17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIndividuati 13 nuovi Fast Radio Burst, tra cui uno che si ripete

Individuati 13 nuovi Fast Radio Burst, tra cui uno che si ripete

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Le raffiche radio veloci (FRB) potrebbero non rimanere misteriose ancora per molto tempo.

Gli astronomi hanno individuato altri 13 di questi lampi di luce extragalattica, aumentando il numero degli eventi noti di circa il 20%. E il nuovo bottino include un nuovo FRB ripetuto, in assoluto il secondo mai scoperto. Tutti gli altri FRB visti fino ad oggi sono eventi unici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Aver scoperto un nuovo FRB che si è ripetuto è un fatto particolarmente importante, perché suggerisce che potrebbero essercene di più là fuori”, ha spiegato Ingrid Stairs, un’astrofisica dell’Università della British Columbia. “E con più fonti disponibili per lo studio, potremmo essere in grado di capire questi enigmi cosmici – da dove vengono e che cosa li causa”.

I FRB sono fenomeni brevi ma incredibilmente potenti; le emissioni durano pochi millisecondi ma sono energeticamente paragonabili alla produzione energetica totale del nostro sole nel corso di un secolo. Come notato da Scale, i FRB sono enigmatici quanto spettacolari. Gli astronomi hanno proposto una serie di possibili spiegazioni per le esplosioni, tra cui la fusione di stelle di neutroni e avanzate civiltà aliene.

I nuovi risultati, che sono stati annunciati il 9 gennaio in due articoli sulla rivista Nature e in occasione della 233a riunione dell’American Astronomical Society a Seattle.

Il team di ricerca ha analizzato le osservazioni del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME), un nuovo radiotelescopio avanzato nella valle dell’Okanagan della Columbia Britannica.

CHIME ricostruisce l’immagine del cielo dall’alto elaborando i segnali radio registrati da migliaia di antenne con un sofisticato sistema di elaborazione del segnale“, ha spiegato il membro del team Kendrick Smith, dell’Istituto perimetrale per la fisica teorica dell’Ontario. “Il sistema di elaborazione del segnale di CHIME è il maggiore tra i radiotelescopi, e può esplorare contemporaneamente enormi regioni del cielo.”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E CHIME non era nemmeno pienamente operativo quando ha effettuato i nuovi rilevamenti. I 13 FRB sono stati individuati nel corso di poche settimane di osservazioni tra luglio ed agosto 2018, durante la fase di “precommissioning” di CHIME.

La fonte del segnale ripetuto, nota come FRB 180814.J0422 + 73, si trova a circa 1,5 miliardi di anni luce dalla Terra, secondo quanto determinato dagli astronomi, circa due volte più vicino dell’altra fonte che ha ripetuto il suo segnale, FRB 121102, che è noto per aver emesso dozzine di raffiche negli ultimi anni.

La maggior parte degli FRB rilevati in precedenza, presenta frequenze radio intorno ai 1.400 megahertz (MHz). La gamma di CHIME è molto più bassa, da 400 a 800 MHz, quindi le nuove scoperte gettano nuova luce sugli FRB.

Gli astronomi ora sanno che le sorgenti FRB “producono onde radio a bassa frequenza e quelle onde a bassa frequenza possono sfuggire al loro ambiente e non sono troppo disperse per essere rilevate dal momento in cui raggiungono la Terra“, ha detto Tom Landecker, dal Consiglio nazionale delle ricerche del Canada e membro della squadra di CHIME. “Questo ci dice qualcosa sugli ambienti e le fonti“, ha aggiunto Landecker. “Siamo ancora lontani dal risolvere il problema, ma ci sono molti più pezzi nel puzzle.”

Fonti: Nature, qui e qui.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti