Il segnale da Andromeda

C’è qualcosa che semplicemente non capiamo sulla struttura interna di come funziona l’universo“, ha detto Enectali Figueroa-Feliciano, professore associato di fisica alla Northwestern e al MIT Kavli Institute for Astrophysics and Space Research, reagendo a ciò che gli astronomi pensano essere il primo vero segnale dall’universo oscuro”.

Durante lo studio dei dati raccolti dalla sonda spaziale XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea nel settembre 2018, un team di ricercatori ha osservato uno strano picco nell’emissione di raggi X a una lunghezza d’onda unica che non corrisponde a nessuna particella o atomo noto.

Emesso dal nucleo dell’ammasso galattico di Perseo

Il segnale, pensavano i ricercatori, potrebbe essere stato prodotto dalla materia oscura all’interno del nucleo dell’ammasso galattico di Perseo, uno degli oggetti più massicci dell’Universo.

Gli astronomi hanno anche rilevato la stessa emissione di raggi X unica da una varietà di galassie vicine, inclusa la nostra vicina di casa, la Galassia di Andromeda, una metropoli vorticosa di un trilione di stelle, buchi neri e ammassi globulari.

La “nebulosa di Andromeda” è stata fotografata all’Osservatorio Yerkes intorno al 1900. Per gli occhi moderni, questo oggetto è chiaramente una galassia. A quel tempo, tuttavia, era descritto come “una massa di gas incandescente“, la sua vera identità era sconosciuta.

Fu solo negli anni ’20 che Edwin Hubble, da cui prende il nome il telescopio spaziale Hubble, scoprì che, oltre la nostra galassia la Via Lattea, esistono innumerevoli galassie, rivoluzionando la nostra comprensione dell’universo e il nostro posto al suo interno.

Prima dell’epica scoperta di Hubble, la maggior parte degli astronomi pensava che tutto l’universo fosse contenuto nella galassia della Via Lattea. La nostra galassia, si pensava, era l’universo.

1923, riporta la NASA, Hubble orientò il telescopio Hooker su una chiazza di cielo sfocata chiamata Grande Nebulosa di Andromeda. Scoprì che conteneva stelle proprio come quelle della nostra galassia, solo più deboli. Da una stella, una variabile Cefeide, Hubble ipotizzò che la Nebulosa di Andromeda non fosse un ammasso stellare vicino ma piuttosto un’intera altra galassia.

La distribuzione del segnale all’interno della galassia corrisponde esattamente a ciò che ci aspettavamo con la materia oscura, cioè concentrata e intensa al centro degli oggetti e più debole e diffusa ai bordi“, ha detto il coautore dello studio Oleg Ruchayskiy, dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL) ha detto.

L’immagine sotto mostra l’emissione di raggi X dal nucleo dell’ammasso Perseo (in rosso), come osservato dall’Osservatorio a raggi X Chandra; l’emissione radio dal buco nero supermassiccio centrale è mostrata in blu.

Perseus Cluster

Questa idea che ci sia qualcosa là fuori che non possiamo ancora percepire è una di quelle cose che mi fa venire i brividi lungo la schiena“, ha detto Harry Nelson, professore di fisica all’Università della California.

La natura è schiva“, ha detto Figueroa-Feliciano, che lavora a uno dei tre esperimenti alla ricerca della materia oscura che continuano ancora oggi.

Quando i teorici scrivono tutti i modi in cui la materia oscura potrebbe interagire con le nostre particelle, trovano, per i modelli più semplici, che avremmo dovuto già vederli. Quindi, anche se non l’abbiamo ancora trovata, c’è un messaggio lì, che stiamo cercando di decodificare ora“.

“Stiamo tutti cercando e da qualche parte, forse anche adesso, ci sono un po’ di dati che faranno sì che qualcuno esclami Eureka“, ha detto Nelson, responsabile scientifico per l’aggiornamento LUX, chiamato LUX-ZEPLIN.

Gli scienziati sanno da tempo che la materia oscura è là fuori, che orchestra silenziosamente il movimento e la struttura dell’universo, ma rimane un mistero, con esperimenti dopo esperimenti che terminano in nulla.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Articoli correlati

Popular Categories