OOPArt: La colonna di ferro di Delhi

Indice

di Oliver Melis per Aenigma

In India, a Delhi, c’è una colonna di ferro chiamata anche colonna di Ashoka. Alta sette metri e 21 centimetri, del peso di 6 tonnellate con un diametro di 41 centimetri, il manufatto risale al 423 d.C., esposta agli agenti atmosferici per circa 1600 anni non presenta nessuna traccia di ruggine. Dal 1993 è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

La colonna venne eretta, probabilmente da Chandragupta II Vikramaditya (375 d.C. – 414 d.C.), durante l’impero Gupta che regnò sull’India settentrionale fra il IV e il VI secolo. Alla sommità si trova una statua di Garuda. Originariamente era posta in un luogo chiamato Vishnupadagiri (collina dell’impronta di Viṣṇu) oggi identificata con Udayagiri, circa 50 chilometri a est di Bhopal.

Durante l’impero Gupta Vishnupadagiri era un centro di studi astronomici, grazie al fatto che la collina si trova sul tropico del Cancro.

La colonna posta nel suo luogo originario proiettava un’ombra, che al solstizio d’estate cadeva nella direzione del piede di Anantasayain Vishnu (in uno dei pannelli che si trovano a Udayagiri) Quando Qutb-ud-din Aibak distrusse i templi preesistenti per erigere il Qutb Minar e la moschea Quwwat-ul-Islam, la colonna di Ashoka venne lasciata intatta, e la moschea stessa fu eretta attorno alla stessa colonna.

La colonna porta un’iscrizione che ne racconta l’origine, essa venne costruita in onore di Vishnu e in memoria del re Chandragupta II.

La colonna divenne famosa, oltre che per il suo indiscusso valore archeologico, anche perché in diversi ambienti di scienza alternativa venne considerata un OOPArt, un oggetto che non poteva essere spiegato in relazione all’epoca ufficiale di appartenenza. La sua leggendaria resistenza alla corrosione e all’ossidazione ha fatto nascere diverse ipotesi sulla sua realizzazione e sulla sua origine.

Esperti dell’istituto Indiano di Tecnologia guidati dal dottor R. Balasubramanian hanno analizzato il manufatto scoprendo che la colonna resiste all’ossidazione e alla corrosione perché composta da ferro quasi puro con una quantità di fosforo elevata dovuta alla tecnica di fusione con la quale essa è realizzata. Il fosforo con il tempo avrebbe favorito la formazione di uno strato protettivo sulla superficie della colonna, un composto di ferro e idrogeno dello spessore di 5 centesimi di millimetro capace di proteggere la colonna dall’aggressione del tempo.

Per chi sostiene un’origine misteriosa della colonna reputandola un oggetto fuori dal tempo l’effetto sarebbe dovuto a particolari tecniche di realizzazione in possesso degli artigiani dell’antica India ma in realtà la presenza del fosforo non sarebbe dovuta a una presunta superiorità tecnologica ma bensi all’utilizzo di materiali poco costosi come la carbonella per realizzare le leghe ferrose. In questo modo si rilasciano grosse quantità di impurità insieme al carbonio, che vanno a costituire minuscole quantità di elementi di lega nel metallo. Questi elementi, pur in concentrazioni piuttosto basse, possono alterare notevolmente le proprietà dei materiali.

Fonte Wikipedia

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Complotto della Terra piatta: ecco perché non ha fondamento

La convinzione che la Terra sia piatta non è...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Articoli correlati

Popular Categories