La NASA rimanda la missione Artemis e i complottisti si fregano le mani

Per questioni di sicurezza, la Nasa ha deciso di riprogrammare la missione Artemis per il 2025. Questo ritardo ha stuzzicato la fervente fantasia dei complottisti, che hanno sentito il bisogno di dire la loro sull'argomento

0
246
Missione Artemis

Nel 2024 è nell’ordine delle cose che la sicurezza abbia la precedenza sui viaggi spaziali. Così la Nasa ha deciso di ritardare la Missione Artemis e mentre c’è stato chi ha gradito la posizione dell’agenzia governativa statunitense, qualcun’altro si è già ingegnato per elaborare teorie bizzarre sulle reali motivazioni di questo ritardo.

Missione Artemis

Missione Artemis: i complottisti riciclano un vecchio cavallo di battaglia

I mormorii sono iniziati martedì 9 gennaio, quando la NASA ha annunciato che la sua decisione di portare i suoi astronauti sulla Luna era stata posticipata al 2025 e al 2026: “La sicurezza è la nostra massima priorità e per dare ai team della missione Artemis più tempo per affrontare le sfide con sviluppi, operazioni e integrazione per la prima volta, dedicheremo più tempo ad Artemis II e III”, ha spiegato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

Quindi, quello che voglio dirvi è che stiamo adattando il nostro programma per prendere di mira Artemis II per settembre 2025 e settembre 2026 per Artemis III, che invierà gli esseri umani per la prima volta al polo sud lunare“.

Alcune persone tuttavia hanno pensato che il motivo per cui la NASA è stata costretta a ritardare la missione sia dovuto al fatto che gli esseri umani non hanno mai messo piede sulla Luna. Sì, tutto ruota intorno alla teoria secondo cui l’Apollo 11 non è mai atterrato sulla Luna nel 1969 .



Dal modo in cui vi state preparando ad atterrare di nuovo sulla luna, sembra che sia la prima volta che pianificate effettivamente Moon Trip“, ha scritto un utente su X. Nel frattempo un altro ha detto: “Sembra che non riescano a capire come hanno fatto la prima volta“.

E un terzo ha scritto: “Mi chiedo se ci siano ingegneri della NASA che stanno cercando di ricreare l’Apollo ma si rendono conto che non possono e dicono: Porca miseria. L’hanno falsificato”. 

Nelson ha aggiunto: “Stiamo tornando sulla Luna in un modo mai visto prima, e la sicurezza dei nostri astronauti è la massima priorità della NASA mentre ci prepariamo per la futura missione Artemis”.

Missione Artemis

Il complotto sul mancato allunaggio dell’Apollo 11 ogni tanto risorge dalle sue stesse ceneri, e cioè dai complottisti di turno che pare che negli anni si passino il testimone di una staffetta per la corsa a chi si rende più ridicolo. La teoria più popolare riguarda le ombre nelle foto dell’allunaggio che secondo queste menti brillanti dimostrano che le immagini sono state falsificate.

Poiché le ombre non sono parallele, questo subdolo indizio è stato preso come prova che le immagini non siano autentiche. Tuttavia, questo effetto può essere riprodotto ovunque, anche sulla Terra stessa.

Un’altra teoria vede i critici sostenere che l’iconica bandiera americana sembra essere influenzata dal vento, cosa che non dovrebbe accadere nello spazio, ma anche questa perreria è stata sfatata, dopo che si è scoperto che in realtà era stato installato un palo telescopico per srotolare la bandiera.

In una conferenza del 2019 ai Royal Museums Greenwich, il direttore del National Space Center Discovery, il Professor Anu Ojha, ha spiegato: “Poiché è stato allestito in questo modo (con un palo telescopico), sembra ondeggiare nel vento”.

Ojha ha aggiunto che aveva anche molte rughe perché era stato “letteralmente incasinato per quattro giorni” nel viaggio verso la Luna. Anche se potremmo dover aspettare ancora un po’ per vedere gli esseri umani sulla Luna (di nuovo), varrà sicuramente la pena aspettare.

La Nasa ha rinviato la Missione Artemis, che dovrebbe far tornare gli esseri umani sulla Luna dopo cinquanta anni. L’agenzia spaziale statunitense ha annunciato che la missione Artemis III per far atterrare quattro astronauti vicino al polo sud lunare sarà ritardata di un anno, fino a settembre 2026.

La Missione Artemis II, una spedizione di 10 giorni per inviare un equipaggio intorno alla Luna e ritorno per testare i sistemi di supporto vitale, sarà anch’essa posticipata a settembre 2025.

La Nasa ha affermato che i ritardi sulla Missione Artemis consentirebbero ai suoi team di affrontare le sfide di sviluppo associate al programma, che collabora con società private tra cui SpaceX di Elon Musk e Lockheed Martin e utilizza alcuni veicoli spaziali e tecnologie in gran parte non testate.

Washington vuole stabilire una presenza umana a lungo termine al di fuori dell’orbita terrestre, compresa la costruzione di un campo base lunare e di una stazione spaziale che giri intorno alla Luna. I suoi piani finali sono quelli di inviare astronauti anche su Marte, ma ha deciso di tornare prima sulla Luna con la Missione Artemis per saperne di più sullo spazio prima di imbarcarsi in quello che sarebbe un viaggio di mesi verso il pianeta rosso.

Missione Artemis

La Missione Artemis I, la prima del programma, è andata avanti con successo nel 2022, con la Nasa che ha lanciato il potente razzo Space Launch System (SLS) dalla Florida, trasportando una capsula Orion senza equipaggio costruita dalla Lockheed in un viaggio di 25 giorni e ha fornito dati vitali alla NASA su ciò che necessitava di essere riparato, compreso lo scudo termico, parte del quale si è rotto.

Il ritardo per le prossime missioni darà anche alle aziende private, come Axiom Space, che sta progettando le tute spaziali  più tempo per sviluppare la loro tecnologia. La Missione Artemis mira anche a far sbarcare la prima donna e la prima persona di colore sulla superficie lunare.

Jeffrey Alan Hoffman, ex astronauta della Nasa e Professore di aeronautica e astronautica al MIT, ha affermato che il ritardo non è una sorpresa poiché ci sono ancora “molte cose da fare”.

Il budget della NASA per l’Apollo era enorme. Avevamo 400.000 persone che lavoravano al progetto Apollo e la Nasa non ha neanche lontanamente quel livello o quelle risorse adesso.Non verranno lanciati finché non saranno pronti perché la sicurezza dell’equipaggio è fondamentale”, ha concluso Hoffman.

2