14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeAttualitàLe intercettazioni rivelano lo scoramento ed i crimini dei soldati russi nel...

Le intercettazioni rivelano lo scoramento ed i crimini dei soldati russi nel primo mese di guerra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...
Ivan Ciao?

Ciao, Mammina.

Evgenij Noi siamo posizionati in Bucha.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sergey La Nostra offesiva è in stallo. Stiamo perdendo questa guerra.

Andrej Metà del nostrireggimento è andato.

Sergey Ci hanno dato ordine di uccidere tutti.

Vlad quando torno a casa, io smetto. Fanculo l’esercito.

Aleksandr Putin è pazzo. Vuole prendere Kiev. Ma non possiamo farlo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

‘Putin è pazzo’: le chiamate intercettate rivelano l’esercito russo allo sbando

Nelle telefonate ad amici e parenti a casa, i soldati russi hanno fornito resoconti schiaccianti dei fallimenti sul campo di battaglia e delle esecuzioni di civili, criticando i loro leader a poche settimane dall’inizio della campagna per conquistare Kiev.

28 settembre 2022

KIEV — La capitale ucraina doveva cadere nel giro di pochi giorni.

Ma afflitto da errori tattici e dalla feroce resistenza ucraina, l’avanzata distruttiva del presidente Vladimir V. Putin si è rapidamente bloccata e le sue forze si sono impantanate per la maggior parte di marzo alla periferia della città.

Da trincee, rifugi e nelle case occupate nell’area intorno a Bucha, un sobborgo occidentale di Kiev, i soldati russi hanno disobbedito agli ordini effettuando chiamate non autorizzate dai loro cellulari a mogli, fidanzate, amici e genitori a centinaia di miglia dalla prima linea.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
00:00

Nikita Fanculo. Qui intorno  ci sono cadaveri su tutta la strada. sono tutti civili. Dicono tutte bugie. Siamo fottuti.

Nikita ad un amicoTutto quanto è stato saccheggiato. Si sono bevuti tutto l’alcool e sono ubriachi. Hanno preso tutto il contante che hanno trovatoTuttilo stanno facendo qui.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Qualcun altro stava ascoltando: il governo ucraino.

Il New York Times ha ottenuto in esclusiva le registrazioni di migliaia di chiamate effettuate durante tutto il mese di marzo e intercettate dalle forze dell’ordine ucraine.

I giornalisti hanno verificato l’autenticità di queste chiamate incrociando i numeri di telefono russi con le app di messaggistica e i profili dei social media per identificare soldati e familiari. Il Times ha trascorso quasi due mesi a tradurre le registrazioni, che sono state modificate per chiarezza e lunghezza.

Sergey alla madre Nessuno ci ha detto che stavamo andando in guerra. Ci hanno avvisato solo il giorno prima.

Nikita ad un amico Noi eravamo convinti che stavamo andando ad effettuare un addestramento di due o tre giorni.

Fra, io comprendo. Cazzo, ci hanno ingannato come bambini.

Aleksey in coppia io non sapevo che sarebbe accaduto questo. Ci avevano detto che stavamo andando ad un’esercitazione. Questi bastardi non ci hanno detto nulla.

Le chiamate, fatte da dozzine di combattenti delle unità aviotrasportate e della Guardia nazionale russa, non sono state precedentemente rese pubbliche e danno una visione dall’interno di un esercito allo sbando a poche settimane dall’inizio della campagna. I soldati descrivono una crisi morale e una mancanza di equipaggiamento, e affermano di essere stati ingannati sulla missione in cui si trovavano, tutte condizioni che hanno contribuito alle recenti battute d’arresto per la campagna russa nell’est dell’Ucraina.

Le conversazioni vanno dal banale al brutale e includono critiche schiette a Putin e ai comandanti militari, osservazioni che potrebbero essere punibili secondo la legge russa se espresse pubblicamente a casa. Il Times usa solo i nomi dei soldati e nasconde i nomi dei membri della famiglia per proteggere le loro identità.

Sergey alla madre Mamma, io penso che questa guerra è la più stupida decisione che hai mai preso il nostro governo.

Ilya Che cos’altro pensano di fare e dire? Guarda come è andato a finire tutto questo, si fottessero. Fanculo.

