Individuati solventi adatti per costruire sulla Luna e Marte

Utilizzando l’apprendimento automatico e la modellazione computazionale, i ricercatori della Washington State University hanno trovato circa una mezza dozzina di buoni candidati per solventi in grado di estrarre materiali sulla Luna e su Marte utilizzabili nella stampa 3D.

Sviluppo di Solventi per l’Estrazione di Materiali da Luna e Marte dalla Washington State University. Questa iniziativa fa parte della missione Artemis della NASA e rappresenta un passo significativo verso la riduzione della dipendenza dalla Terra per i materiali da costruzione nelle missioni spaziali.
Sviluppo di Solventi per l’Estrazione di Materiali da Luna e Marte dalla Washington State University. Questa iniziativa fa parte della missione Artemis della NASA e rappresenta un passo significativo verso la riduzione della dipendenza dalla Terra per i materiali da costruzione nelle missioni spaziali.

La scoperta di potenziali solventi

I ricercatori hanno avviato il processo di identificazione di solventi liquidi che potrebbero essere potenzialmente utilizzati per estrarre materiali da costruzione essenziali dalla polvere delle rocce lunari e marziane. Questo sviluppo è una componente cruciale per consentire l’esplorazione spaziale a lungo termine.

I potenti solventi, chiamati liquidi ionici, sono sali che si trovano allo stato liquido.

Soumik Banerjee, professore associato presso la Scuola di Ingegneria Meccanica e dei Materiali della WSU, ha dichiarato: “Siamo stati in grado di selezionare molti liquidi ionici rapidamente e quindi abbiamo anche potuto comprendere scientificamente i fattori più importanti che determinano se un solvente è in grado di dissolvere il materiale o meno”.

Nell’ambito della sua missione Artemis, la NASA, che ha finanziato il lavoro di Banerjee, vuole rimandare gli esseri umani sulla Luna e poi nello spazio più profondo, su Marte e oltre. Ma per rendere possibili tali missioni a lungo termine, gli astronauti dovranno utilizzare materiali e risorse in quegli ambienti extraterrestri, utilizzando la stampa 3D per realizzare strutture, strumenti o parti da elementi essenziali estratti dal suolo lunare o marziano.

Costruire sulla Luna e su Marte con materiali in situ: ora si sa come fare con dei solventi
Costruire sulla Luna e su Marte con materiali in situ: ora si sa come fare con dei solventi

Banerjee ha spiegato: “L’utilizzo delle risorse in situ sarà un grosso problema per la NASA nei prossimi due decenni. In alternativa, avremmo bisogno di un carico utile terribilmente elevato di materiali da trasportare dalla Terra”.

L’acquisizione di tali materiali da costruzione deve essere effettuata in modo rispettoso dell’ambiente ed efficiente dal punto di vista energetico. Inoltre, il metodo per estrarre gli elementi non prevede l’utilizzo dell’acqua, che non è disponibile sulla Luna. 

I liquidi ionici, che il gruppo di Banerjee studia da più di un decennio per l’uso nelle batterie, potrebbero essere la risposta. Il lavoro è stato riportato sulla rivista Journal of Physical Chemistry B.

I ricercatori hanno avviato il processo di identificazione di solventi liquidi che potrebbero essere potenzialmente utilizzati per estrarre materiali da costruzione essenziali dalla polvere delle rocce lunari e marziane
I ricercatori hanno avviato il processo di identificazione di solventi liquidi che potrebbero essere potenzialmente utilizzati per estrarre materiali da costruzione essenziali dalla polvere delle rocce lunari e marziane

Affinamento della selezione dei solventi

Testare ciascun candidato liquido ionico in laboratori è costoso e richiede tempo, quindi i ricercatori hanno utilizzato l’apprendimento automatico e la modellazione a livello di atomi per restringere il campo tra centinaia di migliaia di candidati. Il team ha cercato solventi che potessero elaborare materiali lunari e marziani, estrarre elementi importanti come alluminio, magnesio e ferro, rigenerarsi e forse produrre ossigeno o acqua come sottoprodotto per contribuire a fornire supporto vitale.

Identificando le qualità superiori di cui avranno bisogno i solventi, i ricercatori sono riusciti a trovare circa una mezza dozzina di candidati molto forti. Fattori importanti per il successo includevano la dimensione degli ioni molecolari che compongono i sali, la densità di carica superficiale, che è la carica per unità di area degli ioni, e la mobilità degli ioni nei liquidi.

Lavorando con ricercatori dell’Università del Colorado in uno studio separato, i ricercatori hanno testato alcuni liquidi ionici in laboratorio per la loro capacità di dissolvere i composti. Sperano di costruire eventualmente un reattore su scala di laboratorio o su scala pilota e testare buoni solventi candidati con materiali di tipo regolite lunare.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

In Tendenza

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ossigeno oscuro: straordinario ritrovamento a 4000 metri

La recente scoperta di un “ossigeno oscuro” prodotto da...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Articoli correlati

Popular Categories