L’impero ittita scomparve a causa della siccità

L’impero ittita emerse nel 1650 a.C. in una regione che comprende gran parte della moderna Turchia. Furono una delle maggiori potenze del mondo per cinque secoli, ma intorno al 1200 a.C. la loro capitale fu abbandonata e l’impero scomparve.

In precedenza si attribuiva la colpa alla guerra con altre regioni o ad un conflitto interno, ma ora, grazie ad un nuovo studio, sembra che non fosse così.

I ricercatori della Cornell University hanno analizzato i registri degli anelli degli alberi e degli isotopi e hanno scoperto che una siccità di tre anni fu il colpevole più probabile dietro la caduta dell’Impero ittita.

La scoperta è particolarmente rilevante oggi, poiché il mondo sta affrontando gli effetti della crisi climatica e di un pianeta più caldo, dalla siccità alle inondazioni alle ondate di calore.

“Probabilmente parte di ciò che è accaduto alla fine dell’età del bronzo è una versione di  ciò che stiamo vedendo accadere nel mondo moderno”, ha affermato Stuart Manning, l’autore principale dello studio, in una dichiarazione ai media.

Una civiltà che cambia

I ricercatori hanno cercato a lungo di capire cosa abbia innescato la caduta dell’impero Ittita e il crollo più ampio che ha colpito anche altri regni in Grecia, Creta e Medio Oriente. Gli Ittiti, con la loro capitale Hattusa situata nell’Anatolia centrale, furono i principali rivali geopolitici dell’antico Egitto durante il suo imponente periodo del Nuovo Regno.

Per trovare una spiegazione, Manning, professore di archeologia, ha collaborato con Jed Sparks, professore di ecologia. Il team ha esaminato campioni di legname del Midas Mound Tumulus a Gordion, una struttura artificiale di 53 metri situata a ovest di Ankara che avrebbe potuto essere utilizzata per costruire una camera funeraria per il padre del re Mida.

Ma altrettanto importanti sono gli alberi che sono stati utilizzati per costruire la struttura e che hanno una registrazione paleoclimatica nascosta della regione. I ricercatori hanno esaminato i modelli di crescita degli anelli degli alberi e hanno trovato anelli insolitamente stretti, che indicano condizioni di siccità ed “episodi di siccità fondamentali per la produzione agricola e la sussistenza”, hanno scritto.

L’analisi suggerisce un passaggio graduale a condizioni più secche dal tardo XIII al XII secolo a.C. e un periodo continuato di grave siccità dal 1198 al 1196 a.C., che corrisponde alla cronologia della scomparsa dell’impero ittita. Hattusa, la capitale dell’impero, racchiusa da un muro di pietra con porte ornate di leoni, fu bruciata e abbandonata.

“Le larghezze degli anelli degli alberi indicano che si stava verificando qualcosa di veramente insolito, e poiché si tratta di anelli molto stretti, ciò significa che l’albero stava lottando per rimanere in vita. In un ambiente semi-arido, l’unica ragione plausibile è che c’era poca acqua, quindi una siccità”, ha detto Manning in una nota.

Un anno di siccità sarebbe gestibile, con gli agricoltori che avrebbero abbastanza provviste immagazzinate per farcela, hanno spiegato i ricercatori. Entro il secondo anno, si svilupperebbe una crisi e “l’intero sistema inizierebbe a crollare”, ha detto Manning. Entro il terzo anno, centinaia di migliaia di persone avrebbero dovuto affrontare la carestia o addirittura la morte.

Ora, con il mondo sul punto di avvicinarsi al proprio punto di non ritorno a causa della crisi climatica, questo studio solleva importanti domande su come stiamo affrontando la crisi climatica. Possiamo ancora imparare lezioni dalla storia ed evitare ulteriori eventi meteorologici estremi, ma solo se intraprendiamo azioni ambiziose per ridurre le nostre emissioni.

Fonte: Nature

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Articoli correlati

Popular Categories