La bufala della foto di una fiala di vaccino per coronavirus che gira sui social

Da alcuni giorni su Facebook molti di voi avranno visto una foto che ha acquisito carattere virale e che rappresenta una fiala con un'etichetta parzialmente illeggibile sulla quale si riconosce la scritta "Coronavirus Vaccine" e nella parte bassa dell'etichetta si legge 2001. Ovviamente la foto è regolarmente accompagnata da una didascalia  che recita parole come "interessante" o "Ma guarda", a sottintendere che già nel 2001 era disponibile era disponibile un vaccino e che le autorità attualmente lo nascondono.

1567
Indice

Da alcuni giorni su Facebook molti di voi avranno visto una foto, che per ovvie ragioni non riportiamo, che ha acquisito carattere virale e che rappresenta una fiala con un’etichetta parzialmente illeggibile sulla quale si riconosce la scritta “Canine (parzialmente illlegibile) Coronavirus Vaccine” e nella parte bassa dell’etichetta si legge 2001. Ovviamente la foto, bollata da Facebook come falsa, è regolarmente accompagnata da una didascalia  che recita parole come “interessante” o “Ma guarda“, a sottintendere che già nel 2001 era disponibile era disponibile un vaccino e che le autorità attualmente lo nascondono.
In effetti, la fiala rappresentata nella foto riprende una vera fiala di vaccino ma si tratta di un vaccino per il coronavirus dei cani, il CCoV, che non ha nulla a che vedere con il SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus che provoca la COVID-19.
Il vaccino Nobivac Canine 1-Cv viene somministrato dai veterinari per proteggere i cani dalle malattie causate dall’infezione da coronavirus canino, non dal nuovo coronavirus che causa l’attuale pandemia.
Il coronavirus canino non è lo stesso del SARS-CoV-2. Il coronavirus canino non colpisce le persone ed è una malattia gastrointestinale, non respiratoria.
Ingrandendo l’immagine, si può leggere sull’etichetta il numero della licenza veterinaria degli Stati Uniti che è 165A, a dimostrazione del fatto che questo non è un vaccino per l’uomo.
Attualmente, Numerosi gruppi, sia di ricercatori universitari che di aziende private, stanno lavorando alla ricerca di un vaccino per l’uomo efficace contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, ma al momento della stesura di questo articolo, i più avanzati hanno appena cominciato la sperimentazione clinica e prima che un vaccino per l’uomo sia disponibile per il pubblico passeranno ancora dei mesi.
La malattia da coronavirus canina, provocata, come detto, dal coronavirus CCoV, è un’infezione intestinale dei cani, in particolare i cuccioli. Il coronavirus canino è di solito di breve durata ma può causare un notevole disagio addominale per alcuni giorni nei cani infetti. Il virus appartiene alla famiglia dei Coronaviridae.
Esistono molti tipi di coronavirus, molti colpiscono solo alcune razze di animali, altri colpiscono gli esseri umani, come ad esempio i coronavirus che provocano il raffreddore, altri hanno effettuato il salto di specie, passando, dopo una mutazione, dagli animali agli esseri umani, provocando quelle che si chiamano zoonosi. Esempi di zoonosi tristemente noti sono la SARS, la MERS ed anche l’attuale COVIDE-19.
È bene ribadire che il coronavirus canino (CCoV) non è lo stesso virus SARS-CoV-2 che causa la COVID-19.
Il coronavirus CCoV non non colpisce gli esseri umani. Il CCoV causa problemi gastrointestinali nei cani e non malattie respiratorie.
Insomma, se vi capiterà di vedere sui social la fotografia di una fiala con scritto “coronavirus vaccine” sappiate che non si tratta di un vaccino per gli esseri umani e che si tratta di qualcosa messo in giro, nel migliore dei casi, per alimentare quelle teorie cospirazioniste secondo le quali l’attuale epidemia ha lo scopo di danneggiare la gente normale mentre politici e vip si tengono al sicuro con il vaccino che sarebbe già disponibile. Nel peggiore dei casi questa immagine ha lo scopo di alimentare quella fobia verso i cani che si è diffusa quando si è saputo che alcuni cani erano stati infettati dai loro padroni con il nuovo coronavirus.
Quindi non condividetela.
Al momento non è disponibile alcun vaccino per la COVID-19 e non lo sarà ancora per parecchi mesi, ricordatelo.