Le sette sorelle: l’ammasso delle Pleiadi

Conosciute come le Sette Sorelle, le Pleiadi sono tra i gruppi di stelle più iconici nel cielo notturno

0
1502
Le sette sorelle: l'ammasso delle Pleiadi
Le sette sorelle: l'ammasso delle Pleiadi

Conosciute come le Sette Sorelle, le Pleiadi sono tra i gruppi di stelle più iconici nel cielo notturno; un’accattivante collezione di enormi stelle blu calde facilmente visibili ad occhio nudo. Le loro profonde sfumature blu hanno affascinato gli osservatori da tempo immemorabile.

Si pensa che le Pleiadi siano state raffigurate per la prima volta in un manufatto dell’età del bronzo rivenuto nella Germania settentrionale noto come il disco del cielo di Nebra, risalente a circa il 1600 a. la costellazione settentrionale del Toro.

In effetti, le Pleiadi ospitano circa 2200 stelle che coprono la gamma spettrale dalla più calda alla più fredda e meno massiccia. Includono stelle solari di tipo G e K, molte delle quali forniscono agli astronomi un vero e proprio laboratorio stellare nella vita reale in cui dare una sbirciatina virtuale a come poteva essere il nostro Sole quando era molto più giovane.

Poiché l’ammasso si trova a 440 anni luce di distanza, le stelle sono luminose e sono state tra le prime ad essere studiate in dettaglio. Ci danno un fermo immagine o un’istantanea del ciclo di vita delle stelle, come dice Marc Pinsonneault, astronomo della Ohio State University a Columbus.

È il nostro modo più sicuro di studiare come erano stelle come il Sole quando aveva solo 100 milioni di anni, dice Pinsonneault.



L’età attualmente accettata dell’ammasso delle Pleiadi è di soli 125 milioni di anni, straordinariamente giovane per gli standard dell’astrofisica. In confronto, il nostro Sole, una nana gialla, ha già 4.568 miliardi di anni.

In alcuni casi, come nella Nebulosa di Orione, le stelle appena formate sono ammassate e si allontanano l’una dall’altra“, afferma Pinsonneault. “Il nostro Sole probabilmente è nato in un ambiente del genere. In altri casi, come per le Pleiadi, le stelle sono abbastanza vicine l’una all’altra da essere tenute insieme dalla loro gravità reciproca, questo rende le Pleiadi un ammasso stellare legato alla gravità”.

Uno dei principali enigmi delle Pleiadi riguarda la quantità di litio rilevata nella pletora di stelle di tipo solare dell’ammasso. Nelle Pleiadi, le stelle della stessa massa sembrano avere diverse abbondanze di litio.

Dal momento che siamo molto fiduciosi del fatto che il nostro Sole sia nato con la stessa abbondanza di litio, allora deve esserci qualche ragione per cui è successo. Il litio è fragile e si distrugge facilmente all’interno delle stelle. Il fatto che alcune stelle delle Pleiadi abbiano molto litio e altre pochissimo significa che quando avevano 10 milioni di anni, qualcosa è veramente cambiato, così che i loro nuclei hanno smesso di avere forti reazioni nucleari, dice.

Pertanto, le stelle più magneticamente attive delle Pleiadi sembrano aver bruciato meno litio nella loro prima evoluzione rispetto alle loro controparti più pacifiche. Parte di questa differenza potrebbe derivare da macchie stellari e linee di campi magnetici molto forti che sembrano coprire circa l’85% della superficie di queste giovani stelle.

In effetti, questi campi magnetici sono così forti che stanno effettivamente cambiando fisicamente le dimensioni della stella“, afferma Pinsonneault.

I campi magnetici concentrati in punti specifici possono sopprimere la turbolenza, causando un feedback che gonfia queste stelle di circa il 10%“, dice.

Pinsonneault afferma che i ricercatori continuano a scervellarsi sul motivo per cui solo alcune delle stelle delle Pleiadi hanno questo tipo di inflazione. E perché alcune di queste stelle sembrano aver subito un effetto molto più drammatico da questi campi magnetici rispetto ad altre?

Un pianeta abitabile gonfiato a causa dell’attività magnetica avrebbe assolutamente tempi molto più difficili nello sviluppo della vita, afferma Pinsonneault. Associato alle macchie stellari, si tende ad avere un’emissione molto forte di raggi X e luce ultravioletta, dice.

Quindi, questa è una domanda seria per noi; se questi raggi X sono così persistenti e questi effetti sono così drammatici da rendere queste nane rosse inospitali, se non ostili alla vita“, ha detto Pinsonneault.

Le Pleiadi, millenni fa, erano già nelle posizioni odierne

Molto probabilmente, alcuni millenni fa erano nelle stesse posizioni, dal momento che l’ammasso stesso rimescola la sua struttura solo su intervalli di tempo di milioni di anni, afferma Pinsonneault.

Quindi, possiamo essere certi che i nostri lontani antenati avevano la stessa affascinante visione di queste gemme stellari che abbiamo oggi.

2