La stazione spaziale ha acceso i propulsori per evitare la spazzatura spaziale russa

Indice

Due giorni fa, il modulo Progress 81 attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha acceso i suoi propulsori per 5 minuti e 5 secondi in una manovra predeterminata per evitare detriti (PDAM) per spostare la struttura a distanza di sicurezza dalla rotta prevista di uno sciame di detriti del Cosmos 1408 russo.

L’accensione del propulsore è avvenuta alle 20:25 EDT e la manovra non ha avuto alcun impatto sulle operazioni della stazione. La manovra si è resa necessaria perché si prevedeva che i frammenti sarebbero potuti passare a meno di 5 chilometri dalla stazione, cioè all’interno del raggio di 8 chilometri che viene considerato “a rischio” per la ISS.

Il PDAM ha aumentato l’altitudine della stazione di 2/10 di miglio all’apogeo e 8/10 di miglio al perigeo e ha lasciato la stazione in un’orbita di 264,3 x 255,4 miglia statutarie.

La navicella spaziale Progress 81 è una nave mercantile russa di rifornimento arrivata sulla ISS il 3 giugno.

Il Cosmos 1408 era un satellite di intelligence dei segnali elettronici (satellite spia) gestito dall’Unione Sovietica. È stato lanciato in orbita terrestre bassa nel settembre 1982. È diventato inattivo dopo circa 2 anni, ma è stato lasciato in orbita. Nel novembre 2021, il satellite è stato distrutto in un test di armi anti-satellite russo, lasciando un campo di detriti spaziali in un’orbita che può rappresentare un rischio per la ISS e altri satelliti.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Articoli correlati

Popular Categories