con i dischi dei pianeti così come li hanno visti gli osservatori nel XVIII secoli. Ma in realtà sono i resti della stella morente, fluorescenti a causa dell’eccitazione provocata dalla stella residua al loro centro. Esempi di planetari, che durano circa 50.000 anni, sono familiari agli appassionati di astronomia.

Il sole ha emesso un'eruzione di classe X

Il nostro Sole rientra in questa classe, misurata in base alla sua massa, che produrrà una nebulosa planetaria, che si dissiperà nel mezzo interstellare circostante e lascerà dietro di sé un nucleo stellare residuo di una nana bianca. Ciò accadrà tra circa 6 miliardi di anni. Quindi la nostra stella, a 4,6 miliardi di anni, è quasi nel punto di mezza età della sua vita normale.

Possiamo essere particolarmente lieti che, nonostante ci prendiamo cura del nostro pianeta e di noi stessi, e cerchiamo di portare l’umanità lontano nel futuro, il nostro Sole esisterà per molto tempo a venire. È la fonte di tutta l’energia che rende possibile la nostra esistenza e il più grande reattore nucleare nelle nostre vicinanze galattiche. Forse alcune delle prime culture, come i periodi dell’antico Egitto, che adoravano il Sole, avevano capito qualcosa.

2