Trovata una lumaca pelosa di 99 milioni di anni nell’ambra

Una nuova specie di lumaca terrestre, che si presume abbia 99 milioni di anni, è stata trovata da un gruppo di ricercatori internazionali in pezzo di ambra

Una nuova specie di lumaca terrestre, che si presume abbia 99 milioni di anni, è stata trovata da un gruppo di ricercatori internazionali in pezzo di ambra.

Come affermato dal Museo di storia naturale di Senckenberg, la scoperta suggerisce che questa lumaca pelosa offra un vantaggio evolutivo alle lumache di terra mesozoiche.

Il team, guidato dal primo autore Dr. Jean-Michel Bichain del Museo di Storia Naturale ed Etnografia di Colmar, in Francia, ha concluso che avere i peli potrebbe aver dato ai molluschi un vantaggio selettivo durante la loro evoluzione.

La lumaca fossile è lunga 26,5 millimetri, larga 21 millimetri e alta 9 millimetri.
La lumaca fossile è lunga 26,5 millimetri, larga 21 millimetri e alta 9 millimetri.

Utilizzando la microscopia convenzionale e la tomografia microcomputerizzata a raggi X 3D, i minuscoli peli, che misurano da 150 a 200 micrometri di lunghezza, sono stati trovati sul guscio della specie Archaeocyclotus brevivillosus sp.nov.

“Questa è già la sesta specie di Cyclophoridae dal guscio peloso, un gruppo di lumache tropicali trovate finora, incastonate nell’ambra mesozoica, di circa 99 milioni di anni”, ha affermato la dott.ssa Adrienne Jochum del Senckenberg Research Institute and Natural History Museum di Francoforte e il Museo di Storia Naturale di Berna.

“Non è raro che i gusci delle lumache di terra fossili e di oggi siano abbelliti con creste, peli, noduli o pieghe; tuttavia, lo sviluppo di tale ‘decorazione’ è ancora un processo complesso che di solito non si verifica senza un scopo”, ha spiegato.

La lumaca sembrerebbe originaria della Birmania

Otto diverse specie di Cyclophoridae sono state trovate nell’ambra birmana e sei di loro avevano conchiglie ispide. Questa non è una coincidenza, secondo gli scienziati. Credono che la pelosità delle lumache abbia dato loro un vantaggio evolutivo.

“La nuova specie, Archaeocyclotus brevivillosus, proviene da una miniera di ambra del Cretaceo nella valle di Hukawng in Birmania, dove è stata raccolta prima del 2017. La lumaca fossile è lunga 26,5 millimetri, larga 21 millimetri e alta 9 millimetri. Il margine esterno del guscio è bordato di peli corti che sono raccolti intorno all’apertura del guscio. Il suo nome deriva dalle parole latine brevis (corto o piccolo) e villōsus (peloso o ispido)”, ha aggiunto il dottor Jochum.

“Ad esempio, i peli potrebbero migliorare la capacità degli animali di aggrapparsi meglio agli steli o alle foglie delle piante, cosa che è già stata osservata nelle lumache odierne. Potrebbero anche aver svolto un ruolo nella regolazione termica della lumaca consentendo a minuscole goccioline d’acqua di aderire al guscio, fungendo così da “condizionatore d’aria. Oppure potrebbero aver protetto il guscio della lumaca dall’essere corroso dal terreno altamente acido e dai rifiuti di foglie dell’antica foresta tropicale”, ha afferma Jochum, riassumendo i possibili benefici dei peli per le lumache.

“Le setole potrebbero anche essere servite da camuffamento o come protezione della lumaca da un attacco diretto da parte di uccelli inseguitori o predatori del suolo. E infine, non si può escludere che i peli fornissero un vantaggio nella selezione sessuale”.

Astratto

Le lumache di terra nell’ambra birmana del Cretaceo centrale, hanno suscitato grande interesse da parte dei paleontologi negli ultimi anni. Qui viene descritta una nuova specie del genere Archaeocyclotus appartenente alla famiglia Cyclophoridae, da un fossile ben conservato, utilizzando la classica microscopia ottica e moderne scansioni micro-TC con ricostruzioni 3D al computer. La conchiglia di Archaeocyclotus brevivillosus sp.nov. è caratterizzato da peli periostracali corti e densamente impiantati che emergono ai margini della linea di crescita dalla periferia del guscio. Questa nuova specie è l’ottava specie cicloforica descritta dall’ambra birmana, sei delle quali hanno anch’esse gusci pelosi. 

Fonte: ScienceDirect

Articoli più letti

Related articles