Marte, antichi batteri potrebbero nascondersi nel sottosuolo

Un nuovo studio ha rivelato che le possibilitò di scoprire la vita su Marte siano migliori del previsto. Antichi batteri potrebberi infatti nascondersi nel sottosuolo del pianeta. Quando i primi campioni da Marte verranno restituiti sulla Terra, gli scienziati dovrebbero essere alla ricerca di antichi batteri dormienti, secondo i risultati di un nuovo studio.

In uno studio unico nel suo genere, un team di ricercatori ha scoperto che i batteri antichi potrebbero sopravvivere vicino alla superficie su Marte molto più a lungo di quanto si pensasse in precedenza. Inoltre, possono sopravvivere molto più a lungo quando i batteri sono sepolti e, quindi, protetti dalle radiazioni cosmiche galattiche e dai protoni solari.

Possibile vita su Marte?

Gli studi di cui abbiamo parlato nell’introduzione rafforzano la possibilità che se la vita si fosse mai evoluta su Marte, i suoi resti biologici potrebbero essere rivelati in missioni future. Queste missioni future includono ExoMars (rover Rosalind Franklin) e il Mars Life Explorer, che trasporterà trivelle per estrarre materiali da due metri sotto la superficie.

Poiché gli scienziati hanno dimostrato che alcuni ceppi di batteri possono sopravvivere nonostante l’ambiente ostile di Marte, ciò significa anche che i futuri astronauti e turisti spaziali potrebbero inavvertitamente contaminare Marte con i propri batteri che fanno l’autostop.

L’importanza dei risultati secondo Michael Daly

Michael Daly è professore di patologia presso l’Uniformed Services University of the Health Sciences (USU) e membro del Comitato per la protezione planetaria delle accademie nazionali, che ha guidato lo studio. Daly ha spiegato, tramite alcune dichiarazioni riportate da Scitechdaily.com: “I nostri organismi modello fungono da proxy sia per la contaminazione diretta di Marte, sia per la contaminazione all’indietro della Terra, che dovrebbero essere entrambe evitate” e ancora: “È importante sottolineare che questi risultati hanno anche implicazioni sulla biodifesa, perché la minaccia di agenti biologici, come l’antrace, rimane una preoccupazione per la difesa militare e nazionale”.

L’evoluzione dei microbi secondo Hoffman

Brian Hoffman, coautore senior dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo concluso che la contaminazione terrestre su Marte sarebbe essenzialmente permanente, per periodi di migliaia di anni” e inoltre: “Questo potrebbe complicare gli sforzi scientifici per cercare la vita marziana. Allo stesso modo, se i microbi si fossero evoluti su Marte, potrebbero essere in grado di sopravvivere fino ai giorni nostri. Ciò significa che la restituzione di campioni di Marte potrebbe contaminare la Terra”.

Simulazioni su Marte

Marte ha un ambiente duro e spietato. Le condizioni aride e gelide, con una media di -80 gradi Fahrenheit (-63 gradi Celsius) alle medie latitudini, fanno sembrare il Pianeta Rosso inospitale per la vita. Ancora peggio: Marte è anche costantemente bombardato da intense radiazioni cosmiche galattiche e protoni solari. Per esplorare se la vita potesse sopravvivere o meno in queste condizioni, Daly, Hoffman e i loro collaboratori hanno prima determinato i limiti di sopravvivenza delle radiazioni ionizzanti della vita microbica.

Quindi, hanno esposto sei tipi di batteri e funghi terrestri su una superficie marziana simulata (che è congelata e asciutta) e li hanno colpiti con raggi gamma o protoni (per imitare le radiazioni nello spazio).

“Non c’è acqua che scorre o acqua significativa nell’atmosfera marziana, quindi le cellule e le spore si seccano”, ha detto Brian Hoffman. “È anche noto che la temperatura superficiale su Marte è più o meno simile al ghiaccio secco, quindi è davvero profondamente ghiacciato”.

Alla fine, i ricercatori hanno determinato che alcuni microrganismi terrestri potrebbero potenzialmente sopravvivere su Marte su scale temporali geologiche di centinaia di milioni di anni. In effetti, gli scienziati hanno scoperto che uno specifico microbo robusto, Deinococcus radiodurans (affettuosamente noto come “Conan the Bacterium”), è particolarmente adatto a sopravvivere alle dure condizioni di Marte.

Nei nuovi esperimenti, Conan the Bacterium è sopravvissuto a quantità astronomiche di radiazioni nell’ambiente gelido e arido (spore di Bacillus di gran lunga superiori) che possono sopravvivere sulla Terra per milioni di anni.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Articoli correlati

Popular Categories