Lui diceche tutto quanto è andando secondo il piano e la sequenza temporale.

Lui ha gravemente sbagliato.

I soldati si lamentano di errori strategici e di una grave carenza di rifornimenti. Confessano di aver catturato e ucciso non combattenti e ammettono apertamente di aver saccheggiato case e aziende ucraine. Molti dicono di voler rescindere i loro contratti militari e confutano la propaganda trasmessa dai media russi in patria con la cruda realtà della guerra che li circonda.

Aleksandr Noi non possiamo prendere Kiev.Noi possiamo appena prendere villaggi,e questo è quello che possiamo fare.

Sergey alla fidanzata In TV dicono che “Tutto quanto è tutto Giusto; non c’è nessuna guerra, appena un’operazione speciale”. Ma in realtà, è un’effettiva cazzo di guerra.

“Le cose non stanno andando bene qui.”

Entro due settimane dall’invasione, i soldati sembrano rendersi conto che Kiev è fuori portata. Dopo che le forze ucraine hanno teso imboscate e interrotto la principale via di accesso alla capitale, i soldati russi dicono ai loro parenti che la strategia militare sta fallendo. Esprimono sorpresa per le forze ucraine “professionali” e usano spesso il termine “khokhol”, un insulto rivolto agli ucraini. Uno di nome Yevgeniy dice senza mezzi termini: “Stiamo perdendo“.

00:32

Sergey alla madre Siamo nella merda, ci stiamo solo difendendo. Il nostro attacco è fermo.

Sergey ad un amico Una quantità di paracadutisti erano in movimento davanti a noi.…Sono tutti morti.

Sergey al padre Carri armati e mezzi corazzati sono bruciati. Ci hanno colpiti su un ponte  e hanno bombardato una diga. La stradeè allagata. Adesso,noi non possiamo muoverci.

Nikita I khokhol stanno avanzando.Io non avrei mai immaginato di finire in questo tipo di merda.

I soldati descrivono errori tattici e si lamentano della mancanza di armi e attrezzature di base, come dispositivi per la visione notturna e giubbotti antiproiettile adeguati.

 

Nikita alla fidanzata Le nostre forze ci hanno bombardato. Pensavano che eravamo quei cazzo di khokhol.

Sergey alla fidanzata Alcuniragazzi hanno preso i giubotti antiproiettili da cadaverie di ucriani per proteggersi.Il loro armamento è meglio del nostro.

Da roman a sconosciuto Abbiamo abbandonato una quantità di attrezzatura.

Tutto quanto qui è antico. Non moderno come  mostrano Su Zvezda[TV di stato].

Entro la metà di marzo, tre settimane dopo l’invasione, riportano pesanti perdite.

Nikita, un soldato del 656° Reggimento della Guardia Nazionale, racconta al suo compagno che 90 uomini sono stati uccisi intorno a lui quando sono caduti in un’imboscata durante la guida. Su un telefono condiviso dai membri del 331° reggimento aviotrasportato, un soldato di nome Semyon stima che un terzo del suo reggimento sia stato ucciso. Un altro descrive file di bare contenenti i corpi di 400 giovani paracadutisti in attesa di essere riportati a casa da un hangar dell’aeroporto.

Yegor a un parente sapete delle perdite?

Solo nel mio reggimento, abbiamo perso un terzo del reggimento.

Nikita alla madre Sessanta per cento del reggimento è andato.

Sergey alla madre erano 400 paracadutisti. E solo 38 di loro sono sopravvissuti.Perché i nostri comandanti hanno spedito i soldati a farsi macellare.

I soldati del 331° reggimento aviotrasportato riferiscono che l’intero secondo battaglione di 600 soldati è stato spazzato via. Un soldato di nome Andrey dice a suo padre che più della metà del suo reggimento è “andata”. Dicono che il loro comandante di reggimento, Sergey Sukharev, sia stato ucciso nei combattimenti, un evento confermato da notizie contemporanee.

Al ritorno a casa in Russia, le telefonate rivelano che le crescenti morti stanno cominciando a risuonare nelle città dei militari, dove comunità e famiglie unite si scambiano notizie di vittime. I parenti descrivono file di cadaveri e bare che arrivano nelle loro città, poiché i soldati avvertono che presto torneranno ancora più corpi. Una donna dice a suo marito che ogni giorno quella settimana si è tenuto un funerale militare. In stato di shock, alcune famiglie affermano di aver iniziato a vedere psicologi.

