L’evoluzione può tornare indietro?

L'evoluzione nel corso degli anni ha prodotto caratteristiche straordinariamente complesse negli esseri viventi, ma può mai tornare "indietro" riportando creature complesse a forme precedenti e più semplici?

L’evoluzione nel corso degli anni ha prodotto caratteristiche straordinariamente complesse negli esseri viventi, ma può mai tornare “indietro” riportando creature complesse a forme precedenti e più semplici?

Le strutture genetiche originarie non possono essere recuperate. Se per “tornare indietro” intendiamo l’esatta ricostruzione di strutture o comportamenti di antenati delle specie viventi, la risposta è no.

L’evoluzione regressiva

Nella cosiddetta evoluzione regressiva, gli organismi possono perdere caratteristiche complesse acquistate nel tempo e quindi sembrare che siano tornati indietro in forme più semplici. Ma l’evoluzione in realtà non torna mai indietro e non ripercorre i passi evolutivi, dicono gli esperti.

“Le possibilità che lo stesso nastro di cambiamenti evolutivi venga invertito nello stesso modo è altamente improbabile”, ha dichiarato William R. Jeffery, un biologo dell’Università del Maryland.

Perdere complessità

L’evoluzione regressiva implica la perdita di forme di complessità precedentemente evolute, ha detto Beth Okamura, una ricercatrice di scienze della vita presso il Natural History Museum di Londra. Un esempio estremo viene dai mixozoi, parassiti con anatomie molto semplici – senza bocca, sistema nervoso o intestino – e genomi molto piccoli. In poche parole “sono essenzialmente cellule singole”, ha aggiunto Okamura.

A lungo classificati come protozoi unicellulari, i mixozoi alla fine si sono rivelati animali altamente regrediti, ha detto Okamura. Si sono evoluti dagli cnidari, un gruppo che include le meduse, perdendo molte caratteristiche non più necessarie in uno stile di vita parassitario.

Pertanto, i mixozoi possono sembrare, almeno morfologicamente, tornati a uno stadio evolutivo precedente, secondo Okamura

Tuttavia, il processo evolutivo non torna mai sui suoi passi neanche nell’evoluzione regressiva, ha affermato Jeffery. Anche le creature che vivono in ambienti bui subiscono spesso un’evoluzione regressiva, perdendo caratteristiche complesse come gli occhi, che non sono necessari in determinati ambienti. I processi che in precedenza producevano l’occhio si interrompono a metà, lasciando un occhio rudimentale ricoperto di pelle. Ma la perdita degli occhi nei pesci delle caverne, ad esempio, non significa un esatto ritorno a un antenato primordiale, ha detto Jeffery

Inoltre, le perdite di complessità possono accompagnare aumenti di complessità meno evidenti, come le biochimiche utilizzate dai parassiti per entrare negli ospiti, ha affermato Okamura. “È molto facile per le persone pensare all’evoluzione in termini di ciò che vedi  ovvero le caratteristiche morfologiche, ma ci sono anche molte altre caratteristiche che non vediamo a livello fisiologico e biochimico”.

Allo stesso modo, nei pesci delle caverne, gli occhi persi possono oscurare la complessità alternativa. Gli organi sensibili alle vibrazioni appaiono in grandi quantità in questi pesci, fornendo un modo per percepire in ambienti bui. 

I pesci delle caverne ciechi di tutto il mondo hanno perso gli occhi, poiché non hanno bisogno di vedere nelle acque scure della caverna.(Credito immagine: Reinhard Dirscherl tramite Getty Images)
I pesci delle caverne ciechi di tutto il mondo hanno perso gli occhi, poiché non hanno bisogno di vedere nelle acque scure della caverna.(Credito immagine: Reinhard Dirscherl tramite Getty Images)

Tornare indietro attraverso la complessità

Parte del motivo per cui il processo evolutivo non torna sui suoi passi è dato dall’adattamento ad altri cambiamenti, ha dichiarato Brian Golding, un biologo della McMaster University in Ontario. 

“Un cambiamento apportato interagirà con altri geni, quindi invertendo quel cambiamento, tutti gli altri geni dovrebbero cambiare per invertire l’evoluzione”, ha detto Golding.

Nei pesci delle caverne lo sviluppo originale di un occhio potrebbe essere avvenuto con modifiche non solo alle proteine ​​necessarie per gli occhi, ma anche alle strutture del cranio di un’orbita oculare. 

Infine, gli esperti hanno avvertito che il termine “evoluzione all’indietro” può implicare, in modo fuorviante, che l’evoluzione ha l’obiettivo di creare forme più complesse. Tuttavia, l’evoluzione favorisce semplicemente le caratteristiche che rendono un organismo più adatto a un particolare ambiente.

In questo modo, l’evoluzione regressiva non è altro che la normale evoluzione. La perdita di complessità può rendere un parassita più adatto al suo nuovo ambiente.

“L’evoluzione è sempre progressiva in quanto seleziona caratteristiche che migliorano la forma fisica degli individui in cui si esprime tale variazione”, ha concluso Okamura.

Articoli più letti

Related articles