I cani hanno un’intelligenza sociale che gli permette di capire gli esseri umani

0
717

Pochi misteri scientifici possono essere risolti con l’aiuto di quasi 400 adorabili cuccioli birichini, ma un nuovo studio è una piacevole eccezione. I ricercatori hanno usato queste piccole palle di pelo per mostrare la capacità dei cani di comprendere le indicazioni umane – una rarità nel regno animale e una chiave per l’intelligenza sociale che sembra essere cablata nel DNA dei cani.

Usare i cuccioli per rispondere a questa domanda è un ottimo approccio“, afferma Heidi Parker, genetista presso il Dog Genome Project del National Institutes of Health degli Stati Uniti che non è stato coinvolto nello studio. “Il comportamento è il Santo Graal della genetica del cane“, dice. 

Gli scienziati, prima di iniziare la ricerca dei geni che potrebbero aver trasformato i cani nei nostri fedeli compagni, devono, innanzitutto, assicurarsi che questi geni ci siano, e “mi sembra che questo studio lo dimostri“.

Gli scienziati sanno da più di 2 decenni che i cani comprendono la logica dietro un gesto sorprendentemente complesso: quando indichiamo qualcosa, vogliamo che lo guardino. Questa forma di intelligenza sociale sfugge anche ai nostri parenti più stretti, gli scimpanzé, e aiuta i nostri compagni canini a legarsi con noi. 

Non è, però, chiaro se i cani acquisiscono questa capacità semplicemente vivendo con noi o se è codificata nei loro geni. “È l’unico pezzo del puzzle di cui non abbiamo prove“, afferma Evan MacLean, direttore dell’Arizona Canine Cognition Center presso l’Università dell’Arizona.



Se l’intelligenza sociale è genetica, i cani dovrebbero mostrarla in tenera età. E non dovrebbe essere necessario alcun apprendimento.

Questo è ciò che hanno scoperto MacLean e i suoi colleghi. Gli scienziati hanno collaborato con Canine Companions for Independence, che alleva cani per assistere le persone con disturbo da stress post-traumatico e disabilità fisiche. 

L’intelligenza sociale dei cani è genetica

Il gruppo ha prestato ai ricercatori 375 cuccioli di labrador e golden retriever di 8 settimane: erano appena abbastanza grandi per partecipare agli esperimenti, ma abbastanza giovani da aver avuto pochissima interazione – e quindi esperienza o apprendimento – con le persone.

Le cose non sono andate così piacevolmente come si potrebbe credere. “Lavorare con i cuccioli è come avere figli piccoli“, dice MacLean. “È un equilibrio tra momenti straordinariamente carini e gratificanti e la frustrazione che ti lascia sull’orlo della follia. Non c’è niente che non possa essere masticato o pisciato, comprese tutte le tue attrezzature di ricerca, i tuoi vestiti e il tuo corpo“.

I ricercatori hanno sottoposto i cuccioli a tre test. Per prima cosa, hanno eseguito un classico esperimento di puntamento, mettendo i cani giovani tra due tazze rovesciate – una contenente un dolcetto – e indicando quello con il dolcetto. Gli animali hanno capito il gesto più di due terzi delle volte, avvicinandosi alla performance dei cani adulti. 

Ma il loro rendimento non è migliorato dopo una dozzina di prove, suggerendo che non stavano imparando dal comportamento degli umani, dice MacLean.

In un secondo esperimento, un ricercatore è rimasto fuori da un grande box e, per 30 secondi, si è impegnato in quel tipo di “discorsetto da cucciolo” acuto familiare a quasi tutti coloro che hanno posseduto un cane: “Ehi cucciolo, guardati! Sei un bravo cucciolo“. Gli animali hanno trascorso una media di 6 secondi a fissare la persona. 

Tale contatto visivo è raro tra i mammiferi, perfino tra gli antenati dei cani, i lupi grigi, ed è una base importante per l’interazione sociale con le persone.

Nel test finale, i ricercatori hanno insegnato ai cuccioli a trovare il cibo in un contenitore di plastica, quindi lo hanno sigillato con un coperchio. A differenza dei cani adulti, che di solito si arrendono dopo pochi secondi e chiedono aiuto agli umani, i cuccioli raramente guardavano i loro compagni scienziati in cerca di aiuto. 

I cuccioli sembrano essere sensibili alla ricezione di informazioni dagli esseri umani“, come mostrano gli altri esperimenti, dice MacLean, “ma potrebbero non essere ancora consapevoli di poter sollecitare gli umani per chiedere loro aiuto“.

secondary puppy gaze 1280p
Uno scienziato calcola per quanto tempo un cucciolo guarda il suo viso, una base importante per l’interazione sociale. COMPAGNI CANINI PER L’INDIPENDENZA

Per confermare che i comportamenti di successo dei cuccioli dipendevano dalla genetica, i ricercatori hanno analizzato i loro pedigree per vedere quanto ogni cane fosse correlato agli altri. Quindi hanno confrontato questa correlazione con le prestazioni dei cani nei test. Circa il 43% della variazione delle prestazioni era collegata alla genetica, come riferisce il tema sul server di preprint bioRxiv.

Questa caratteristica funziona come l’ereditabilità dei tratti cognitivi, ad esempio il QI nelle persone, dice MacLean. “È insito nei geni che questi cuccioli ereditano dai genitori quanto le cose in psicologia“.

È un numero davvero alto per un tratto complesso come il comportamento: è un grosso problema“, concorda Noah Snyder-Mackler, un biologo evoluzionista dell’Arizona State University di Tempe, che ha collaborato con MacLean in passato, ma non è stato coinvolto con l’attuale studio. Secondo lui, la scoperta suggerisce che abbiamo fatto una forte selezione sui cani a proposito di queste abilità sociali in passato, finendo per selezionare cani che, a loro volta, hanno trasmesso questa capacità di interagire con gli esseri umani che conosciamo oggi.

Parker osserva che i cani da lavoro Labrador e golden retriever sono “piuttosto amabili” e vorrebbe vedere lo studio replicato con una più ampia varietà di razze. Dice anche che l’intelligenza sociale dei cani è probabilmente distribuita su centinaia di geni, il che potrebbe rendere le sequenze di DNA esatte difficili da individuare.

MacLean ha risposto di essere pronto per la sfida. 

Il suo team ha già avviato uno studio di associazione sull’intero genoma, che scansionerà il DNA dei cuccioli per cercare varianti genetiche legate a queste abilità sociali. Ciò che troverà nei cani sarà probabilmente vero per comportamenti complessi in altri animali, dice, compresi gli esseri umani. 

Per lo meno, questo lavoro avrà un lato positivo: il DNA non può fare pipì sulla tua gamba.

2