Partner di Ivan Vania, arriveranno altre bare. seppelliamo un  uomo dopo l’altro.Questo è un incubo.

Semyon al partner Io vi ho avvertito. Là ci sono 100 o 200 [morti].Non fatevi prendere dal panico.

“Ci sono civili in giro dappertutto.”

Anche se i corpi dei soldati russi morti stanno tornando a casa, quelli dei civili ucraini si stanno ammucchiando nelle strade e nelle foreste intorno a Bucha.

Quando le immagini di quei cadaveri hanno suscitato una protesta globale all’inizio di aprile, Putin e altri leader russi di alto rango hanno ripetutamente negato illeciti e descritto le atrocità come una “provocazione e falsità”.

Ma durante la loro occupazione di queste aree a marzo, le forze di Putin hanno raccontato con orrore ciò a cui avevano assistito.

Aleksandr al parente Noi siamo passati per la città,tornando alla nostra posizione. NOn ti dico bugie, la strada era piena di corpi, nessuno li aveva tirati su.

Eh?

Ho detto: là ci sono arti sparpagliati tutto intorno,cazzo, corpi già gonfio.Nessuno li ha raccolti. Non sono dei nostri; cazzo sono civili.

Fanculo.

In quella che potrebbe essere una prova di crimini di guerra, un soldato di nome Sergey confessa alla sua ragazza che il suo capitano ha ordinato l’esecuzione di tre uomini che stavano “passando davanti al nostro magazzino” e di essere diventato “un assassino“.

 

Sergey alla fidanzata li abbiamo arrestati, li abbiamo spogliati e abbiamo controllato tutti i loro abiti. Poi si doveva decidere se permettere a loro di andarsene. Se gli permettevamo di andare, potevano riferire la nostra posizione.Così il capitano ha deciso di sparargli nella foresta.

Ha fatto sparare voi?

Noi gli abbiamo sparato.

Perché non li avete presi come prigionieri?

avremmo dovuto dargli da mangiare, e noi non abbiamo abbastanza cibo nemmeno per noi stessi.

Con il passare della settimana, Sergey racconta a sua madre della “montagna di cadaveri” nella foresta.

 

Sergey alla madre C’è una foresta dove c’è la sede centrale della divisione. Ci ho visto un mare di cadaveri in abiti civili. Un mare. Io non ho mai visto così tanti cadaveri nella mia cazzo di vita. È un fottuto mare. Non si vede dove finiscono.

Un soldato del 331° reggimento aviotrasportato di nome Andrey dice a sua moglie di aver minacciato di uccidere un uomo ucraino ubriaco e di gettare il suo corpo nella foresta dove nessuno lo avrebbe trovato. Più tardi, Sergey dice che un comandante ha ordinato loro di farlo lo stesso.

 

Sergey alla fidanzata Ci hanno detto: Quello,dove sta andando,c’è una quantità di civili a passeggio qui intorno. Ci hanno dato ordine di uccidere tutti quelli che vedevamo.

Fanculo, Perché?

Perché essi avrebbero potuto riferire le nostre posizioni.Questo è ciò che stavano facendo sembrava. Dovevamo uccidere qualunque civile, portarli nella foresta e ucciderli… Sono diventato un assassino.

Quando le forze russe si sono ritirate alla fine di marzo, i funzionari ucraini hanno scoperto oltre 1.100 corpi nella regione di Bucha, nelle strade e nei giardini, nascosti in pozzi e cantine e sepolti in tombe improvvisate. Alcuni erano carbonizzati o avevano le mani legate. Circa 617 di queste persone sono morte a causa di ferite da arma da fuoco, ha detto al Times Andriy Nebytov, capo della polizia regionale di Kiev.

“L’umore è così negativo”

Durante l’offensiva in stallo – e prima che le forze russe si ritirassero alla fine di marzo – le telefonate rivelano una crisi morale. Impazienza, paura e stanchezza si manifestano mentre i soldati descrivono un esercito allo sbando. “Francamente, nessuno capisce perché dobbiamo combattere questa guerra“, dice Sergey alla sua ragazza.

Soldato Cara, io veramente voglio andare a casa. cazzo, sono così stanco di avere paura di tutto quanto. Di che cosa siamo in attesa, cazz? Di essere uccisi?

Andrey al partner L’umore è negativo.Un tipo ha pianto, e un altro si è suicidato.Io, cazzo, sono malato e stanco di loro.

Altri soldati lamentano temperature gelide e congelamento, condizioni di sonno difficili e fallimenti logistici. I soldati affermano di aver fatto irruzione in una macelleria e ucciso polli, maialini e uno struzzo per il cibo.

 

Yevgeniy all’amico Primo,noi abbiamo ricevuto razioni per 10 giorni; le abbiamo già mangiate. Quindi, abbiamo avuto razioni per altri tre giorni,e domani saranno finite.

Aleksandr alla madre Ho un congelamento alle dita dei piedi.

Non avete qualche medicina?

Sì, ma nonci danno nulla. Chi sta male deve ottenerle dai negozi.

Molti dei soldati esprimono disprezzo per i loro comandanti, che ritengono responsabili di decisioni tattiche mortali. E alcuni criticano sfacciatamente il più alto dei loro “superiori”, il presidente Putin.

Romano Cazzo, i superiori non capiscano niente.

Sergey alla fidanzata Il nostro nuovo generale è stato rimosso perché ci sono state molte perdite sotto il suo comando.

Sergey alla fidanzata Io mi dico  costantemente quanto cazzo sono fortunato a sopravviverequi.Perché un deficiente da gli ordini. Già due volte le nostre colonne sono cadute in un’imboscata.

‘Mi congedo immediatamente.’

Frustrati dalle continue battute d’arresto e temendo per la propria vita, i soldati russi affermano di essere stufi dei militari. Considerano di ridurre i loro contratti o addirittura di disertare.

Soldato Io smetto subito. quando rientro vi racconto tutto  quanto. È una totale cazzata.

Vadim al partner Io voglio smettere, troverò un lavoro da civile.

Diversi soldati temono le conseguenze, dicendo che gli è stato detto, a volte dai loro comandanti, che potrebbero essere perseguiti e incarcerati.

La tattica spaventosa non aveva basi legali all’epoca, ha detto al Times Sergey Krivenko, un avvocato russo per i diritti umani. Ma a settembre, pochi giorni prima che Putin annunciasse la mobilitazione per arruolare centinaia di migliaia di civili, i legislatori russi hanno approvato punizioni più dure per diserzione, insubordinazione ed evasione dal servizio militare.

Molti altri sono motivati ​​a restare per un altro motivo: hanno bisogno della paga. Oltre ai loro stipendi mensili, i soldati affermano di guadagnare l’equivalente di $ 53 al giorno in combattimento, che è il triplo dello stipendio medio nelle città natale dei soldati come Pskov, da dove provengono molte delle truppe aviotrasportate inviate per prendere Kiev.

I cari dei soldati rispondono in modi diversi. Alcuni li incoraggiano ad andarsene, altri chiedono loro di rimanere forti. Una moglie dice: “Non ho bisogno dei tuoi cazzo di soldi. Ho solo bisogno che mio marito torni».

‘Che TV vuoi? LG o Samsung?’

Durante la campagna, i soldati si vantano di ciò che potrebbe equivalere a più crimini di guerra: il saccheggio. Occupano le case dei civili, dormono nei loro letti e prendono i loro vestiti. Quando scoprono denaro, lo rubano.

Aleksandr Aspetto per un appartamento in Orenburg.

Come mai?

Così, noi siamo andati in questa Casa.Misha ed io abbiamo trovato 5.2 milioni di rubli.

Ce li siamo presi.

Non sono un idiota. Ho un intero appartamento nella mia tasca.

Aleksandr, un medico del 237° reggimento aviotrasportato, si meraviglia della ricchezza degli ucraini che stanno “abbandonando i soldi”. Diversi soldati promettono di riportare a casa dei “trofei” alle loro famiglie, che sono variamente compiaciute e costernate per il saccheggio.

Sergey alla fidanzata Che tv volete? LG o SAMSUNG?

Che cosa, in quell’inferno pensate a prendere una TV?

Non soloTV.Due ragazzi hanno presoTV e perfino un letto.

