Impatto con un asteroide: la NASA ha condotto la 5^ esercitazione per respingere l’eventuale minaccia

L'Ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA, in collaborazione con la FEMA (Federal Emergency Management Agency) e con l'assistenza dell'Ufficio per gli affari spaziali del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha convocato un'esercitazione per informare e valutare la capacità di rispondere efficacemente alla minaccia di un asteroide o una cometa potenzialmente pericolosi

L’Ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA, in collaborazione con la FEMA (Federal Emergency Management Agency – la nostra protezione civile) e con l’assistenza dell’Ufficio per gli affari spaziali del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha convocato un’esercitazione per informare e valutare la capacità di rispondere efficacemente alla minaccia di un asteroide o una cometa potenzialmente pericolosi.

Bennu, frammenti di vetro, asteroide

Prepararsi a prevenire un eventuale impatto con un asteroide

Sebbene non siano note minacce significative legate all’impatto di asteroidi per il prossimo futuro, gli esercizi ipotetici forniscono preziose informazioni esplorando i rischi, le opzioni di risposta e le opportunità di collaborazione poste da diversi scenari, da danni regionali minori con poco preavviso a potenziali catastrofi globali previste anni o anni fa e anche nel futuro.

“Le incertezze in queste condizioni iniziali per l’esercitazione hanno permesso ai partecipanti di considerare una serie di circostanze particolarmente impegnative“, ha affermato Lindley Johnson, ufficiale emerito della difesa planetaria del quartier generale della NASA a Washington: “L’impatto di un grande asteroide è potenzialmente l’unico disastro naturale che l’umanità ha la tecnologia per prevedere con anni di anticipo e agire per prevenirlo”.

I primi terrestri ad arrivare sulla Luna, Apophis

Durante l’esercizitazione, i partecipanti hanno considerato le potenziali risposte nazionali e globali a uno scenario ipotetico in cui veniva identificato un asteroide mai rilevato prima che avesse, secondo i calcoli iniziali, una probabilità del 72% di colpire la Terra in circa 14 anni.

Le esercitazioni

Le osservazioni preliminari descritte nell’esercitazione, tuttavia, non sono state sufficienti per determinare con precisione le dimensioni, la composizione e la traiettoria a lungo termine dell’asteroide. Per complicare lo scenario ipotetico del 2024, le osservazioni essenziali di follow-up dovrebbero essere ritardate di almeno sette mesi, una perdita di tempo critica, poiché l’asteroide passa dietro il Sole visto dal punto di osservazione della Terra nello Spazio.

La conduzione di esercitazioni consente alle parti interessate del governo di identificare e risolvere potenziali problemi come parte della preparazione per qualsiasi situazione del mondo reale. Si è tenuta ad aprile 2024 presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL) a Laurel, nel Maryland, e ha riunito quasi 100 rappresentanti di tutte le agenzie governative statunitensi e, per la prima volta, collaboratori internazionali sulla difesa planetaria.

acqua, asteroide

La nostra missione è aiutare le persone prima, durante e dopo i disastri“, ha affermato Leviticus “LA” Lewis, membro della FEMA presso l’Ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA: “Lavoriamo in tutto il Paese ogni giorno prima che si verifichino disastri per aiutare le persone e le comunità a comprendere e prepararsi ai possibili rischi. Nel caso di un potenziale impatto di un asteroide, la FEMA sarebbe un attore leader nel coordinamento tra agenzie”.

Questa esercitazione è stata la prima a utilizzare i dati della missione DART (Double Asteroid Redirection Test) della NASA, la prima dimostrazione nello spazio di una tecnologia per difendere la Terra da potenziali impatti di asteroidi. La navicella spaziale DART, che ha colpito l’asteroide lunare Dimorphos il 26 settembre 2022, ha confermato che un dispositivo di simulazione cinetico potrebbe cambiarne la traiettoria. L’applicazione di questa o di qualsiasi altro tipo di tecnologia a una minaccia di impatto reale richiederebbe molti anni di pianificazione anticipata.

Per garantire che l’umanità abbia il tempo necessario per valutare e rispondere a un asteroide o una cometa potenzialmente pericolosi, la NASA continua lo sviluppo del suo NEO Surveyor (Near-Earth Object Surveyor), un telescopio spaziale a infrarossi progettato specificamente per accelerare la nostra capacità di scoprire e caratterizzano la maggior parte degli oggetti vicini alla Terra potenzialmente pericolosi molti anni prima che possano diventare una minaccia di impatto. La data di lancio proposta dall’agenzia NEO Surveyor è fissata per giugno 2028.

Conclusioni

La NASA pubblicherà successivamente un rapporto completo post-azione per l’esercitazione simulata, che includerà i punti di forza e le lacune identificati dall’analisi della risposta, altre discussioni durante l’esercitazione e raccomandazioni per il miglioramento.

Questi risultati contribuiranno a definire esercitazioni e studi futuri per garantire che la NASA e altre agenzie governative continuino a migliorare la preparazione alla difesa planetaria”, ha affermato Johnson.

Scoperto asteroide miniluna orbitan attorno alla Terra, mini-lune

La NASA ha istituito l’Ufficio di coordinamento della difesa planetaria nel 2016 per gestire gli sforzi di difesa planetaria in corso dell’agenzia. La Johns Hopkins APL ha gestito la missione DART per la NASA come progetto del Planetary Missions Program Office dell’agenzia.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments