Antartide: mappato il terreno sotto il ghiacciaio più vulnerabile

Per la prima volta, un team che comprende un esperto di Swansea ha mappato il terreno sotto il ghiacciaio più a rischio dell’Antartide, fornendo informazioni vitali sulla sua suscettibilità ai cambiamenti climatici.

Lo studio del team sulla geologia subglaciale del ghiacciaio Thwaites nell’Antartide occidentale ha rivelato una scarsità di roccia sedimentaria, un risultato inaspettato che potrebbe influenzare il movimento del ghiacciaio nell’oceano nei prossimi decenni.

Il ghiacciaio, che ha le dimensioni della Gran Bretagna o dello stato americano della Florida, è uno dei sistemi di ghiaccio-oceano in più rapida evoluzione in Antartide.

La ricerca è stata condotta dal British Antarctic Survey (BAS) e ha coinvolto il professor Bernd Kulessa, un glaciologo del dipartimento di geografia della Swansea University. I risultati hanno portato a una nuova mappa della geologia della regione, prodotta dai ricercatori del BAS e pubblicata sulla rivista Science Advances.

Il dottor Tom Jordan, un geofisico del British Antarctic Survey, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “I sedimenti consentono un flusso più veloce, come scivolare sul fango. Ora che abbiamo una mappa di dove si trovano i sedimenti scivolosi, possiamo prevedere meglio come si comporterà il ghiacciaio in futuro mentre si ritira”.

La zona di interramento del ghiacciaio Thwaites, il punto in cui incontra il fondale marino, si è ritirata di 14 km dalla fine degli anni ’90. Gran parte della calotta glaciale si trova al di sotto del livello del mare ed è suscettibile a una perdita di ghiaccio rapida e irreversibile che potrebbe innalzare il livello globale del mare di oltre mezzo metro in pochi secoli.

La nuova analisi si basa su rilievi aerei che utilizzano velivoli dotati di radar in grado di vedere attraverso il ghiaccio fino alle rocce sottostanti, nonché sensori in grado di mappare minime variazioni di gravità e magnetismo a migliaia di metri sotto terra e il fondale marino su cui poggia il ghiacciaio.

I ricercatori hanno utilizzato quindi queste molteplici fonti di dati per compilare un’immagine 3D delle caratteristiche, incluso il tipo e l’estensione delle diverse rocce.

Non è ancora chiaro come questa nuova conoscenza della geologia subglaciale influenzerà le stime del flusso e della perdita di ghiaccio da Thwaites e altri ghiacciai. Lo studio mostra che il paesaggio geologico ha un controllo diretto sullo stress di taglio basale, che influenza la velocità con cui il ghiaccio può fluire nell’oceano. I membri del gruppo di ricerca effettueranno ora studi più dettagliati di questi processi. I modellisti potrebbero anche essere in grado di utilizzare i nuovi dati per fare proiezioni più affidabili sulla futura perdita di ghiaccio.

Il professor Bernd Kulessa del dipartimento di geografia dell’Università di Swansea ha dichiarato: “Il rapido ritiro in corso del ghiacciaio Thwaites è senza dubbio una delle maggiori incertezze nelle future previsioni sull’innalzamento del livello del mare. Combinando una serie di set di dati geofisici aerei e analizzandoli utilizzando lo stato dei concetti scientifici, il nostro studio ha rivelato per la prima volta la geologia sotto il ghiaccio”.

“Questo è importante perché il ghiaccio del ghiacciaio può scivolare più facilmente su alcuni tipi di roccia rispetto ad altri, e il riscaldamento geotermico aiuterà il ghiaccio a scivolare ancora più velocemente in alcune zone. Il nostro studio, quindi, fornisce una base entusiasmante e nuova per previsioni migliori del futuro flusso di ghiaccio del ghiacciaio Thwaites e dell’innalzamento del livello del mare”.

Il professor Tom Jordan ha aggiunto: “Speriamo che mostrando la geologia dettagliata e il modo in cui si correla con l’attrito basale, i futuri modelli di ritiro glaciale avranno una minore incertezza, poiché i controlli dei processi basali saranno meglio compresi. Nessun singolo studio scientifico potrebbe mai eguagliare la portata e la sfida del cambiamento climatico. Ma è la costruzione incrementale di tutti i singoli studi scientifici come questo che ci consente di comprendere e affrontare questa sfida”, ha concluso.

Fonte: Science Advances

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Articoli correlati

Popular Categories