I corvi comprendono lo zero

È difficile immaginare un mondo senza zero, ma in realtà è un’idea sorprendentemente recente. Il concetto di zero è stato scoperto molto più tardi di numeri come due o 14 o anche 3,9 o 64/13. E se ci pensi, non è sorprendente: dopotutto, se sei un antico babilonese che cerca di tenere traccia delle tue pecore, lo zero è piuttosto inutile. 

Anche se tutte le tue pecore morissero per qualche piaga delle pecore, non diresti “Ho zero pecore” come un nerd che fa un test di matematica. Diresti qualcosa come “passami l’oppio , Esagil-kin-apli, tutte le mie pecore sono morte, non ho più pecore, è stata una giornata infernale“.

Quindi può sorprendere che gli esseri umani non siano l’unico animale in grado di comprendere il concetto: ci sono prove convincenti che le api possono concettualizzare lo zero come una quantità, e così anche il macaco rhesus. E secondo una nuova ricerca dell’Università di Tubinga in Germania, anche i corvi possono farlo. 

In un articolo pubblicato questo mese sul Journal of Neuroscience, gli scienziati hanno dimostrato che gli uccelli intelligenti non solo possono capire lo zero come una quantità numerica – come “qualcosa” piuttosto che “niente” – ma possono anche averne un’idea considerandolo come il numero più piccolo su una linea numerica mentale.

Questi animali potrebbero non aver bisogno del concetto di numerosità zero – a differenza della numerosità numerabile – nella loro vita quotidiana“, ha detto il coautore dello studio Andreas Nieder. “Ma sono abbastanza intelligenti da essere in grado di imparare questa categoria astratta“.

Il test di intelligenza dei corvi

I ricercatori hanno addestrato dei corvi a giocare a una sorta di gioco per computer, ha spiegato Nieder, in cui sono stati presentati due display, uno dopo l’altro, composti da zero e quattro punti. L’obiettivo dei corvi era di indicare correttamente se i due display avevano lo stesso numero di punti. 

Mentre giocavano, gli scienziati hanno monitorato la loro attività cerebrale. Esperimenti precedenti avevano dimostrato che il cranio degli uccelli canori corvidi contiene neuroni che si illuminano rispettivamente per uno, due, tre o quattro punti, ma nessuno sapeva se ci sarebbe stata una reazione simile a una visualizzazione di zero punti.

Abbiamo monitorato l’attività dei singoli neuroni in una parte del cervello nota per essere coinvolta in compiti cognitivi“, ha spiegato Nieder. 

Correlando le risposte dei neuroni con il comportamento dei corvi, abbiamo potuto esplorare come le percezioni numeriche dei corvi nel compito sono emerse dall’attività di tali neuroni“.

I ricercatori hanno scoperto che il cervello dei corvi ha effettivamente neuroni specifici che si illuminano per lo “zero”, ma non è stata la loro unica scoperta. Verificando quando i corvi hanno fallito nel compito, quando hanno confuso tre punti per quattro, ad esempio, il team è stato in grado di svelare quanto sia sofisticata la comprensione degli uccelli.

[I corvi] hanno confuso l’insieme vuoto più spesso con la numerosità uno che con la numerosità due“, ha detto Nieder. “Questo effetto è previsto solo se i corvi sono in grado di interpretare l’insieme vuoto come il valore numerico più piccolo sulla linea dei numeri“.

 La cosa più sorprendente di questa scoperta, ha detto Nieder, è quanto siano diversi i cervelli dei corvi da quelli delle scimmie. Le due specie si sono separate circa 320 milioni di anni fa, ha spiegato, e gli uccelli non hanno nemmeno una neocorteccia come i mammiferi. Eppure, gli uccelli hanno evoluto questa capacità, in modo completamente indipendente, per la concettualizzazione numerica astratta.

È stato sorprendente vedere che un cervello che si è evoluto anatomicamente distintamente e indipendentemente dal cervello dei mammiferi è in grado di afferrare il concetto di insieme vuoto“, ha osservato Nieder. 

Penso che dimostri che esistono alcune precondizioni filogenetiche che possono costituire una base evolutiva per ciò che negli esseri umani può svilupparsi in una comprensione completa del numero zero“.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Articoli correlati

Popular Categories