Kyrenia: nuova stima di quando è affondato il relitto

Dopo che un sommozzatore individuò per la prima volta l’antico relitto di Kyrenia al largo della costa settentrionale di Cipro, quasi 60 anni fa, gli archeologi hanno tentato di determinare una data precisa per l’affondamento dell’antica nave, speculando sulla base del suo carico.

Kyrenia: una data più precisa di quando il relitto è affondato

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS One potrebbe avere una stima migliore dell’affondamento della Kyrenia e la scoperta è arrivata grazie a campioni di legno appena ripuliti dalla nave, nonché a indizi forniti da un ramoscello, un osso di animale e un deposito di mandorle.

Il subacqueo locale Andreas Cariolou ha scoperto per la prima volta la nave Kyrenia, una delle prime grandi navi greche del periodo ellenistico ad essere trovata in gran parte intatta, nel 1965, e una squadra guidata dal defunto archeologo marino Michael Katzev ha esplorato il relitto e il suo carico alla fine degli anni ’60.

KYRENIA

Inizialmente i ricercatori hanno ritenuto che la nave fosse affondata intorno al 300 a.C. Un testo, il primo volume dei rapporti finali del sito pubblicati nel 2022 , stimava un intervallo dal 294 a.C. al 290 a.C., basandosi sulla ceramica e su alcune monete trovate a bordo, ma non c’era alcuna datazione scientifica disponibile a supporto delle stime, secondo l’ultimo studio.

Lo studio

Utilizzando la datazione al radiocarbonio, un metodo utilizzato per determinare l’età dei materiali organici, come il legno degli alberi, e la dendrocronologia, la scienza della datazione degli anelli degli alberi, i ricercatori del nuovo studio hanno determinato che l’affondamento della Kyrenia è avvenuto tra il 296 a.C. e il 271 a.C. e hanno trovato una forte probabilità che sia avvenuto tra il 286 a.C. e il 272 a.C.

Abbiamo date che sono molto vicine a quelle suggerite di recente dagli archeologi, ma solo leggermente più recenti“, ha detto l’autore principale Sturt Manning, illustre professore di arti e scienze in archeologia classica alla Cornell University di New York.

Mentre una linea temporale aggiornata supportata da dati scientifici è importante per la famosa nave, la rivelazione fondamentale sta nelle nuove tecniche e in una calibrazione del radiocarbonio rivista che può aiutare gli scienziati a datare in modo più accurato le strutture e i relitti di questo periodo.

Secondo Manning, due ostacoli principali si frapponevano nel raggiungimento di una stima ad alta precisione dell’età del naufragio di Kyrenia. Il primo era che il glicole polietilenico o PEG, un composto derivato dal petrolio utilizzato per conservare il legno della nave, interferiva con la datazione al radiocarbonio.

Spesso i relitti rimangono ben conservati a causa della mancanza di ossigeno sul fondo dell’oceano. Ma una volta che i materiali vengono portati in superficie, si deteriorano rapidamente, ha spiegato Manning. L’iniezione di glicole polietilenico nel legno impedisce al legno di sbriciolarsi e trasformarsi in polvere, ma diventa difficile da rimuovere con il tempo.

Basta che ci sia letteralmente una frazione di percentuale di questa sostanza (glicole polietilenico) e la data sarà sbagliata, spesso di centinaia, se non migliaia di anni“, ha spiegato Manning, che aveva provato a datare il Kyrenia nave 10 anni fa ma fallì a causa del PEG.

Un team internazionale di ricercatori ha sviluppato un protocollo di pulizia, descritto in uno studio del 2021, che ha rimosso con successo il composto a base di petrolio dal legno che era stato conservato abbastanza di recente, ha detto Manning. Per confermare che il protocollo avrebbe funzionato con qualcosa di antico come il naufragio di Kyrenia, Manning e i suoi colleghi hanno applicato la tecnica a un pezzo di legno conservato con PEG che sapevano essere di quasi 2.000 anni fa e hanno scoperto età precise al radiocarbonio.

Una volta trovata una soluzione per pulire il legno, i ricercatori hanno pensato di poter datare il legno della nave, ma hanno invece incontrato un secondo ostacolo e hanno continuato a ricavare periodi che non corrispondevano a “nessuna possibile soluzione archeologica in circolazione”.

Dopo aver indagato, il team ha stabilito che la curva di calibrazione internazionale del radiocarbonio dell’emisfero settentrionale, la conversione delle misurazioni in date basate sugli anelli degli alberi conosciuti, era obsoleta per il periodo compreso tra il 400 a.C. e il 250 a.C. circa.

I ricercatori sono stati in grado di formulare la loro stima della data ricalibrando la curva utilizzando campioni di sequoia e quercia di età nota di questo periodo. La curva rivista è stata fondamentale per individuare un arco temporale accurato per il naufragio di Kyrenia e potrebbe aiutare ulteriormente i ricercatori di tutto il mondo ad affrontare problemi simili quando si datano strutture antiche.

L’età al radiocarbonio del legno ha dato ai ricercatori un’idea di quando è stata costruita la nave, ma è stato un carico di mandorle a fornire agli autori dello studio una stima della data in cui è avvenuto il naufragio.

Utilizzando i materiali organici del carico, come le mandorle, un ramoscello di legno non identificato che non faceva parte della struttura della nave e un osso della caviglia del bestiame, i ricercatori sono stati in grado di restringere le date e stimare un intervallo di anni in cui ha avuto luogo l’ultimo viaggio della nave Kyrenia.

Conclusioni

Con la leggera modifica nella data di affondamento stimata, è interessante che le date originali basate su prove archeologiche di ceramiche e monete fossero sbagliate solo di pochi anni, ha detto Lawall, che ha studiato le anfore, antichi contenitori greci usati per trasportare vino, olio d’oliva e altri beni, provenienti dal naufragio della nave.

L’altra parte della storia di Kyrenia è la sua finestra su vite passate che altrimenti sarebbero difficili da ‘vedere’ attraverso i famosi scrittori antichi (o anche meno conosciuti)“, ha aggiunto Lawall: “L’equipaggio potrebbe essere stato un gruppo di trader più marginali, che prendevano quello che potevano, dove e quando potevano, e speravano in un piccolo profitto alla fine della giornata”.

Ha concluso: “Si occupavano di culture diverse e così facendo facevano parte di una rete immensamente complessa che collegava insieme tutte le parti del Mediterraneo. In questo modo iniziamo a comprendere le origini del mondo mediterraneo moderno, multiculturale e interconnesso”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Articoli correlati

Popular Categories