Non rischiate di essere puniti per questo? Non  è saccheggio?

Niente sembrava troppo grande o troppo piccolo per essere preso, comprese prolunghe e luci di Natale, frullatori e attrezzi da costruzione, attrezzi da pesca e persino uno spazzolino da denti.

 

Evgenij Sono, cazzo selvaggi.… Stanno rubando Tutto quanto.

I nostri ragazzi?

Si.

Perché lo fanno, ne hanno bisogno?

televisori, tritacarne, cacciaviti e valigie.

Sergey alla fidanzata Io guido un Kawasaki qui.

Sul serio?

Parte del bottino torna in Russia. Le riprese delle telecamere di sicurezza pubblicate in precedenza da una compagnia di navigazione in Bielorussia e i documenti di spedizione ottenuti dal Times hanno confermato che i soldati del 656° reggimento della Guardia nazionale, la stessa unità identificata con alcune delle intercettazioni delle chiamate, hanno inviato pacchi a casa nei giorni successivi al ritiro. I documenti registrano almeno un soldato, Aleksandr, che il Times ha identificato nelle intercettazioni come il proprietario di uno dei cellulari utilizzati, mentre il 4 aprile ha spedito i vestiti alla moglie.

“Cosa dicono al telegiornale?”

Tagliati fuori dal mondo esterno e frustrati dai comandanti che secondo i soldati li tengono all’oscuro, i soldati fanno affidamento sulle chiamate a casa per gli aggiornamenti sulla guerra che stanno combattendo. Ma ciò che sentono dalle loro famiglie – un’immagine rosea diffusa dai media statali russi – è spesso in contrasto con la loro realtà.

Vitaly al padre Che hanno detto al notiziario?

Vittoria qui, vittoria là.Questo è tutto quello che noi vediamo.

Edoard alla madre Alla TV dicono che avete le saune e che stanno preparando il pane per voi.

Davvero?Noi non.Voi dovreste vedere quello che vediamo noi.

Sergey contesta la disinformazione in conversazioni sincere separate con sua madre.

 

Sergey alla madre Mamma,noi non abbiamo visto un fascista qui.Questa guerra è basata su falsità. Non era necessaria. Qui le persone avevano vite normali. Vivevano in case pulite, lavoravano ed ora vivono negli scantinati. Una signora anziana qui vicino si è nascosta in cantina. Non potete immaginare.

Noi tutti pensiamo la stessa cosa: Questa guerra non era necessaria.

Le famiglie condividono come stanno sentendo gli effetti delle sanzioni e come il prezzo degli articoli di base stia aumentando. Si lamentano della chiusura di marchi come McDonald’s, H&M e Ikea e del blackout delle società di media.

 

Moglie di Evgenij Sembra di essere tornati agli anni ’90, Amazon chiuso. ci mancano molte cose,Zhenya.

La fidanzata di Sergey Manca tutto, vestiti, smartphone, la coca cola...

Partner di Aleksandr Instagram è stato chiuso...

“Non è più un nostro problema.”

Nel pomeriggio del 30 marzo, a quasi cinque settimane dall’inizio dell’invasione di Putin, i soldati che condividevano lo stesso cellulare effettuano sette chiamate consecutive in soli 15 minuti. Ciascuno dei combattenti condivide un’ultima notizia.

Yevgeniy alla moglie Ciao?

Ciao.

Sono in Bielorussia. Abbiamo appena passato il confine.

Sei in Bielorussia? Oh, Grazie Dio.

Aleksandr alla madre Abbiamo appena superato il confine.

Ringrazio Dio, è finito. Non è più un nostro problema.

In Russia, Putin ha riformulato la campagna fallita come uno sforzo non per prendere Kiev, ma per indebolire le truppe ucraine. Non appena sono arrivati, i soldati russi che si erano ritirati dal nord di Kiev, si sono raggruppati e hanno fatto perno a est, dove i separatisti sostenuti dalla Russia combattono da oltre otto anni.

Il 1° aprile, le forze dell’ordine e i giornalisti ucraini sono entrati nei territori liberati della regione di Kiev per la prima volta dall’inizio di marzo. La triste realtà dell’occupazione russa – trasmessa in privato tra i soldati e le loro famiglie – ora è diventata visibile al mondo.

Articoli più letti