Una nuova ricerca conferma che la Luna si sta allontandando dalla Terra da miliardi di anni

Una nuova ricerca suggerisce che già miliardi di anni fa la Luna si stava allontanando dalla Terra e questo fenomeno non è ancora terminato. Ancora oggi il nostro satellite tende a distaccarsi da noi

Una nuova ricerca suggerisce che già miliardi di anni fa la Luna si stesse allontanado dalla Terra e questo fenomeno non è ancora terminato. Ancora oggi il nostro satellite tende a distaccarsi da noi.

Che cosa sappiamo al riguardo? Nel 1969, le missioni Apollo della NASA hanno installato pannelli riflettenti sulla Luna. Questi hanno dimostrato che la Luna si sta attualmente allontanando di 3,8 cm dalla Terra ogni anno. Se prendiamo l’attuale tasso di recessione della Luna e lo proiettiamo indietro nel tempo, ci ritroveremo con una collisione tra la Terra e la Luna circa 1,5 miliardi di anni fa. Tuttavia, la Luna si è formata circa 4,5 miliardi di anni fa, il che significa che l’attuale tasso di recessione è una cattiva guida per il passato.

Il lavoro dei ricercatori

Un articolo sull’allontanamento della Luna dalla Terra è stato recentemente pubblicato sul portale scientifico Inverse. Qui sono stati chiamati in gioco i ricercatori dell’Università di Utrecht e dell’Università di Ginevra, che si sono occupati del fenomeno. Sono state utilizzate diverse tecniche per cercare di ottenere informazioni sul lontano passato del nostro sistema solare. Di recente è stato scoperto il luogo perfetto per sapere di più sulla storia a lungo termine della nostra Luna che si allontana. E non è per lo studio della Luna stessa, ma per la lettura di segnali in antichi strati di roccia sulla Terra.

Si inizia da Karijin National Park

Nella suggestiva cornice di Karijini National Park nell’Australia occidentale, alcune gole tagliano sedimenti ritmicamente stratificati di 2,5 miliardi di anni. Questi sedimenti sono formazioni di ferro fasciato, comprendenti strati distintivi di minerali ricchi di ferro e silice un tempo ampiamente depositati sul fondo dell’oceano e ora trovati sulle parti più antiche della crosta terrestre. Le esposizioni delle scogliere a Joffre Falls mostrano come strati di formazione di ferro bruno-rossastro spessi poco meno di un metro siano alternati, a intervalli regolari, da orizzonti più scuri e sottili.

Gli intervalli più scuri sono composti da un tipo di roccia più morbida che è più suscettibile all’erosione. Uno sguardo più attento agli affioramenti rivela la presenza di un’ulteriore variazione regolare e su scala ridotta. Le superfici rocciose, che sono state levigate dall’acqua del fiume stagionale che scorre attraverso la gola, rivelano uno schema di strati alternati di bianco, rossastro e grigio-bluastro.

Nel 1972, il geologo australiano AF Trendall ha sollevato la questione sull’origine delle diverse scale di modelli ciclici e ricorrenti visibili in questi antichi strati rocciosi. Ha suggerito che i modelli potrebbero essere correlati alle variazioni climatiche passate indotte dai cosiddetti “cicli di Milankovitch”.

I cambiamenti climatici

I cicli di Milankovitch descrivono come piccoli cambiamenti periodici nella forma dell’orbita terrestre e nell’orientamento del suo asse influenzino la distribuzione della luce solare ricevuta dalla Terra nell’arco di anni. In questo momento, i cicli dominanti di Milankovitch cambiano ogni 400.000 anni, 100.000 anni, 41.000 anni e 21.000 anni. Queste variazioni esercitano un forte controllo sul nostro clima per lunghi periodi di tempo.

Esempi chiave dell’influenza della forzatura climatica di Milankovitch in passato sono il verificarsi di periodi estremamente freddi o caldi, nonché condizioni climatiche regionali più umide o secche. Questi cambiamenti climatici hanno alterato in modo significativo le condizioni sulla superficie terrestre, come le dimensioni dei laghi. Sono la spiegazione del periodico inverdimento del deserto del Sahara e dei bassi livelli di ossigeno nelle profondità oceaniche. I cicli di Milankovitch hanno anche influenzato la migrazione e l’evoluzione della flora e della fauna, compresa la nostra specie.

La distanza tra la Terra e la Luna

La distanza tra la Terra e la Luna è direttamente correlata alla frequenza di uno dei cicli di Milankovitch: il ciclo di precessione climatica . Questo ciclo deriva dal movimento di precessione (oscillazione) o dal cambiamento dell’orientamento dell’asse di rotazione terrestre nel tempo. Questo ciclo ha attualmente una durata di circa 21.000 anni, ma questo periodo sarebbe stato più breve in passato quando la Luna era più vicina alla Terra.

Ciò significa che se riusciamo a trovare prima i cicli di Milankovitch nei vecchi sedimenti e poi trovare un segnale dell’oscillazione terrestre e stabilirne il periodo, possiamo stimare la distanza tra la Terra e la Luna nel momento in cui i sedimenti sono stati depositati.

Conclusioni

L’analisi delle rocce da parte degli esperti ha dimostrato che le rocce contenevano scale multiple di variazioni cicliche, che si ripetono approssimativamente a intervalli di 10 e 85 cm. Combinando questi spessori con la velocità con cui si depositavano i sedimenti, è stato accertato che queste variazioni cicliche si verificavano approssimativamente ogni 11.000 anni e 100.000 anni.

Pertanto, l’analisi ha suggerito che il ciclo di 11.000 anni osservato nelle rocce è probabilmente correlato al ciclo di precessione climatica, avendo un periodo molto più breve rispetto agli attuali circa 21.000 anni.

Gli scienziati hanno quindi utilizzato questo segnale di precessione per calcolare la distanza tra la Terra e la Luna 2,46 miliardi di anni fa. Si è scoperto che la Luna era allora circa 60.000 chilometri più vicina alla Terra (quella distanza è circa 1,5 volte la circonferenza della Terra). Ciò rendeva la durata di un giorno molto più breve di quella attuale, a circa 17 ore invece delle attuali 24 ore.

Articoli più letti

Related articles