Le più antiche impronte di pre-umani identificate a Creta

Le più antiche impronte conosciute di pre-umani sono state trovate sull'isola mediterranea di Creta e hanno almeno sei milioni di anni, afferma un team internazionale di ricercatori

749

Le più antiche impronte conosciute di pre-umani sono state trovate sull’isola mediterranea di Creta e hanno almeno sei milioni di anni, afferma un team internazionale di ricercatori provenienti da Germania, Svezia, Grecia, Egitto e Inghilterra, guidati dagli scienziati di Tubinga Uwe Kirscher e Madelaine Böhme del Centro Senckenberg per l’evoluzione umana e il paleoambiente dell’Università di Tubinga. Il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Le impronte di pre-umani risalgono a 6 milioni di anni fa

Le impronte di pre-umani conservate in sedimenti fossili sulla spiaggia, sono state trovate vicino al villaggio cretese occidentale di Trachilos. Utilizzando metodi geofisici e micropaleontologici, i ricercatori le hanno ora datate a 6,05 milioni di anni prima dei giorni nostri, rendendole la più antica testimonianza diretta di un essere umano- come il piede usato per camminare.

“Le tracce sono quasi 2,5 milioni di anni più antiche delle tracce attribuite all’Australopithecus afarensis (Lucy) di Laetoli in Tanzania“, ha affermato Uwe Kirscher. Ciò pone le impronte di Trachilos alla stessa età dei fossili dell’Orrorin tugenensis che camminava in posizione eretta in Kenya. I reperti collegati a questo bipede includono femori, ma non ci sono ossa del piede o impronte.

La datazione delle impronte cretesi getta quindi nuova luce sulla prima evoluzione della deambulazione umana più di sei milioni di anni fa. “Il piede umano più antico utilizzato per camminare in posizione eretta aveva una forma tonda, con un forte alluce parallelo e dita laterali successivamente più corte”, ha affermato Per Ahlberg, professore all’Università di Uppsala e coautore dello studio. “Il piede aveva una suola più corta dell’Australopiteco. L’arco non era ancora pronunciato e il tallone era più stretto”.

Sei milioni di anni fa, Creta era collegata alla Grecia continentale tramite il Peloponneso. Secondo la professoressa Madelaine Böhme, “Non possiamo escludere una connessione tra il produttore delle tracce e il possibile Graecopithecus freybergi pre-umano. Diversi anni fa, il team di Böhme ha identificato quella specie di pre-umani precedentemente sconosciuta in quella che oggi è l’Europa sulla base di fossili provenienti da depositi di 7,2 milioni di anni ad Atene, a soli 250 chilometri di distanza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo studio conferma inoltre le recenti ricerche e le tesi del team di Böhme, secondo le quali sei milioni di anni fa il continente europeo e del Vicino Oriente furono separati dall’umida Africa orientale da un’espansione relativamente breve del Sahara. L’analisi geochimica dei depositi sulla spiaggia di Creta, risalenti a sei milioni di anni fa, suggerisce che la polvere del deserto proveniente dal Nord Africa sia stata trasportata lì dal vento. 

Il team è arrivato a un’età compresa tra 500 e 900 milioni di anni prima del presente quando ha datato grani minerali delle dimensioni di polvere. Questi periodi di tempo sono tipici della polvere del deserto nordafricano, hanno affermato gli autori.

Recenti ricerche in paleoantropologia hanno anche suggerito che la scimmia africana Sahelanthropus potrebbe essere esclusa come bipede e che l’Orrorin tugenensis, originario del Kenya e vissuto da 6,1 a 5,8 milioni di anni fa, è il più antico pre-umano in Africa, afferma Böhme. La desertificazione a breve termine e la distribuzione geografica dei primi predecessori umani potrebbero quindi essere più strettamente correlate di quanto si pensasse in precedenza.

 Da un lato, una fase di desertificazione di 6,25 milioni di anni fa in Mesopotamia potrebbe aver avviato una migrazione di mammiferi europei, comprese forse le scimmie, in Africa. D’altra parte, la seconda fase di sigillatura dei continenti da parte del Sahara 6 milioni di anni fa avrebbe potuto consentire uno sviluppo separato di pre-umani africani Orrorin tugenensis in parallelo con i pre-umani europei. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---