Il presidente Trump viene curato con una terapia sperimentale: di cosa si tratta?

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, risultato positivo al coronavirus in questi giorni, è in cura con una terapia sperimentale a base di potenti anticorpi

902

Del coronavirus sappiamo ancora bene poco, ma sarebbe interessante sapere con quale dinamica colpisca puntualmente i negazionisti della pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero e che lo vede protagonista: ultimo ma non ultimo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Dopo aver rinnegato la carica virale della covid19, rifiutato di indossare la mascherina, esortato le persone (sarcasticamente? Non lo sapremo mai) a curarsi autosomministrandosi candeggina, Trump è risultato positivo al coronavirus e anche per lui non si tratta di una semplice influenza, ma di una patologia da curare con una terapia sperimentale a base di anticorpi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma di cosa si tratta?

Il dottor Sean Conley, il medico del presidente, ha rilasciato una nota secondo cui Trump aveva completato un’infusione di 8 grammi di trattamento sperimentale con anticorpi policlonali di Regeneron come “misura precauzionale” dopo la sua diagnosi di Covid-19 nella tarda notte di ieri. Poco dopo la pubblicazione della nota del medico, la Casa Bianca ha annunciato che il presidente Trump sarebbe stato trasportato al Walter Reed Medical Center su raccomandazione di esperti medici e “per eccesso di cautela”.

Regeneron ha confermato che il suo farmaco anticorpale, chiamato REGN-COV2, è stato fornito dopo che una “richiesta di uso compassionevole” è stata presentata alla società dai medici del presidente. La società afferma che le richieste di uso compassionevole sono approvate per “circostanze rare ed eccezionali, caso per caso”.

Regeneron ha rilasciato i primi dati dal suo studio sul nuovo trattamento con anticorpi per Covid-19 che ha rilevato che i pazienti trattati con il farmaco avevano livelli ridotti del virus nelle loro vie nasali e sintomi della malattia più brevi. La dose di 8 grammi data al Presidente è stata considerata la “dose alta” nel recente studio clinico e il farmaco sembrava funzionare meglio nei pazienti che non producevano i propri anticorpi contro la Covid-19.

Il farmaco Regeneron è attualmente ancora sperimentale e non è stato approvato dalla FDA per uso di emergenza, ma a luglio è stato annunciato che il governo avrebbe collaborato con Regeneron e avrebbe dato all’azienda 450 milioni di dollari per produrre la terapia anticorpale in cambio dell’accesso a dosi di il farmaco.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli anticorpi contro i virus vengono prodotti naturalmente dal sistema immunitario sia dall’uomo che dagli animali, ma alcuni anticorpi sono più potenti di altri. Il trattamento di Regeneron consiste in due anticorpi, che sono stati identificati dopo lo screening di migliaia di candidati da entrambi i tipi di topi che sono stati geneticamente modificati per avere un sistema immunitario umano e da pazienti che si sono già ripresi dalla Covid-19.

La speranza è che uno o entrambi questi anticorpi prendano di mira la proteina spike sul virus SARS-CoV-2, che impedirebbe al virus di infettare le cellule sane all’interno del corpo. Questo farmaco è simile a quello che Regeneron ha iniziato a sviluppare contro l’Ebola diversi anni fa, che ha mostrato risultati positivi in ​​uno studio pubblicato lo scorso anno. Vale la pena notare che finora, l’azienda ha solo i risultati dei primi 275 pazienti che sono stati trattati con il nuovo farmaco Covid-19, la maggior parte dei quali erano significativamente più giovani del presidente Trump e non sono stati ricoverati in ospedale. Sebbene sia in corso una sperimentazione su pazienti ospedalizzati, tali dati non sono ancora stati rilasciati.

Il medico del presidente ha anche affermato che, oltre al nuovo farmaco, il presidente Trump ha assunto zinco, vitamina D, famotidina, melatonina e un’aspirina quotidiana. La famotidina (un bloccante dell’acido gastrico), la melatonina (un aiuto per dormire) e l’aspirina non sono fuori dall’ordinario. Si è ipotizzato che lo zinco e la vitamina D possano aiutare a prevenire o ridurre la durata della malattia da Covid-19, ma ciò non è stato definitivamente dimostrato. L’età e il peso del presidente, tuttavia, hanno dimostrato di essere gravi fattori di rischio per lo sviluppo di gravi complicazioni da Covid-19.