Le mini-lune potrebbero contenere informazioni sul passato del nostro sistema solare

Tra le migliaia di asteroidi che sciamano vicino all'orbita terrestre, le mini-lune potrebbero essere le prime candidate per conoscere le origini del sistema solare

0
159
Mini-lune: trampolini di lancio verso l'interplanetario
Mini-lune: trampolini di lancio verso l'interplanetario

Tra le migliaia di asteroidi che sciamano vicino all’orbita terrestre, le mini-lune– minuscoli corpi cosmici, le cui orbite sono in parte governate dalla Terra e in parte da altri corpi del sistema solare – potrebbero essere le prime candidate per conoscere le origini del sistema solare, ha affermato Richard Binzel, un ricercatore statunitense e Professore di scienze planetarie al Massachusetts Institute of Technology.

Mini-lune: trampolini di lancio verso l'interplanetario

Le mini-lune danno indicazioni su come era il primo sistema solare

Il sistema solare racchiude molti segreti che gli scienziati stanno ancora cercando di svelare. Per contribuire a far luce su questi misteri, i ricercatori si stanno rivolgendo alle rocce spaziali di tutti i tipi che potrebbero contenere indizi significativi. Questo approccio sta già dando i suoi frutti: nell’ottobre 2023, la missione OSIRIS REx della NASA ha scoperto acqua e carbonio, due dei precursori della vita sulla Terra, sull’asteroide Bennu, vecchio di 4,5 miliardi di anni.

Le mini-lune rimbalzano e sono trascinate dai diversi pianeti”, ha detto Binzel: “Alla fine si sono ritrovate in un modo tale da essere trascinate in un’orbita piuttosto circolare vicino alla Terra“.

La relativa vicinanza delle mini-lune alla Terra significa che viaggiare verso di loro e catturare un campione richiederebbe molto meno tempo e carburante di quanto ne servirebbe per raggiungere asteroidi come Bennu. Sebbene gli scienziati non siano ancora sicuri da dove esse provengano, una teoria importante suggerisce che abbiano avuto origine nella fascia principale degli asteroidi, che si trova tra Marte e Giove.



Gli asteroidi vicini alla Terra provenienti da questa regione, come Bennu o le mini-lune, sono: “Come capsule del tempo“, ha dichiarato Paul Abell, scienziato capo per l’esplorazione di piccoli corpi alla NASA: “Ci danno indicazioni su come era il primo sistema solare e quali erano le sue condizioni”.

Ad esempio, nel 2019, la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha recuperato campioni dall’asteroide a forma di diamante Ryugu, situato a più di 200 milioni di miglia (322 milioni di chilometri) dalla Terra. Analisi successive hanno rivelato che la roccia spaziale contiene polvere di stelle antecedente al nostro sistema solare, nonché “ sostanze organiche prebiotiche”, tra cui diversi amminoacidi utilizzati dagli esseri viventi per costruire proteine che formano cose come capelli e muscoli.

La raccolta di campioni dalle mini-lune potrebbe aiutare a mitigare alcuni grossi problemi nell’attuale ricerca sugli asteroidi. Nella maggior parte dei casi, gli scienziati studiano pezzi di asteroidi caduti sulla Terra sotto forma di meteoriti. Questi possono ancora insegnarci la composizione iniziale del sistema solare, ma potrebbero essere difficili da analizzare a seconda delle condizioni in cui si trovano.

Scoperto asteroide miniluna orbitan attorno alla Terra, mini-lune

Quando abbiamo un meteorite che cade sulla Terra, è già contaminato dall’umidità e dai gas presenti nell’atmosfera terrestre. Quando si parla di molecole organiche e acqua – materiali di tipo più volatile – andare alla fonte e capire cosa c’è è davvero importante. Ecco perché vorremmo fare queste missioni di restituzione dei campioni, come OSIRIS REx“.

La navicella spaziale OSIRIS-REx ha lasciato cadere il campione di Bennu sulla Terra nel settembre 2018, completando con successo la prima missione della NASA per raccogliere campioni da un asteroide lontano. Il razzo è ora impegnato nella sua prossima missione per esplorare l’asteroide Apophis e l’arrivo è previsto nel 2029, quando la roccia cosmica passerà entro 31.865 km dal nostro pianeta.

La NASA continuerà a studiare le rocce e la polvere all’interno di Bennu nel prossimo decennio perché “l’abbondanza di materiale ricco di carbonio e l’abbondante presenza di minerali argillosi contenenti acqua sono solo la punta dell’iceberg cosmico“, ha affermato Dante Lauretta, ricercatore di OSIRIS -REx.

Cosa sono le mini-lune?

Le mini-lune possono fornire interessanti banchi di prova scientifici e tecnologici nello spazio vicino alla Terra. Questi asteroidi vengono trasportati verso la Terra dalla fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove attraverso le interazioni gravitazionali con il Sole e i pianeti del nostro sistema.

Al momento non comprendiamo appieno di cosa siano fatti gli asteroidi“, ha affermato il dottor Mikael Granvik, affiliato sia all’Università di Tecnologia di Luleå, in Svezia, sia all‘Università di Helsinki, in Finlandia: “Le missioni in genere riportano solo piccole quantità di materiale sulla Terra. I meteoriti forniscono un modo indiretto per analizzare gli asteroidi, ma l’atmosfera terrestre distrugge i materiali deboli quando passano”.

Mini-lune

Le mini-lune sono obiettivi perfetti per riportare pezzi significativi di materiale di asteroidi, protetti da un veicolo spaziale, che potrebbero poi essere studiati in dettaglio sulla Terra”.

Si prevede che abbiano dimensioni fino a 1-2 metri, le mini-lune sono temporaneamente legate gravitazionalmente nel sistema Terra-Luna. Potrebbero semplicemente sorvolare la Terra o compiere almeno una rivoluzione attorno al pianeta, sfuggendo alla forza gravitazionale del nostro pianeta o entrando nella nostra atmosfera.

Analizzando gli ultimi dieci anni di ricerca sulle mini-lune, gli scienziati hanno mostrato che la tecnologia esistente può rilevare questi piccoli oggetti in rapido movimento solo per caso. Le mini-lune sono piccole e si muovono nel cielo molto più velocemente di quanto la maggior parte delle indagini sugli asteroidi possano rilevare.

2