Fotografato dall’ISS un forte bagliore blu sull’Europa

L’8 ottobre, l’astronauta francese Thomas Pesquet ha catturato qualcosa di straordinariamente raro a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

La foto, che è un singolo fotogramma preso da un timelapse più lungo, potrebbe sembrare che mostri una bomba al cobalto che esplode sull’Europa, ma questa luce blu dall’aspetto spaventoso non ha fatto alcun danno. In effetti, la maggior parte delle persone non se ne sarebbe neanche accorta.

L’ISS è il luogo ideale per catturare eventi particolari

Invece, la cornice mostra qualcosa di molto meno inquietante chiamato evento luminoso transitorio” – un fenomeno simile a un fulmine che colpisce verso l’alto nell’atmosfera superiore.

Conosciuti anche come fulmini nell’atmosfera superiore, gli eventi luminosi transitori sono un insieme di fenomeni correlati che si verificano durante i temporali, ma significativamente al di sopra del punto in cui apparirebbero i fulmini normali. Sebbene siano correlati ai fulmini, funzionano in modo leggermente diverso.

Ci sono “getti blu”, che si verificano più in basso nella stratosfera, innescati da un fulmine. Se il fulmine si propaga attraverso la regione carica negativa (superiore) delle nuvole temporalesche prima di attraversare la regione positiva sottostante, il fulmine finisce per colpire verso l’alto, accendendo un bagliore blu dall’azoto molecolare.

Poi ci sono gli SPRITES rossi (Perturbazioni stratosferiche/mesosferiche risultanti dall’elettrificazione di un temporale intenso) – scariche elettriche che spesso si illuminano di rosso, che si verificano in alto sopra una cella temporalesca, innescate da disturbi provenienti dal fulmine sottostante – e gli ELVES (emissione di luce e perturbazioni a bassa frequenza dovute a sorgenti di impulsi elettromagnetici) nella ionosfera.

Rimanendo in tema, ci sono anche i TROLL (Lineamenti luminosi ottici rossi transitori) che si verificano dopo i forti SPRITES, così come i Pixies e i GHOST. Siamo sicuri che gli scienziati si siano divertiti molto a nominare tutti questi fenomeni.

“Ciò che è affascinante di questo fulmine è che solo pochi decenni fa erano stati osservati aneddoticamente dai piloti e gli scienziati non erano convinti che esistessero davvero”, spiega Pesquet in una didascalia della foto.

Sebbene Pesquet non spieghi in modo specifico quale tipo di evento luminoso stiamo vedendo, questa particolare immagine potrebbe mostrare un “antipasto blu” , che è un getto blu che non arriva alla parte del getto, e crea invece un bagliore più corto e più luminoso, come mostrato in video.

Questi eventi sono particolarmente difficili da fotografare da terra poiché sono entrambi molto alti nel cielo e anche regolarmente oscurati dalle nuvole temporalesche. Inoltre, i fenomeni di solito durano solo per millisecondi o un paio di secondi ogni volta.

L’ISS è un luogo particolarmente ideale per cercare questi eventi transitori, in particolare se hai un time-lapse attivato. Finora abbiamo visto un certo numero di questi eventi catturati dagli astronauti sulla ISS e un piccolo numero ripreso da terra.

È interessante notare che la Terra non è nemmeno l’unico luogo in cui si verificano gli spettacoli di luce, i ricercatori hanno scoperto solo l’anno scorso che anche su Giove si stavano verificando “sprite blu“.

“La Stazione Spaziale (ISS) è estremamente adatta per questo osservatorio in quanto sorvola l’equatore dove ci sono più temporali”, afferma Pesquet.

“Questo è un evento molto raro e abbiamo una struttura fuori dal laboratorio europeo Columbus dedicata all’osservazione di questi lampi di luce”.

Speriamo che questa ricerca ci dia molte più foto di questo incredibile fenomeno in futuro!

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Articoli correlati

Popular Categories