L’India invierà un UAV su Marte con la prossima missione Mangalyaan

Le speranze dell'agenzia spaziale indiana di inviare un UAV sono state rafforzate dall'elicottero Ingenuity della Nasa che ha completato 72 voli nella rarefatta aria marziana

2
200
Perché Marte è rosso? UAV, campioni , incontaminati di Marte, acque sotterranee, vulcano Noctis

La prossima missione dell’India su Marte potrebbe includere un elicottero UAV che segua le orme del pionieristico drone Ingenuity della NASA. L’ Organizzazione indiana per la ricerca spaziale (ISRO) sta attualmente lavorando al progetto, che volerebbe insieme a un lander indiano su Marte intorno all’inizio degli anni ’30.

Perché Marte è rosso? UAV
Perché Marte è rosso?

L’UAV trasporterà Marble, il Martian Boundary Layer Explorer

La prima missione dell’India sul Pianeta Rosso, la Mars Orbiter Mission (MOM), soprannominata anche “Mangalyaan“, è stata lanciata nel novembre 2013 ed è entrata in orbita attorno a Marte nel settembre 2014. La navicella spaziale ha condotto ricerche scientifiche in orbita attorno al Pianeta Rosso per otto anni prima del contatto. con la Terra è andato perduto nel 2022.

La successiva missione su Marte dell’ISRO sarà più ambiziosa. Jayadev Pradeep, uno scienziato del Laboratorio di fisica spaziale presso il Centro spaziale Vikram Sarabhai, ha dichiarato durante un recente webinar che un elicottero UAV per una missione di atterraggio su Marte trasporterà una serie di carichi utili per l’esplorazione aerea del pianeta.

L’UAV trasporterà Marble, ovvero il Martian Boundary Layer Explorer, che avrà una serie di carichi utili per l’esplorazione aerea di Marte. Il veicolo aereo sarà progettato per essere in grado di volare fino a 100 metri nella rarefatta aria marziana per delineare l’atmosfera marziana.

Le speranze dell’agenzia spaziale indiana sono state rafforzate dall’elicottero Ingenuity della Nasa che ha completato 72 voli nella rarefatta aria marziana. Ingenuity è stato costruito come missione dimostrativa e sono stati pianificati solo cinque voli. Tuttavia, l’aereo ad ala rotante ha continuato a volare per 72 missioni prima di essere messo a terra nel gennaio 2024.



L’informazione sul lancio del UAV è stata condivisa da Jayadev Pradeep, uno scienziato dello Space Physics Laboratory presso il Vikram Sarabhai Space Center, durante un webinar su Marble.

C'è mai stata vita su Marte? Metano, missioni private su Marte, UAV

Lo studioso condurrà una profilazione verticale ad alta risoluzione dei parametri atmosferici critici ed eseguirà misurazioni in situ prime nel suo genere negli strati limite vicini alla superficie di Marte. I carichi utili includeranno un sensore di temperatura, un sensore di umidità, un sensore di pressione, un sensore di velocità del vento, un sensore di campo elettrico e un sensore di specie in tracce e di polvere per misurare la distribuzione verticale degli aerosol di polvere.

La direzione dell’Isro sta valutando i piani per inviare una missione successiva su Mangalyaan, che atterrerà sulla superficie di Marte. Si prevede che l’UAV faccia parte della missione e accompagnerà il lander sul Pianeta Rosso.

La prima missione indiana su Marte, Mangalyaan, ha raggiunto la fine della sua vita nel 2022 dopo aver trascorso quasi un decennio attorno al Pianeta Rosso. Isro ha confermato che il Mangalyaan ha raggiunto la fine della suo viaggio dopo aver completato anni di viaggio interplanetario mentre le sue riserve di carburante si erano esaurite.

Il capo dell’Isro,  Somanath, ha affermato che la missione ha fornito una comprensione delle caratteristiche della superficie marziana, della morfologia, dell’atmosfera marziana e della composizione di vari gas nell’esosfera marziana.

La missione UAV potrebbe catturare l’immagine completa del disco di Marte a causa della sua orbita ellittica e generare un atlante di Marte con l’aiuto della telecamera a colori a bordo della missione stessa.

UAV: un’ispirazione nata dalla missione Ingenuity

l veicolo aereo UAV sarà in grado di volare fino a 100 metri sopra la superficie di Marte per delineare l’ atmosfera marziana. Per fare un confronto, Ingenuity ha raggiunto altitudini fino a 24 m durante le sue oltre due ore di volo totale e ha coperto 17 chilometri di distanza orizzontale.

Ingenuity è atterrato insieme al rover Perseverance della NASA nel cratere Jezero di Marte nel febbraio 2021. Non solo ha dimostrato che il volo era possibile nella sottile atmosfera marziana, ma ha superato di gran lunga tutte le aspettative. La missione principale di Ingenuity prevedeva cinque voli dimostrativi della tecnologia, ma l’elicottero da 4 libbre (1,8 chilogrammi) ha effettuato 72 sortite su Marte prima di essere permanentemente bloccato a terra a causa di danni alle pale del rotore nel gennaio 2024.

L’India non è l’unica nazione che trae ispirazione dalla NASA e da Ingenuity per il suo progetto UAV: la Cina ha almeno un paio di concetti per i droni su Marte, incluso uno che potrebbe svolgere un ruolo nella missione di ritorno di campioni su Marte pianificata dal paese.

Un'oscillazione sta spostando i poli di Marte, UAV
Un’oscillazione sta spostando i poli di Marte

 

L’atmosfera di Marte è oltre 100 volte più sottile di quella terrestre ed è composta principalmente da gas di anidride carbonica, azoto e argon, è dunque chiaro che l’UAV dovrà superare determinati requisiti.

Secondo la NASA, le particelle di polvere ossidata sollevate dalla superficie marziana riempiono l’atmosfera trasformando i cieli di Marte di un colore marrone ruggine.

L’acqua esiste su Marte ma l’atmosfera è troppo sottile perché possa durare a lungo sulla superficie allo stato liquido. Invece, l’acqua su Marte si trova sotto la superficie delle regioni polari sotto forma di ghiaccio d’acqua e anche come acqua salata stagionale che scorre lungo i pendii delle colline e le pareti dei crateri.

Nonostante la sottile atmosfera di Marte, il Pianeta Rosso mostra ancora un clima dinamico ed eventi meteorologici estremi tra cui impressionanti tempeste di polvere e persino neve! Ma Marte non è sempre stato così. Gli scienziati della missione MAVEN della NASA hanno riferito che Marte una volta aveva una spessa atmosfera che avrebbe potuto sostenere acqua liquida superficiale sulla superficie per lunghi periodi di tempo.

2