Il fracking può generare terremoti importanti

Una nuova ricerca indica che il fracking, anche con anidride carbonica liquida, provoca piccoli tremori che in precedenza non erano chiaramente attribuiti a questo metodo. Mentre la fratturazione a base di CO2 può sequestrare il carbonio, a vantaggio dell’ambiente, sia la fratturazione a base di CO2 che quella a base acqua possono portare a questi tremori, con il potenziale di generare terremoti più dannosi

0
241
Il fracking può generare terremoti importanti
Il fracking può generare terremoti importanti

Una nuova ricerca ha confermato che il fracking è responsabile di piccoli e lenti terremoti o tremori precedentemente inspiegabili. I tremori sono prodotti dagli stessi processi che portano a generare terremoti grandi e dannosi.

Il fracking prevede l’iniezione forzata di fluidi sotto la superficie terrestre per recuperare petrolio e gas naturale. Sebbene venga comunemente eseguito utilizzando le acque reflue, questa particolare indagine ha esaminato cosa succede quando viene utilizzata l’anidride carbonica liquida. Questo metodo spinge il carbonio in profondità nel terreno, impedendogli di contribuire alla ritenzione del calore atmosferico.

Secondo alcune stime, il fracking con biossido di carbonio potrebbe far risparmiare una quantità di carbonio pari a quella di un miliardo di pannelli solari ogni anno. È molto più vantaggioso per l’ambiente effettuare il fracking con CO2 liquida che con le acque reflue, che non mantengono il carbonio fuori dall’atmosfera.

Poiché questo studio esamina un processo che sequestra il carbonio nel sottosuolo, potrebbero esserci implicazioni positive per la sostenibilità e per la scienza del clima”, ha spiegato Abhijit Ghosh, professore associato di geofisica alla UC Riverside e coautore dello studio pubblicato sulla rivista Science.

I tremori associati al Fracking

Tuttavia, poiché l’anidride carbonica viene utlizzata allo stato liquido, Ghosh ha affermato che i risultati di questo studio si applicano quasi certamente anche al fracking effettuato con acqua. Entrambi potrebbero causare i tremori rilevati.



Su un sismografo, i terremoti e le scosse regolari appaiono in modo diverso. I grandi terremoti provocano forti scosse con impulsi di elevata ampiezza. I tremori sono più delicati, salgono lentamente al di sopra del rumore di fondo con un’ampiezza molto minore, per poi diminuire lentamente.

Impianto di perforazione del gas di scisto
Impianto di trivellazione (fracking) di shale gas vicino ad Alvarado, Texas. Credito: Loadmaster (David R. Tribble)

Siamo lieti di essere ora in grado di utilizzare questi tremori per tracciare il movimento dei fluidi derivanti dal fracking e monitorare il movimento delle faglie risultanti dalle iniezioni di fluidi”, ha affermato Ghosh.

In precedenza si era discusso tra i sismologi sulla fonte di queste scosse. Mentre alcuni articoli sostenevano che i segnali del terremoto provenissero da grandi terremoti avvenuti a migliaia di chilometri di distanza, altri pensavano che avrebbero potuto essere rumore generato da attività umane, come il movimento di treni o macchinari industriali.

I sismometri non sono intelligenti. Potresti guidare un camion nelle vicinanze, o prenderne a calci uno con il piede, e registrerebbe quella vibrazione”, ha detto Ghosh. “Ecco perché per qualche tempo non sapevamo con certezza se i segnali fossero legati alle iniezioni di liquidi“.

Per determinarne l’origine, i ricercatori hanno utilizzato sismometri installati attorno a un sito di fracking a Wellington, nel Kansas. I dati coprivano l’intero periodo di iniezione del fracking di sei mesi, nonché il mese le iniezioni e il mese successivo.

Dopo aver scartato il rumore di fondo, il team ha dimostrato che i segnali rimanenti venivano generati sotto terra e apparivano solo durante le iniezioni di fluido. “Non abbiamo rilevato i tremori prima o dopo le iniezioni, il che suggerisce che i tremori siano collegati ad esse“, ha detto Ghosh.

È noto da tempo che il fracking può produrre terremoti più grandi. Per evitare che le faglie scivolino nel sottosuolo e producano terremoti, un’opzione sarebbe quella di fermare il fracking. Poiché ciò è improbabile, Ghosh afferma che è importante monitorare queste attività per capire come le rocce vengono deformate e per monitorare il movimento dei fluidi dopo l’iniezione.

Gli esperimenti di modellazione possono essere utili e venire eseguiti per aiutare le aziende a determinare le pressioni di iniezione dei fluidi che non devono essere superate. Rimanere entro questi limiti aiuta a garantire che i fluidi non migrino verso grandi faglie sotterranee, innescando un’attività sismica dannosa. Tuttavia, non tutti i danni possono essere mappati.

Possiamo modellare questo tipo di esperimento solo quando sappiamo che esiste un problema. È possibile che ci siano difetti di cui non siamo a conoscenza e, in questi casi, non possiamo prevedere cosa accadrà”, ha detto Ghosh.

Insomma, quando potremo smettere di estrarre gas e petrolio dal sottosuolo non sarà mai troppo presto.

Riferimento: “Tremor signals during fluid injection are generated by fault slip” di Shankho Niyogi, Abhijit Ghosh, Abhash Kumar e Richard W. Hammack, 3 agosto 2023, Science .
DOI: 10.1126/science.adh1331

2